HARPER SIMON
Division Street

 
 
17 Aprile 2013
 

Harper è figlio di Paul. Simon, ovviamente, ed è al suo secondo album: davvero niente male era stato quell’album omonimo che tanto ci ha ricordato la nostra giovinezza, senza scadere in una facile imitazione di un padre per altro irraggiungibile. Il timbro vocale è rimasto (e ci mancherebbe anche che fosse il contrario) lo stesso, vellutato e poco incisivo in altri contesti che non siano il folk o il pop.

Ebbene, con Division Street, il nostro giovane Harper ha attraversato realmente una strada di divisione, messa a confine di due mondi: quello in cui noi credevamo in lui, e quello in cui lui crede in sé. Basterebbe “Veterans parade” per capire che il mondo della chitarra acustica è stato scalzato dal mondo dell’elettrica, e bisogna aspettare “Eternal questions” per rivedere quel luccichio cantautorale di qualche anno fa ed essere salvati dalla noia rock & roll della prima parte dell’album. Un arpeggio ci riporta nel mondo delle nostre aspettative: è quello di “Just like St.Teresa”, che ci concede insieme alle restanti tracks una lunga boccata d’aria lontana dal grigiore cittadino in cui Harper sembrava aver deciso di trasferirsi.

Non si notano sparse qua e la lungo il disco collaborazioni d’eccezione: il batterista Pete Thomas degli Elvis Costello’s Attractions, Nikolai Fraiture degli Strokes, Nate Walcott dei Bright Eyes e Mikael Jorgensen dei Wilco. Davvero non male, poi, se il produttore è Tom Rothrock, quello di Elliott Smith, per intenderci, il che fa capire molte cose sulle influenze.

L’album chiude in modo etereo e stanco con l’accoppiata “Breathe out love” e “Leaves of golden brown”. Paul Simon cantava “the leaves that are green turn to brown”: Harper le raccoglie e le colora d’oro.
Ma non è tutto oro quello che luccica.

Division Street
[ Pias – 2013 ]
Similar Artist: Elliott Smith, qualcosa tra gli Weezer e gli Smiths
Rating:
1. Veteran’s parade
2. Bonnie Brae
3. Division street
4. Dixie Cleopatra
5. Eternal questions
6. Chinese Jade
7. Just like St. Teresa
8. ’99
9. Breathe out love
10. Leaves of golden brown

Tracklist
 
 

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...

Alain Johannes – Hum

Il nome di Alain Johannes non è certo sconosciuto agli appassionati della matrice più alternativa e avventurosa del rock. Produttore, ...

Hockey Dad – Brain Candy

Ritornano gli Hockey Dad a due anni e mezzo di distanza dal loro sophomore, “Blend Inn”: la divertente band surf-pop del New South ...

Dizzy – The Sun and Her ...

Un paio di anni fa avevo parlato, sempre sulle pagine di IFB, dell’esordio dei canadesi Dizzy. Il titolo dell’album mi era ...

The Psychedelic Furs – Made ...

Il nome degli Psychedelic Furs è indubbiamente legato agli anni ottanta, ma lungi dall’essere associati al filone più commerciale ...