BILLY BRAGG
Tooth & Nail

[ Cooking Vinyl - 2013 ]
7.5
 
Genere: rock, folk
 
29 Aprile 2013
 

È un artista incredibile, Billy Bragg. Ma sembra che spesso e volentieri questa cosa se la dimentichino in troppi. Non è semplice riunire Dylan e i Clash nella stessa persona, ma il buon vecchio Billy in anni di onorata carriera ci è riuscito splendidamente. Con parole pungenti e colme d’ironia, sparate attraverso l’ausilio di una chitarra una volta sferragliante e poi acustica, con toni che sanno essere sia incendiari che struggenti. Si può anche discutere di come quest’uomo assieme ai Wilco, sia riuscito a riportare in vita i testi di Woody Guthrie rimasti sepolti. Senza poi contare il suo sguardo puntato verso l’orizzonte, con gli occhi spalancati e il pugno sempre alzato. La Sinistra di Billy Bragg non è tronfia e seriosa; ma vivace, combattente, anti – retorica: la sua concezione di canzone politica è quella col sorriso sulle labbra ma col cervello sempre acceso e aperto. È quella del ragazzo che non cercava una nuova Inghilterra, ma solo un’altra ragazza.

Alla luce di tutto ciò, è giunto il momento di parlare del nuovo disco, che vede il ritorno del cantautore inglese a cinque anni dal sottovalutato “Mr. Love & Justice”.
In “Tooth & Nail”, Billy Bragg mette parzialmente da parte la politica, per schierarsi quasi del tutto dalla parte di se stesso, in un lavoro che di intimo ha anche il suono acustico e avvolgente, risultato dell’ottima registrazione effettuata in presa diretta nel giro di pochi giorni da Joe Henry. Dodici splendidi episodi, estremamente introspettivi, che fanno parlare l’Uomo, con pochi riferimenti a tutto quel che gli ruota attorno. È il “Blood On The Tracks” che mancava alla sua carriera, un disco urgente nonostante i cinquantasei anni del suo autore: canzoni da pelle d’oca, cantate con una voce che con gli anni si è fatta sempre più profonda e più bella; canzoni capaci di far male nonostante la loro dolce apparenza (“Goodbye, Goodbye”), magistrali episodi folk – rock (“No One Knows Nothing Anymore”, “There Will Be A Reckoning”) e ballate dylaniane (“January Song”). “Ain’t Got No Home” è una cover dell’altro Maestro, Guthrie; mentre la conclusiva “Tomorrow’s Going To Be A Better Day” è un efficacissimo sunto della filosofia braggiana: un critico e pacato sguardo di positività per combattere contro un cinismo oggi fin troppo imperante.

Ci voleva, un disco come “Tooth & Nail”. Si piazza infatti tra i migliori sfornati da questo fantastico britishman, che ha dalla sua anche l’accortezza e il buon gusto di mettersi a scrivere e a lavorare su nuovi pezzi quando glielo lo chiede l’ispirazione, evitando di far uscire roba che è tanto bellina quanto inutile.

Si attende adesso un nuovo tour, mentre questo gioiello compie il suo ennesimo passaggio nel lettore: cosa doverosa, anche solo per sentirsi persone migliori.

Credit Foto: Jacob Blickenstaff

Tracklist
1. January Song
2. No One Knows Nothing Anymore
3. Handyman Blues
4. I Ain’t Got No Home
5. Swallow My Pride
6. Do Unto Others
7. Over You
8. Goodbye, Goodbye
9. There Will Be A Reckoning
10. Chasing Rainbows
11. Your Name On My Tongue
12. Tomorrow’s Going To Be A Better Day
 
 

Lonely Guest – Lonely Guest

Una pruriginosa irrequietezza si insinua alle prese con questo “Lonely Guest” nel sapere che dietro questo pseudonimo si ...

W.H. Lung – Vanities

Secondo album per la band di Manchester dopo il meritato successo dell’esordio “Incidental Music” pubblicato nella ...

Marissa Nadler – The Paths of ...

Dicono che Marissa abbia avuto l’ispirazione per le canzoni di questo suo nono album in parte dalle visioni in lockdown della serie ...

Penelope Isles – Which Way To ...

E’ ovviamente un grande piacere poter ascoltare il sophomore dei Penelope Isles, che già ci avevano ben impressionato con il loro ...

Jerry Cantrell – Brighten

Torna come solista dopo diciannove anni il grande chitarrista e fondatore degli Alice in Chains, Jerry Cantrell, anche se questa volta lo fa ...