WOODKID
The Golden Age

[ Green United Music - 2013 ]
7
 
Genere: synth-wave
Tags:
 
10 Aprile 2013
 

Chi è Yoann Lemoine? Mr. Lemoine ha diretto di alcuni dei video più chiacchierati degli ultimi tempi:  “Born to Die” e “Blue Jeans” di Lana Del Rey e “Take Care” di Drake. Yoann Lemoine, ventinovenne parigino, non è solo regista e produttore. Yoann Lemoine è Woodkid.  Sotto lo pseudonimo di Woodkid, Lemoineha vinto il Grammy per Best Music Video con il singolo “Run Boy Run”. I suoi brani sono stati inserito nella colonna sonora di Django Unchained ed usati come sample da Kendrick Lamar.

Se ancora il nome non vi dice niente, Woodkid è stato inoltre  citato nella rete con l’uscita dell’EP “Iron” due anni fa. Se “Iron” giocava su suoni tribali ed atmosfere synth-ambient, il debutto “The Golden Age” esplora territori futuristici, con qualche accenno alla post-wave e post-industrial. Ciò che rende “The Golden Age” diverso però è l’impostazione tendenzialmente orchestrale, che si rifà ad una ricchezza strumentale in grado di enfatizzare il sottotono epico del disco (la title track in apertura è solo un esempio).

La voce di Woodkid si discosta dalle tipiche linee vocali del sottogenere “synth”, con un caratteristico timbro vocale, che sembra incastrarsi perfettamente nella pomposità degli strumenti (“Ghost Lights”). Se alcuni brani si basano sul mix di basi elettroniche, ambient e intrecci orchestrali (“Boat Song”, “I Love You”), non mancano esempi più minimali ed intimistici  (“Where I Live”). Preferite su tutte le incursioni da Selvaggio West alla Leone in (“The Great Escape”), il richiamo al cinema francese e le atmosfere fantasy a là Elfmann di “The Shore” ed il singolo “Run Boy Run”, un mix di alti e bassi ritmici, in grado di giocare con diverse velocità per creare un immaginario epico.

“The Golden Age” riprende molto dalla tradizione filmica e dalle colonne sonore, eppure non è possibile parlare di un filone univoco. Più che una colonna sonora, lo definirei un mixtape di diversi generi ed influenze: dal Western allo sci-fi, dal fantasy alle commedie di Woody Allen e l’epicità di colossal come Trecento. Per amanti del cinema e non solo.

Tracklist
1. The Golden Age
2. Run Boy Run
3. The Great Escape
4. Boat Song
5. I Love You
6. The Shore
7. Ghost Lights
8. Shadows
9. Stabat Mater
10. Conquest Of Spaces
11. Falling
12. Where I Live
13. Iron
14. The Other Side
 
 

Tomberlin – I Don’t ...

Dopo quasi quattro anni dal suo ottimo debutto full-length “At Weddings”, Tomberlin ritorna con un nuovo lavoro, pubblicato ancora una ...

Blossoms – Ribbon Around the ...

Quando in redazione mi è stato chiesto di recensire l’ultimo album dei Blossoms, dopo che sempre il povero artigiano dello scrivente ...

Rough Enough – Che La Testa ...

Chi ha paura dei Rough Enough? Ormai giunti alla terza fatica dopo “Get Old and Die” e “Molto Poco Zen” i siciliani Fabiano Gulisano ...

Alessandro Fiori – Mi sono ...

Sei anni dopo “Plancton” torna Alessandro Fiori, e lo fa con un lavoro che si presenta come una serie di brani che sembrano quasi essere ...

The Asteroid No.4 – Tones Of ...

Undicesimo album per la band che formatasi a Philadelphia nei primi anni novanta, trovò nella calda California un ottimo luogo dove ...