TRICKY
False Idols

[ K7! - 2013 ]
7.5
 
Genere: trip-hop
Tags:
 
24 Maggio 2013
 
Tricky

La sua è una continua lotta tra oscurità e luce, la sua vita passata è stata uno sfacelo, e nella musica ha trovato il riscatto negli Anni Novanta diventandone pioniere e re incontrastato col suo magnetico trip-hop che era balance tra i Massive Attack e i Portishead, poi il distacco e gli innumerevoli projects solisti o con altre modulazioni, ma sempre e comunque nei borderline delle notti buie sfondate, del colore nero della profondità per antonomasia, si considera un eroe sopravvissuto a droghe e eccessi, ma continua a sfornare dischi memorabili, piaccia o non piaccia, memorabili.

Il folletto dandy Tricky torna sui passi sonici di sempre con il nuovissimo “False Idols”, disco di distacco dalle espressioni progressive e sperimentali che lo avevano portato a derive, inciampi e sbucciate di tono e che ne avevano annebbiato leggermente la personalità, e torna tra le braccia maledette del suo Bristol Sound che tanto a dato e che ha espresso le volontà e le bizzarrie di chi nella notte cerca amore, conforto e perdizione; regno di samplers. beat, echi, nicotina blu e fraseggi campionati di Chet Baker, rallenty e un cleaner immacolato impressionante, e con lui la voce divina di Francesca Belmonte a piegare gli ascolti e portare il tocco tricolore nell’amalgama totale “Nothing’s changed”, “Bonnie & Clyde”, “Does it”.

Il divertente contrasto tra il suo estro spettacolare e l’esemplare scolasticità erudita, porta Tricky a scaldare leggermente territori cosparsi di folktronica o altri prettamente funky, ma poi “Tribal drums” e “I’m ready” ci riportano nelle delicate e forti sporcature che hanno – fino a prova contraria – il meraviglioso senso dell’invenzione. Si, si riporta indietro e non guarda più l’avanti questo angelo maledetto, ma il suo è un legame profondo, preferisce suonare la notte del suo mondo primario per rendergli allo stesso tempo il giusto tributo come fosse una nuova vita, una divina pena da (ri)scontare.
E se questa è una maledizione, che sia la benvenuta.

Credit Foto: rom@nski photo [CC BY 2.0], via Wikimedia Commons

Tracklist
1. Somebody’s sins
2. Nothing matters
3. Valentine
4. Bonnie & Clyde
5. Parenthesis
6. Nothing’s changed
7. If only I knew
8. Is that your life
9. Tribal drims
10. We don’t die
11. Chinese interlude
12. Does it
13. I’m ready
14. Hey love
15. Passion of the Christ
 
 

Lee Ranaldo & Raül Refree ...

Se non mi credete aprite Google Maps e cercate la città di Winnipeg, nello stato del Manitoba, in Canada; leggete i nomi delle sue strade: ...

Ozzy Osbourne – Ordinary Man

Dieci anni dopo l’ultima uscita solista, il Principe delle Tenebre riemerge dalle ceneri degli ormai definitivamente defunti Black Sabbath ...

SQÜRL – Some Music For Robby ...

Jim Jarmusch e il fido compagno di scorribande sonore, il producer e compositore Carter Logan, tornano a imbracciare gli strumenti sotto la ...

Stone Temple Pilots – Perdida

No, non ci siamo, non ci siamo proprio. Stavolta i fratelli De Leo l’hanno combinata davvero grossa, l’iconica band di San ...

Peggy Sue – Vices

Sono passati ben sei anni da “Choir Of Echoes”, il terzo album delle Peggy Sue, ma ora le ragazze di stanza a Londra gli anno finalmente ...