BLACK SABBATH
13

[ Vertigo/Universal - 2013]
7
 
Genere: heavy metal, hard rock
 
26 Giugno 2013
 

Capita, nell’anno di grazia 2013, che si riuniscano anche i Black Sabbath. Formazione quasi originale: Ozzy Osbourne, Tony Iommi, Geezer Butler e (in sostituzione di un Bill Ward precocemente defilatosi) Brad Wilk, già batterista di Rage Against The Machine e Audioslave. “13” è il primo disco che vede “The Ozzman” al timone dal deludente “Never Say Die!” del 1978, e fin da subito più che un album è stato un percorso a ostacoli. La salute ballerina di Tony prima, un “Ozz” che per l’occasione ha rinverdito vecchie, tossiche abitudini poi, una tracklist rimaneggiata dalle tredici canzoni originarie alle attuali undici (di cui tre contenute nella deluxe edition) e già questo potrebbe bastare.

“13” è stato descritto da Mr. Osbourne come un disco di “satanic blues” ma la definizione più azzeccata è quella data dal vulcanico produttore Rick Rubin: “When You Sing Up To Their Riffs It’s Black Sabbath”. “The Dark Lord Of Metal” a.k.a Tony Iommi effettivamente sembra in forma da battaglia e Geezer Butler non è da meno, armato fino ai denti di linee di basso cupe e maestose. I pezzi sono lunghe cavalcate dai quattro agli otto minuti, suonate con competenza e gran mestiere. Il primo singolo “God Is Dead?”, coi suoi toni cupi tra giorno del giudizio e post – Armageddon, non aveva entusiasmato mentre migliore è stata l’accoglienza per “End Of The Beginning”, che ha fatto bella mostra di sé nell’ultima puntata della tredicesima stagione di “CSI”. La mano di Rick Rubin si nota soprattutto nella produzione heavy e il più possibile aderente al suono live (nessun trucchetto da studio a quanto sembra, neanche per “pompare” la voce di Osbourne, ma sarà vero?) di “Loner”, con tanto di riff che praticamente è una versione riveduta e ripulita di quello di “N.I.B”, “Age Of Reason” e “Live Forever”; mentre quando il ritmo si abbassa escono fuori canzoni che ricordano l’Ozzy solista (“Dear Father”, “Damaged Soul”). Un Principe delle Tenebre che se la ride mefistofelico circondato dalle chitarre acustiche e dai bonghi di “Zeitgeist”, vera e unica novità del disco, manco fosse Belzebù in febbrile attesa di rinverdire l’antico patto con Robert Johnson. Brad Wilk fa la sua parte, anche se l’assenza di Bill Ward si sente ed è inutile negarlo: la sezione ritmica formata da lui e Butler (che si conoscevano talmente bene da poter suonare bendati e coi tappi per le orecchie) era un’altra cosa. Quel mordente manca e molto, ma alla fine si tira un sospiro di sollievo perché poteva essere molto peggio.

Sabbath Is Back, non sono più quelli di una volta e forse sarebbe assurdo pretendere il contrario. Si salvano grazie all’esperienza accumulata negli anni e, come ribadito in precedenza, a un gran mestiere. Rifanno se stessi cercando di non imitarsi troppo e la robusta produzione da disco metal moderno di Rubin (che raggiunge il culmine nelle tre bonus track “Methademic”, “Peace Of Mind” e “Pariah”) gli dà una bella mano. Svolgono i compiti con diligenza, confezionando un album che ha il pregio di cancellare dai ricordi la scialba esperienza di “Reunion” e i tentativi non riusciti di registrare nuovo materiale all’inizio del millennio. I fan, sentitamente, ringraziano.

Credit Foto: Shane Hirschman [CC BY]

Tracklist
1. End Of The Beginning
2. God Is Dead?
3. Loner
4. Zeitgeist
5. Age Of Reason
6. Live Forever
7. Damaged Soul
8. Dear Father
9. Methademic
10. Peace Of Mind
11. Pariah
 

2 Comments

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Ma quanto è brutto Ozzy in questa foto? Vabbè a parte gli scherzi, album utile solo a rimpolpare le tasche già piene di soldi del suddetto Mr. Osbourne e nient’altro.

Queste reunion degli ultimi anni mettono una tristezza… Gente che non ha più nulla da dire e sfrutta questa moda per fare cassa… E basta!!

 

Goat – Oh Death

Probabilmente hanno veramente visto la morte in faccia, la fine di un elisir col brivido del successo, la morte per consumo o stanchezza del ...

Röyksopp – Profound ...

Röyksopp parte terza, la conclusione di un progetto multimediale che ha tenuto impegnati Svein Berge e Torbjørn Brundtland per quasi tutto ...

Prospettive Di Gioia Sulla Luna ...

Livio Magnini (chitarrista dei Bluvertigo) produce il terzo disco dei Prospettive Di Gioia Sulla Luna spingendo il sound di Giuseppe ...

Pretty Sick – Makes Me Sick ...

Se il trasferimento nella città di Londra per motivi di studio ha dato a Sabrina Fuentes la possibilità di dedicarsi in maniera tangibile ...

Mount Kimbie – Die Cuts/City ...

Non manca di certo l’audacia al duo inglese capace di azzardare nell’operazione “Die Cuts/City Planning” un doppio ...

Recent Comments