ALCOA
Bone & Marrow

 
 
22 Marzo 2013
 
ALCOA

Alcoa è un nome che nell’italico stivale evoca scenari di crisi e perdita di lavoro incipiente. Ma Derek Archambault dei Defeater delle nostre disgrazie non sa nulla, e ha deciso di chiamare così il suo progetto solista circa dieci anni fa quando, mentre era in tour con la band di allora, si è trovato a dover attraversare la cittadina di Alcoa nel Tennessee. Un posto come un altro che però è rimasto impresso nella mente del giovane cantante e chitarrista, già allora desideroso di sfondare.

Tira fuori il suo lato più intimista e confidenziale il solitamente arrabbiatissimo Derek e nelle undici tracce di questo “Bone & Marrow” si cimenta con la chitarra acustica, prendendo esempio e ispirazione da sfortunati menestrelli come il mai troppo compianto Elliott Smith, da colleghi più esperti in materia come Ryan Adams. Tanto folk e un po’ di country dunque, sulla scia di canzoni più riflessive dei Defeater come “I Don’t Mind”, con qualche ballata in onore dell’amore giovanile perduto e cupe riflessioni che portano il buon Archambault a meditare sulle sue radici (“Family Tree”) e piangersi un po’ addosso (“I Don’t Feel Welcome Here or Anywhere”).

Quando ricorda le notti passate on the road a bere e fumare viste dalla non allettante prospettiva del mal di testa mattutino (“Keep Track / Lose Track”, “Cab Rides & Cigarettes”, “Whiskey & Wine”) o racconta di profondi attacchi di nostalgia e pene di cuore di varia natura però Derek sembra titubante e pare poco convinto dei suoi mezzi. Come se non si sentisse ancora perfettamente a proprio agio lontano dal caos e dal rumore costante della power band da cui proviene.

Comunque non male come esordio in solitaria alla fine, anche se non convince del tutto. La versione hardcore resta al momento quella più riuscita ma le premesse per una proficua carriera parallela ci sono, soprattutto in pezzi come “Rilke”, “Drowned” “Limbs” e i due “Untitled”. Rispetto ad altri che hanno percorso la stessa strada, barattando momentaneamente l’aggressività per la quiete, però manca ancora qualcosa. Non c’è quella varietà di tono e temi, quella scintilla che avrebbe potuto trasformare “Bone & Marrow” da onesto e sincero prodotto che interesserà soprattutto i fan dei Defeater in un album per tutte le orecchie e i palati, scintilla che artisti come Greg Graffin ad esempio sono riusciti a conservare anche “ballando da soli”. Per ora arriva solo una sufficienza, in futuro chissà.

Cover Album

Bone & Marrow
[ Bridge 9 – 2013 ]
Similar Artist: Ryan Adams, Greg Graffin
Rating:
1. Keep Track/Lose Track
2. Drowned
3. I Don’t Feel Welcome Here or Anywhere
4. Cab Rides & Cigarettes
5. Limbs
6. Second Untitled
7. Rilke
8. Lucky Me
9. Family Tree
10. Whiskey & Wine
11. Third Untitled

Tracklist
 
 

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...

Alain Johannes – Hum

Il nome di Alain Johannes non è certo sconosciuto agli appassionati della matrice più alternativa e avventurosa del rock. Produttore, ...

Hockey Dad – Brain Candy

Ritornano gli Hockey Dad a due anni e mezzo di distanza dal loro sophomore, “Blend Inn”: la divertente band surf-pop del New South ...

Dizzy – The Sun and Her ...

Un paio di anni fa avevo parlato, sempre sulle pagine di IFB, dell’esordio dei canadesi Dizzy. Il titolo dell’album mi era ...

The Psychedelic Furs – Made ...

Il nome degli Psychedelic Furs è indubbiamente legato agli anni ottanta, ma lungi dall’essere associati al filone più commerciale ...