ESBEN AND THE WITCH
Wash The Sins Not Only The Face

 
 
11 Marzo 2013
 

Alla pubblicazione dell’EP “Hexagons” le posizioni degli Esben and the Witch riguardo la nuova uscita discografica a venire sembravano più o meno ben delineate e piuttosto apprezzabili: il gusto gothic-pop che contraddistingueva l’esordio veniva infatti arricchito di droni e percussioni alternati a inserti shoegaze più rarefatti e lontani dalla forma canzone tradizionale. Il risultato finale alleggeriva tanta inutile pesantezza dell’esordio senza compromettere la propria credibilità, e faceva ben sperare per il sophomore.

Eccoci qui, a solo un anno di distanza, a veder smontate quelle aspettative in maniera totale e assoluta. A partire dal primo singolo, fatto uscire un paio di mesi prima della pubblicazione dell’album, si comincia a intuire che qualcosa non va; la pessima “Deathwaltz”, alt-rock arioso e indefinito, dove anche la stessa Rachel Davies sembra perdere smalto in un cantato piuttosto anonimo. Il seguente estratto “Despair”, a un primo ascolto altro pesante tonfo, risulterà paradossalmente all’ascolto del lavoro completo uno dei pochi brani decenti proposti. Seguono quindi, in parata, momenti shoegaze privi di ispirazione come “Yellow Wood”, “Putting Down The Prey”, vani tentativi di ravvivamento per chitarre effettate a caso in “Slow Wave”, “When That Head Splits”, e tanto, tanto piattume senza carattere, come se l’abbandono della forma canzone tradizionale e di un certo retrogusto pop fosse automaticamente sinonimo di noia. Un brutto disco che culmina in una grottesca tripletta finale, dove la drammaticità immotivata e malriuscita e le sgraziate atmosfere eteree proposte si afflosciano sull’orecchio dell’ascoltatore come si abbatterebbe un grosso martello sulle loro palle. Definitivamente un disco mal riuscito, magari anche partito da buone intenzioni e dalla ricerca di un rinnovamento che però, a conti fatti, non solo non c’è ma è anche colpevole di disperdere le buone promesse dei lavori precedenti.

Wash the Sins Not Only the Face
[ Matador – 2013 ]
Similar Artist: Gazelle Twin, Chelsea Wolf
Rating:
1. Iceland Spar
2. Slow Wave
3. When That Head Splits
4. Shimmering
5. Deathwaltz
6. Yellow Wood
7. Despair
8. Putting Down The Prey
9. The Fall Of Glorieta Mountain
10. Smashed To Pieces In The Still Of The Night
Tracklist
 

1 Comment

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Che esagerazione! 1 non lo merita nemmeno “The 2nd Law” dei Muse, o quella ciofega di “The King of Limbs” (idolatrato perché c’è scritto Radiohead sulla copertina). Certo, i difetti non mancano a questo disco: sound non proprio originale, produzione che forse nasconde qualche carenza compositiva… Però qualcosa salverei.

 

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Recent Comments