SMANIA UAGLIUNS
TrogloDigital

 
 
19 giugno 2013
 

Non per vantarci (non troppo almeno), ma degli Smania Uagliuns noi parlammo con assoluto tempismo all’uscita del loro primo disco e ne parlammo in termini entusiasti, contribuendo in parte a lanciarli.

Quattro anni di attesa per il successore dello sbalorditivo “Rural Chic Revolution” non sono pochi, soprattutto nel bulimico mercato discografico odierno, ma il duo lucano (nel frattempo divenuto trio, con l’ingresso in pianta stabile del polistrumentista Gianni Lofrano, soprannominato The Ol’ Dirty Trumpet) ha preferito lavorare con calma, metabolizzare i buoni riscontri raccolti e sviluppare ulteriormente il proprio sound che, infatti, si è fatto decisamente più stratificato e complesso: se nell’album precedente era un hip-hop classico e colorato a farla da padrone, con un’abbondante dose di electro old-school nei momenti più entusiasmanti, questa volta il sapore è dannatamente funk, attento alle tendenze più attuali dell’elettronica e della black in generale.

L’apripista “My Visions” dimostra subito che qua non c’è nulla da invidiare agli americani: grooves futuristici e synth carnosi dominano l’atmosfera.
Ma tutto “TrogloDigital” è un caleidoscopio di suoni e rime, uno speciale concept-album in cui gli Smania Uagliuns immaginano di essere sacerdoti del culto di un’isola-pianeta Totem in cui si vive pacificamente con natura e tecnologia: allora i brani sono un susseguirsi psichedelico ed irresistibile di visioni a partire dal singolo “TrogloDigital” fino all’inno all’amore libero di “Piaccio a Luca”, dal synth-pop di “L’Uomo Sogno di Morire” alla dinoccolata analisi del rapporto tra creatività e alcool di “Ah Però”.

Non un passo falso, al secondo capitolo della loro discografia i bravissimi Smania Uagliuns realizzando un album che convince pienamente: “TrogloDigital” è un’opera che travalica i confini di genere e ci consegna un gruppo unico, un vero faro per la black music made in Italy più intelligente e divertente.

TrogloDigital
[ ReddArmy – 2013]
Similar Artist: Outkast, The Jet Age of Tomorrow, Madrac, Francesco Paura
Rating:
1. My Visions
2. Ah Però
3. TrogloDigital
4. Piaccio a Luca
5. Contryman
6. Sacerdoti dell’Umanità
7. Medico di Basi
8. Spesso le Parole Rovinano i Brani
9. L’Uomo Sogna di Morire
10. L’Illusione (RMX)
Tracklist
 
 

Indianizer – Zenith

Allora, parlare di questa band non è facile per molteplici motivi: sono un calderone di generi mischiati insieme, sono difficili da ...

Winter – Ethereality

Album numero due per il progetto shoegaze di Samira Winter che conferma la sua passione per le distorsioni e gli anni ’90 ...

Lamansarda – Foreign Bodies

Provenienti dalla provincia di Napoli, i Lamansarda nascono nell’estate del 2013 proprio in una mansarda, dove i fratelli Antonio e ...

King Tuff – The Other

Grandi cambiamenti per Kyle Thomas, l’eclettico e avventuroso musicista che si nasconde dietro il nome King Tuff. Una decina d’anni dopo ...

Rainband – The Shape Of ...

Tradizionalismo come se piovesse nel nuovo album della formazione di Manchester guidata da Martin Finnigan. In Italia i Rainband hanno ...