DEVENDRA BANHART
Mala

[ Nonesuch - 2013 ]
 
 
24 Giugno 2013
 

Non è difficile congetturare su quanto e come l’avvento improvviso della nuova fiamma serba, Ana Kraš, abbia influito sulla scrittura del già navigato Devendra: sette album alle spalle con cui ha sedotto, tra i tanti, Michael Gira. Già il titolo, “Mala”, idiosincrasia semantica tra il corrispettivo serbo, “tenero”, e quello latino, “cattivo”, può essere interpretato come il passaggio a un approccio dicotomico nella costruzione dei suoi pezzi. Un’intimità così divisa: lui da una parte, lui e lei dall’altra.

Lui e lei nel duetto ballato e suadente di “Your Fine Petting Duck”. Lui e lei tra le derive latineggianti di “Mi Negrita”, cui ci ha sempre abituati, e quelle più cupe e teutoniche di “Für Hildegard von Bingen”, novità assoluta. Il folk di “Mala” non è lo stesso di sempre, è un folk meno colorato e infarcito di umori elettronici. È un folk scarno, assopito, che suona nell’angolo, che soffia su un barattolo di Budweiser lasciato vuoto, a terra, al termine di una festa, e lo spinge lungo i listoni di rovere di un parquet antico e liso. Non c’è rimasto quasi nessuno quando attacca “Mala”: il solipsismo notturno di Devendra Banhart. Una sala vuota, la luna, una chitarra con cui misurare il peso delle proprie aspettative. “Cattivo”, come una confessione, “tenero”, come una carezza.

È tutto aggrappato a un sospiro, “Mala”. Avvolto di un’intimità condivisa, catartica e ondeggiante. Quello di Devendra non è un taglio netto col passato, ma un mischiare le carte. Una finta di corpo attorno alle proprie confuse radici. Un abbraccio a due lontano da tutti. In chiusura dell’album, “Tauroboliun” non è manco un arrivederci, piuttosto un ricominciamo daccapo. Schioccare le dita, a ritmo lento, ché tanto non c’è niente che ci spaventa.

Photo: Eggo123 / CC BY

Tracklist
1. Golden Girls
2. Daniel
3. Für Hildegard Von Bingen
4. Never Seen Such Good Things
5. Mi Negrita
6. Your Fine Petting Duck
7. The Ballad Of Keenan Milton
8. A Gain
9. Won’t You Come Over
10. Cristobal Risquez
11. Hatchet Wound
12. Mala
13. Won’t You Come Home
14. Taurobolium
 
 

a/lpaca – Make It Better

“Make It Better” è l’album d’esordio del gruppo mantovano a/lpaca uscito sia in vinile, che CD, che musicassetta e anche ...

Ben Howard – Collections From ...

Il terzo disco di Ben Howard (“Noonday Dream” uscito nel 2018 qui la recensione) ha fatto conoscere anche in Italia il talento di un ...

Cathal Coughlan – Song Of Co ...

L’etichetta di segreto meglio custodito d’Irlanda e Gran Bretagna è sempre stata stretta a Cathal Coughlan. Fondatore dei Microdisney ...

Big Niente – Big Niente

Big Niente è la creatura di Alessio Rinci che ha sfruttato al meglio l’isolamento domestico del lockdown 2020 per dar vita a questi sette ...

The Antlers – Green To Gold

Dopo sette lunghi anni, da “Familiars” del 2014, il duo di Brooklin – composto da Peter Silberman e Michael Lerner – torna ...