DEERHUNTER
Monomania

[ 4AD -2013 ]
7.5
 
Genere: alternative rock
 
6 Maggio 2013
 
Deerhunter

Brandon Cox (ma vado per intuizione) deve essere una di quelle persone che passano da un dipendenza all’altra, uno di quelli che iniziano e continuano un numero imprecisato di collezioni, con una intensità e un’attitudine maniacale ai dettagli. Salvo poi gettare tutto via e ricominciare da capo: il piccolo museo di casa Cox, un armadio pieno di vestiti che sembrano costumi, personalità e personaggi intercambiabili nel corso della giornata. Da A a Z passando per tutte le altre lettere, ma rimanendo sempre riconoscibile. Nel 2010 c’era “Halcyon Digest”, nel 2011 c’era “Parallax” come Atlas Sound, oggi abbiamo un ragazzo troppo alto e troppo magro (clinicamente si chiama sindrome di Marfan) che si presenta al Late Night with Jimmy Fallon come Connie Lungpin, con tanto di dita (aracnodattili) medicate, un tributo incomprensibile all’infortunio del padre di qualche tempo prima. Oggi abbiamo un ragazzo che si fissa con la luce al neon, tanto da fare un intero album che sembra suonato mentre tonnellate di luci al neon e di insegne si accendono e si spengono seguendo il ritmo delle canzoni. Mono-monomania, monomania (ripetere x3)

In un’intervista del 2009, riportata di recente da Stereogum, Cox dice che per lui non c’è una vera differenza tra quanto pubblicato ufficialmente e il materiale abbozzato, ‘the blog stuff’ dice lui, e che certe cose sono addirittura meglio di quello che finisce sui dischi. E di altre dice I wouldn’t even remember. I just put stuff up so fast.
La manie sono un po’ così, consumano un sacco di energia senza motivo, sono a perdere, hanno bisogno di edificare palazzi temporanei, tirati su in fretta e precari, lasciati subito al loro destino – la mania musicale del prolifico Cox sembra proprio questo, la necessità di scrivere, comporre, incidere, anche se si dovesse abbandonare tutto domani. C’è un’ansia divorativa: dentro “Monomania” c’è un po’ di tutto, si lanciano riferimenti dai Sonic Youth agli Slowdive ai Ramones – fate un nome e se volete riuscite a sentircelo.

Più americano, più garage e sporco di altri suoi lavori (“Parallax”, ma non solo), “Monomania” parte con “Neon Junkyard”, tanto per sottolineare la recente passione per le insegne luminose e per questa sorta di garage rock da off licence aperti di notte. E se “The missing” potevamo ritrovarla su “Halcyon Digest”, “Pensacola” va a pescare anche dal country rock e Cox è un altissimo e magrissimo figlio di Dylan e di Beck che produce una traccia praticamente perfetta. Dodici belle tracce con una title track che rimane in testa, ancora e ancora.

Un disco di chi ha assorbito tutto, dell’entusiasmo e dell’amore sincero per la musica (americana, siamo proprio là) e che lo ripropone in una formula personalissima e ineccepibile. Non so se sarà uno dei dischi del 2013, ma certamente è un “Monomania” è un gran bel disco che penso ascolteremo volentieri anche quando il 2013 sarà solo un ricordo.

E non ho mai usato la parola retromania, e non l’ho neanche pensata. La rielaborazione, la velocità di una composizione che spreca energie perché può ancora farlo, l’amore monomaniacale e ineconomico è quello che ci consegnano questi anni. E va benissimo così.

Tracklist
1. Neon junkyard
2. Leather jacket II
3. The missing
4. Pensacola
5. Dream captain
6. Blue agent
7. T.H.M.
8. Sleepwalking
9. Back to the middle
10. Monomania
11. Nitebike
12. Punk (la vie antérieurer)
 
 

Desert Sessions – Vols. 11 ...

Sedici anni dopo gli ultimi segnali di vita, si riaprono i cancelli del Rancho de la Luna. Le Desert Sessions sono ripartite, nonostante ...

Comet Gain – Fireraisers ...

Formatisi agli inizi degli anni 90 e con molte line up che si sono succedute negli anni a venire, i Comet Gain di David Feck tornano dopo ...

Pieralberto Valli – Numen

Pieralberto Valli, Pav, torna a far ascoltare nuovi, particolarissimi, brani musicali nel suo ultimo disco dal titolo “Numen”. Numen è ...

Marianne Mirage – Vite ...

Una riccia fuori dalle righe e unconventional, è così che ci piace definire Marianne Mirage nome d’arte di tutto rispetto attorno cui ...

The Menzingers – Hello Exile

È possibile realizzare un album vivace, intenso e pieno di belle melodie senza mettere in mostra uno straccio di idea originale? Stando ai ...