JAMIE LIDELL
S/T

 
 
27 Febbraio 2013
 

Seguo Jamie Lidell da oramai un decennio, dall’uscita di quel “Multiply” che ne svelò il grande talento di soulman contemporaneo e visionario: ho approfondito la sua carriera (compresi i seminali, ma sottavalutatissimi Super_Collider), criticato le involuzioni e apprezzato tremendamente l’ultimo disco “Compass”, verissimo capolavoro di black musica totale e attualissima. Era dunque con qualche timore, ma anche con grande speranza, che attendevo il nuovo lavoro, anticipato dal singolone “What a Shame”.

L’album, il primo omonimo, conferma la passione elettronica che già caratterizzava il suo predecessore, ma restringe il proprio range sonico, subendo l’ingombrante ombra di Prince che ammanta buona parte delle composizioni.
Infatti sin dall’iniziale e stratificata “I’m Selfish” il genietto di Minneapolis con il suo funk lascivo e scattante appare come principale punto di riferimento: è quindi inevitabile conseguenza di questa scelta che il nuovo “Jamie Lidell” mostri una spessa patina eighties, chiaramente palpabile in “Big Love” e nella più suadente e synthetica “Do Yourself a Faver”.
Tra soluzioni pop leggermente banali (“Blaming Something”) e incursioni cinematiche (“You Naked”), tra la consueta elettronica schizofrenica (“You Know My Name”, tra le vette del disco, anche grazie alla prestazioni più intensa di Jamie) e il sempre presente omaggio a Tom Waits (l’electro blues dell’onomatopeica “why_ya_why”) l’album scorre piacevolmente, senza però lasciarsi alle spalle quell’aura di grandezza e di urgenza che invece apparteneva ad almeno due suoi fratelli maggiori.

Sembra quasi che lo stesso Lidell abbia compreso appieno la propria statura di classico moderno e, nel volersi confermare, abbia sfornato un album piuttosto statico e convenzionale. Resta il fatto che anche un’opera convenzionale di Jamie Lidell rimane un gran bel divertimento. Per lui e per noi.

Jamie Lidell
[ Warp – 2013]
Similar Artist: Prince, Frank Ocean, David Bowie, Mayer Hawthorne, Michael Fakesch, Andrea Nardinocchi
Rating:
1. I’m Selfish
2. Big Love
3. What a Shame
4. Do Yourself a Faver
5. You Naked
6. why_ya_why
7. Blaming Something
8. You Know My Name
9. So Cold
10. Don’t You Love Me
11. In Your Mind
Tracklist
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Recent Comments