AKRON/FAMILY
Sub Verses

 
 
 
Akron/Family

Si vuole un gran bene agli Akron/Family. Freakettoni a metà tra campesinos e hippies fuori tempo massimo, con cilindri pieni di arcobaleni folk in riflessi psichedelici.
Il placet di Michael Gira dovrebbe esser buono a dissipare ogni dubbio circa il fatto che parliamo di una delle più credibili band degli ultimi dieci anni. Eppure, eppure, eppure.

Eppure in questo “Sub Verses” l’influsso dello zio Michael non sortisce del tutto quell’effetto che avrebbe potuto: il processo di swansizzazione dei “Family” è tangibile, pur rimanendo talvolta in controluce, talvolta in primissimo piano, la cifra dei tre che ben conosciamo (“Until the Morning” è il solito gran pezzo classico alla A/F). Basta però ascoltare “No-Room” per rendersi conto di una ricerca di solidità, di graniticità di chiara marca “The Seer”. I consueti nervosi giri di sei corde in apertura son lì, ma sotto di loro e intorno a loro il drumming, l’atmosfera iniziatica, la spazialità cavernosa grondano sudore del veggente con gli stivali da sceriffo. L’andamento ubriaco della successiva “Way Up” e quello dopato di “Sand Talk” sono il risultato di stanchi flussi di coscienza o euforici proclami Animal Collective e poderose spallate chitarristiche ancora Swans. Dei quali Swans non è stato buttato via nulla, nemmeno la nenia orrorifica di una “93 Ave. B Blues” riproposta seppur con qualche lenitivo melodico in “Sometimes I”.

Ciò che perplime in un disco, val bene dirlo, tutt’altro che trascurabile, è che il numero di ascolti mostra la corda di un’epicità non sempre sostenibile e a volte un po’ forzata, e che trova nell’accoppiata finale “When I Was Young”-“Samurai” una depressurizzazione protratta forse un tantino più del dovuto. A metà del guado fra una riproposizione delle già note ottime capacità del terzetto di base un po’ a Portland, un po’ a Tucson, un po’ a New York e un tentativo di solennizzazione metallica, Sub Verses si pone come un album assolutamente valido, eppure incapace di farsi largo con prepotenza nel marasma contemporaneo. Il tipico album di passaggio (che poi passaggio vero e proprio non è: qui di carne cotta ce n’è) prima di qualcosa, ci auguriamo, di monumentale e duraturo. Serve giusto qualche morso più incisivo dei canini di Gira.

Cover Album

  • Website
  • BUY HERE
Sub Verses
[ Dead Oceans – 2013]
Similar Artist: Swans, Animal Collective
Rating:
1. No-Room
2. Way Up
3. Until The Morning
4. Sand Talk
5. Sometimes I
6. Holy Boredom
7. Sand Time
8. Whole World Is Watching
9. When I Was Young
10. Samurai

Tracklist
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...