TRICKY
False Idols

[ K7! - 2013 ]
7.5
 
Genere: trip-hop
Tags:
 
24 Maggio 2013
 
Tricky

La sua è una continua lotta tra oscurità e luce, la sua vita passata è stata uno sfacelo, e nella musica ha trovato il riscatto negli Anni Novanta diventandone pioniere e re incontrastato col suo magnetico trip-hop che era balance tra i Massive Attack e i Portishead, poi il distacco e gli innumerevoli projects solisti o con altre modulazioni, ma sempre e comunque nei borderline delle notti buie sfondate, del colore nero della profondità per antonomasia, si considera un eroe sopravvissuto a droghe e eccessi, ma continua a sfornare dischi memorabili, piaccia o non piaccia, memorabili.

Il folletto dandy Tricky torna sui passi sonici di sempre con il nuovissimo “False Idols”, disco di distacco dalle espressioni progressive e sperimentali che lo avevano portato a derive, inciampi e sbucciate di tono e che ne avevano annebbiato leggermente la personalità, e torna tra le braccia maledette del suo Bristol Sound che tanto a dato e che ha espresso le volontà e le bizzarrie di chi nella notte cerca amore, conforto e perdizione; regno di samplers. beat, echi, nicotina blu e fraseggi campionati di Chet Baker, rallenty e un cleaner immacolato impressionante, e con lui la voce divina di Francesca Belmonte a piegare gli ascolti e portare il tocco tricolore nell’amalgama totale “Nothing’s changed”, “Bonnie & Clyde”, “Does it”.

Il divertente contrasto tra il suo estro spettacolare e l’esemplare scolasticità erudita, porta Tricky a scaldare leggermente territori cosparsi di folktronica o altri prettamente funky, ma poi “Tribal drums” e “I’m ready” ci riportano nelle delicate e forti sporcature che hanno – fino a prova contraria – il meraviglioso senso dell’invenzione. Si, si riporta indietro e non guarda più l’avanti questo angelo maledetto, ma il suo è un legame profondo, preferisce suonare la notte del suo mondo primario per rendergli allo stesso tempo il giusto tributo come fosse una nuova vita, una divina pena da (ri)scontare.
E se questa è una maledizione, che sia la benvenuta.

Credit Foto: rom@nski photo [CC BY 2.0], via Wikimedia Commons

Tracklist
1. Somebody’s sins
2. Nothing matters
3. Valentine
4. Bonnie & Clyde
5. Parenthesis
6. Nothing’s changed
7. If only I knew
8. Is that your life
9. Tribal drims
10. We don’t die
11. Chinese interlude
12. Does it
13. I’m ready
14. Hey love
15. Passion of the Christ
 
 

June Of 44 – Revisionist: ...

Qualcosa si muove nel variopinto mondo dei June Of 44 che mancavano, discograficamente parlando, da ventuno anni. “Revisionist” ...

Giacomo De Rosa – Segnali di ...

Giacomo De Rosa è il leader di tutti i Peter Pan, il capopopolo dei sognatori (quelli narcolettici, che non svegli nemmeno a colpi di ...

FUR – Facing Home Mixtape EP

I FUR ci fanno perdere la trebisonda e ci mandano metodicamente in brodo di giuggiole, con la loro indole rétro che, ovviamente, si ...

Love Fame Tragedy – Wherever ...

Quest’anno alcuni ex leader di indie rock band made in UK hanno pubblicato i loro primi lavori da solisti. Si parla, ad esempio, di ...

Julianna Barwick – Healing Is ...

L’artista statunitense Julianna Barwick, di stanza a Brooklyn dopo i primi anni trascorsi tra Louisiana, dove è nata, e Missouri, con ...