AA. VV.
The Great Gatsby OST

 
 
31 maggio 2013
 
The Great Gatsby OST

Ovvero di come come andata a vedere l’evento dell’anno e sono mi sono trovata davanti a Spiderman (e Tobey Maguire è solo parte del problema). Difficile che un film che aveva creato così tante aspettative riuscisse a non deludere nessuno, ma certo non è stato neanche poi così facile riuscire a sollevare così tante perplessità. Ma andiamo per ordine: la notizia che Jay-Z era stato scelto come produttore esecutivo della colonna sonora aveva addolcito quella che “Il Grande Gatsby” dovesse essere un altro film in 3d (questo forse ancora meno di altri film aveva bisogno di piogge e nevicate che ne giustificassero l’uso – a dimostrazione, nel primo weekend di programmazione USA, solo il 33% degli spettatori del primo weekend ha scelto la versione 3d). Forse c’era un motivo per aspettare fino al 16 maggio.

In una recente intervista al New York Times, Luhrmann ha detto che l’incontro con Jay-Z è avvenuto per caso, ma che la scelta di inserire una colonna sonora curata da lui aveva senso, perché hip hop now is what jazz was then, che oggi il jazz è considerato “an older music”, ma nel ’22 – l’anno in cui è ambientato Gatsby – era musica viscerale e eccitante, che colpiva l’opinione popolare come solo l’hip hop può fare adesso; se Fitzgerald ha dato tanta importanza a questo elemento, percé non rispettarne le volontà?
Nessuna obiezione, se solo questa colonna sonora contenesse effettivamente più hip hop e meno Fergie. Se solo questa colonna sonora fosse poi rilevante.

“No church in the wild” nel trailer, l’apertura del film con “100$ bill” di Jay-Z sono sì veramente adatte al film: sono un’operazione interessante sul serio. Peccato che poi l’influenza di Jay-Z scompare e appare Anton Monsted all’orizzone, co-produttore esecutivo e supervisore della colonna sonora (di tutti i film di Luhrmann, e si sente bene).
Forse il nome che dà più di tutti il senso di questa colonna sonora (e del film) è Lana del Rey: tanto struggimento, ma non c’è niente dietro. “Will you still love when I’m no longer young and beautiful?” chiede Lana e la Daisy del film – una tiepidissima Carey Mulligan – non è che questo, giovane e bella, con una “aching soul” non molto significativa in fondo. Il tema di “Young and beautiful” viene ripreso più volte, e davvero funziona come carta di identità per questo film – e anche per chi, come me, trova Lana del Rey meno fastidiosa della media, a un certo punto inizia a chiedersi dove sia finito Jay-Z e se sentire Fergie, will.i.am e una versione un po’ jazz di “Crazy in love” di Emeli Sandé sia una pena che dobbiamo proprio infliggerci.
“Over the love” (Florence+The Machine) viene fatta partire alla fine del primo party, c’è una donna che appoggiata a un piano canta “Now there’s green light in my eyes |And my lover on my mind”: una simbologia tanto facile (Jay Gatsby è ossessionato dalla luce verde in fondo al pontile di Daisy) e comprensibile da essere stucchevole, l’ennesima prova che lo strazio in Luhrmann è vero tanto è più plateale (“I sang by the piano | Tore my yellow dress and | Cried and cried and cried”), che il mistero è un problema da risolvere.

Pecca qui questo film, nello spiegare tutto: Gatsby non è misterioso, è un uomo a cui consegnare tanta commiserazione, da compatire. Non c’è niente dietro, e il pathos e i lustrini non coprono la mancanza di complessità che lo rende più vicino a uno Spiderman qualsiasi che a un film d’autore, problema che influisce anche sulla colonna sonora: una decorazione superflua, a cui possiamo anche non prestare attenzione, perché chi parlerebbe della colonna sonora dei baci di Maguire e Kirsten Dunst?
Un’occasione parzialmente buttata con qualche episodio interessante, come gli XX – questo è un film che invecchierà male, che sembra un po’ passato già adesso, con scene al limite del caricaturale, del ridicolo e se non ci si addormenta, neanche ci si esalta. Ce ne dimenticheremo e resteranno le promesse di un film che per adesso riempie le sale e che non voleva presentarsi così. Ci avevamo creduto un po’ tutti e quel che ci è toccato è un’ultima traccia con la voce di un Tobey Maguire che legge la fine del libro di Fitzgerald, a ricordarci che l’arte – la letteratura, come il vero cinema – sta da un’altra parte.

Cover Album

  • Website
The Great Gatsby OST
[ Warner Bros – 2013]
Genere: soundtrack
Rating:
1. Jay-z – 100$ Bill
2. Beyonce and Andre 300 – Back to Black
3. Lana del Rey – Young and Beautiful
4. Jack White – Love Is Blindness
5. Emeli Sande and The Bryan Ferry Orchestra – Crazy in Love (Kid Koala Version)
6. will.i.am – Bang Bang
7. Elizabeth Debicki – I Like Large Parties
8. Fergie, Q-Tip and GoonRock – A Little Party Never Killed Nobody (All We Got)
9. Bryan Ferry with The Bryan Ferry Orchestra – Love Is the Drug
10. Leonardo DiCaprio and Tobey Maguire – Can’t Repeat the Past?
11. Gotye – Hearts a Mess
12. Coco O. of Quadron- Where the Wind Blows
13. Green Light
14. Jay-Z and Kanye West featuring Frank Ocean and The-Dream – No Church in the Wild
15. Florence and the Machine -Over the Love
16. The XX – Together
17. Nero – Into the Past
18. Sia – Kill and Run
19. Florence and the Machine and SBTRKT – Over the Love (Of You)
20. Lana del Rey – Young and Beautiful (DH Orchestral Version)
21. Tobey Maguire and Craig Armstrong – Gatsby Believed in the Green Light

Tracklist
 
 

Johnny Lloyd – Next Episode ...

Guarda un po’ chi si rivede. Johnny Lloyd dopo la fine dei Tribes (2013) ha intrapreso una carriera solista che, in realtà non è mai ...

Filthy Friends – Emerald ...

La storia la conosciamo ormai tutti: Peter Buck, storica chitarra dei R.E.M. (e successiva carriera solista e con i Minus 5) e Corin Tucker, ...

Clinic – Wheeltappers and ...

Tornano per la felicità dei fan, forse non tantissimi ma appassionati, dopo ben sette anni i Clinic con un nuovo album, una lunga attesa ...

Alex Lahey – The Best Of Luck ...

Ha le idee chiare la nostra Alex e, anche questa volta, come già nell’esordio “I Love You Like A Brother” (2017), piazza ...

Old Fashioned Lover Boy – ...

Battiamo forte le mani ad Alessandro Panzeri, in arte Old Fashioned Lover Boy, per non aver avuto paura di coltivare e far germogliare quei ...