DAWN MCCARTHY & BONNIE ‘PRINCE’ BILLY
What The Brothers Sang

 
 
11 marzo 2013
 
Dawn McCarthy & Bonnie 'Prince' Billy

Chi non conosce gli Everly Brothers non saprà nemmeno che sono stati tra i primi dieci ad essere inseriti nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1986, e se li ascoltasse per la prima volta ammetterebbe soltanto: Si spiegano tante cose.

Certo, difficilmente andrebbe a cercare un loro disco da qualche parte, sono troppo vecchi, sono troppo poco alternativi… ma quantomeno ne resterebbe affascinato. Per questo motivo sono giunti in soccorso Dawn e Bonnie, che già hanno collaborato in passato, e che è evidente che ai due fratelli americani devono molto: tantissimi, dopotutto,quelli che si sono ispirati a loro e ancora lo fanno spudoratamente: Beatles, Beach Boys, John Denver, Simon and Garfunkel e tutto il country moderno. Indimenticabile l’apparizione durante l’ultimo tour di S&G, quando cantarono “Bye bye love” (non presente in questa raccolta), canzone già inserita in “Bridge Over Troubled Water”.

Non sono da disdegnare gli album di covers, anzi sono un’occasione incredibile: canzoni che non metteresti mai nell’ipod (io sì) riproposte in chiave moderna, registrate con tutti i crismi, con armonizzazioni pulite sull’orlo del commovente, da due musicisti che ce le hanno da sempre nelle corde vocali perché con queste canzoni sono cresciuti. Un tipo di approccio alla musica del passato che esalta la storia di un genere come quello del country rock melodico senza il rischio di deturparne l’intenzione primitiva con cui queste canzoni sono state scritte.

Sarà perché quest’album ha una tracklist incredibile, sarà perché Dawn McCarthy e Bonnie ‘Prince’ Billy hanno delle voci troppo fluide e melodiose, sarà perché in fondo abbiamo tutti bisogno di un po’ di country, sarà perché nella vita abbiamo bisogno di trovare ciò di cui abbiamo bisogno… io non riesco a smettere di ascoltarlo. Perché It seems that I found everything that I wanted / All in Omaha / Everything’s there my love and my laughter / It’s all in Omaha / The rest of the world doesn’t matter / When you find what you’re after (“Omaha”).
Il resto del mondo non importa quando trovi ciò che stai inseguendo.

What The Brothers Sang
[ Drag City – 2013 ]
Similar Artist: Everly Brothers, Simon and Garfunkel
Rating:
1. Breakdown
2. Empty Boxes
3. Milk Train
4. What Am I Living For
5. My Little Yellow Bird
6. Devoted to You
7. Somebody Help Me
8. So Sad
9. Omaha
10. It’s All Over
11. Poems, Prayers, & Promises
12. Just What I Was Looking For
13. Kentucky

Tracklist
 
 

Death Cab For Cutie – The ...

I Death Cab For Cutie hanno pubblicato sei EP nella loro ormai lunga carriera. Un buon modo per riunire sotto lo stesso tetto versioni ...

Clairo – Immunity

Clairo è un altro tassello che è parte di una wave di nuove viralità e innovative forme artistiche che vanno oltre i singoli e la musica ...

Ezra Furman – Twelve Nudes

A distanza di un anno e mezzo dal precedente ottimo lavoro “Transangelic Exodus”  ritorna Ezra Furman, e lo fa con un album diverso, ...

The S.L.P. – The S.L.P.

“Mi sento come avessi visto la Terra dallo spazio”, dice il buon Pizzorno, deus ex machina dei Kasabian alla sua prima ...

Thee Oh Sees – Face Stabber

Prima di partire per questa recensione vi consiglio caldamente di leggere quelle dei loro album precedenti “Smote Reverse” e ...