SAVAGES
Silence Yourself

[ Matador/Pop Noire - 2013 ]
 
Genere: indie-rock/ post-punk
Tags:
 
10 Maggio 2013
 

Inizia con un estratto di “Opening Night”, film di John Cassavettes del 1977, “Silence Yourself”. E quei quarantanove secondi lasciano in eredità un’atmosfera tagliente e dark, che contagia l’intero disco d’esordio delle Savages. Quartetto di Londra tutto al femminile (alla frontwoman Jehnny Beth, che fa anche parte del duo John And Jehn oltre ad essere attrice part-time, si affiancano Ayse Hassan al basso, Fay Milton alla batteria e Gemma Thompson alla chitarra) che, grazie al magnetismo mostrato sul palco e a un riuscito mix di sound post punk e tanta grinta, ha attirato l’attenzione della prestigiosa Matador (etichetta che pubblica l’album insieme a quella gestita proprio da Jehnny Beth, la Pop Noire).

Sono un gruppo onesto le Savages e lo ammettono subito che in “Silence Yourself” non c’è nulla che musicalmente non si sia già visto e sentito. L’essenzialità della copertina black & white, i ritmi sincopati alla Wire, distorsioni e sassofoni no wave, un gran basso (che vale mezza stella in più) e una batteria primitivi e trascinanti che per impeto ricordano gli exploit delle prime Slits, l’urgenza di un cantato che unisce l’intensità e il piglio di Patti Smith e momenti à la Siouxsie. Queste ragazze però credono in quello che dicono, ci credono e molto. Un particolare non da poco, che le differenzia da tante altre colleghe. Sicure dei propri mezzi, intrepide e furiose, fanno della semplicità la propria bandiera. Senza indugi, senza fronzoli, badano alla sostanza, pretendono di essere ascoltate (“I Am Here”). E quando parlano d’amore lo fanno con insofferenza (“Husbands”, “No Face”, “She Will”) sondandone i lati più oscuri (“Hit Me”, “Strife”, “Marshall Dear”). Niente cuoricini e biglietti di San Valentino, dunque. Il mondo che descrivono in “Waiting For A Sign”, “City’s Full” e “Shut Up”, un mondo in cui bisogna solo sorridere nonostante tutto, pedalare in silenzio e lottare per strappare agli altri un posto al sole, non le soddisfa neanche un po’. Tanto che con “Dead Nature” sembrano volergli fare il funerale. “Silence Yourself” è il loro modo di ribellarsi, di mostrare il dito medio e dire che no, non hanno intenzione di stare zitte e incassare.

Non sono ciniche, non rincorrono le mode Jehnny, Ayse, Fay e Emma. La loro indignazione, il loro fervore, lo stupore per quanto poco si sia evoluta la razza umana sono sentimenti autentici. Ed è soprattutto questo a restare impresso nella memoria, quando l’album finisce. Magari le Savages non riusciranno nell’ambizioso progetto che hanno detto di voler perseguire: cambiare il modo in cui molte persone vivono i rapporti personali e affettivi, il proprio lavoro, attraverso la musica. Chissà, forse sono perfino un po’ ingenue a pensare di poterlo fare. Ma hanno tutta l’intenzione di provarci, di impegnarsi fino in fondo per raggiungere l’obiettivo. E di questo gli và dato atto e merito. Non solo convinte, ma anche convincenti.

Tracklist
1.Shut Up
2. I Am Here
3. City’s Full
4. Strife
5. Waiting For A Sign
6. Dead Nature
7. She Will
8. No Face
9. Hit Me
10. Husbands
11. Marshall Dear
 
 

Suzanne Vega – An Evening Of ...

Chi in questi mesi ha dovuto rinunciare a un bel viaggio (magari oltreoceano) può consolarsi con questo delizioso disco dal vivo di Suzanne ...

I Like Trains – Kompromat

La parola Kompromat, si legge su Wikipedia, viene dal russo che significa”materiali compromettenti” ed è usato per indicare ...

The Slow Painters – The Slow ...

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi ...

The Flaming Lips – American ...

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo ...

King Buzzo with Trevor Dunn – ...

King Buzzo si prende una piccola pausa dal sound ruvido cui ci ha abituato in quasi quattro decenni di attività e, a sei anni di distanza ...