SMANIA UAGLIUNS
TrogloDigital

 
 
19 giugno 2013
 

Non per vantarci (non troppo almeno), ma degli Smania Uagliuns noi parlammo con assoluto tempismo all’uscita del loro primo disco e ne parlammo in termini entusiasti, contribuendo in parte a lanciarli.

Quattro anni di attesa per il successore dello sbalorditivo “Rural Chic Revolution” non sono pochi, soprattutto nel bulimico mercato discografico odierno, ma il duo lucano (nel frattempo divenuto trio, con l’ingresso in pianta stabile del polistrumentista Gianni Lofrano, soprannominato The Ol’ Dirty Trumpet) ha preferito lavorare con calma, metabolizzare i buoni riscontri raccolti e sviluppare ulteriormente il proprio sound che, infatti, si è fatto decisamente più stratificato e complesso: se nell’album precedente era un hip-hop classico e colorato a farla da padrone, con un’abbondante dose di electro old-school nei momenti più entusiasmanti, questa volta il sapore è dannatamente funk, attento alle tendenze più attuali dell’elettronica e della black in generale.

L’apripista “My Visions” dimostra subito che qua non c’è nulla da invidiare agli americani: grooves futuristici e synth carnosi dominano l’atmosfera.
Ma tutto “TrogloDigital” è un caleidoscopio di suoni e rime, uno speciale concept-album in cui gli Smania Uagliuns immaginano di essere sacerdoti del culto di un’isola-pianeta Totem in cui si vive pacificamente con natura e tecnologia: allora i brani sono un susseguirsi psichedelico ed irresistibile di visioni a partire dal singolo “TrogloDigital” fino all’inno all’amore libero di “Piaccio a Luca”, dal synth-pop di “L’Uomo Sogno di Morire” alla dinoccolata analisi del rapporto tra creatività e alcool di “Ah Però”.

Non un passo falso, al secondo capitolo della loro discografia i bravissimi Smania Uagliuns realizzando un album che convince pienamente: “TrogloDigital” è un’opera che travalica i confini di genere e ci consegna un gruppo unico, un vero faro per la black music made in Italy più intelligente e divertente.

TrogloDigital
[ ReddArmy – 2013]
Similar Artist: Outkast, The Jet Age of Tomorrow, Madrac, Francesco Paura
Rating:
1. My Visions
2. Ah Però
3. TrogloDigital
4. Piaccio a Luca
5. Contryman
6. Sacerdoti dell’Umanità
7. Medico di Basi
8. Spesso le Parole Rovinano i Brani
9. L’Uomo Sogna di Morire
10. L’Illusione (RMX)
Tracklist
 
 

Stuart A. Staples – ...

Mi innamorai dei Tindersticks un’estate di tanti anni fa, quando vidi la copertina di “Can our love” campeggiare su quella del ...

Magic Wands – Abrakadabra

Il duo Chris e Dexy Valentine, base a Los Angeles, torna con il terzo album “Abrakadabra”. Il primo lavoro “Aloha Moon” aveva ...

Simon Love – Sincerely, S. ...

Piacevole e scorrevole secondo album per il buon Simon Love, che esordiva nel 2015 con “It Seemed Like A Good Idea At The Time” ...

The National – Boxer Live in ...

Gli album dal vivo non sono tutti uguali. Alcuni servono a cristallizzare un momento importante, altri hanno la funzione di riportare ...

Kamasi Washington – Heaven ...

Parliamoci chiaro, non sono un esperto di jazz, certo ne ascolto ma non sono di sicuro un “cultore” del genere: non per questo mi sento ...