WILD NOTHING
Empty Estate EP

 
 
28 giugno 2013
 
Wild Nothing - Empty Estate EP - Recensione

Jack Tatum e i fidi Wild Nothing sono vezzeggiati in maniera spasmodica dalla Captured Tracks tanto che non passa un giorno senza farli menzionare dalla stampa specializzata, li coccola con un fascino strambo e li preferisce a molti altri gruppi che girano distratti sulle coordinate di un posto al sole, e dopo avergli pubblicato Nocturne (con dati alle mani un successone) eccoli di nuovo premiati con l’uscita del nuovo lavoro “Empty Estate”, ed è anche, diciamo, la piccola svolta della band che taglia via certe chiusure intellettualoidi per dare spazio e formento a bei spiragli pop-psichedelici che anche se hanno bisogno di un giro in più per farsi prendere, poi l’ascolto viene premiato.

Lontani Animal Collective e MGMT fanno la loro comparsa tra le arie inframmezzate, ma la sovrapposizione dei suoni, delle atmosfere e non ultime le stratificazioni di stampo grigio.wave rende queste tracce come una misura inevitabile per portarsi con il cuore in certi paesaggi nordici “On Guyot”, in certi pads onirici e freddi “Hachiko”, ma sono solo sensazioni di passaggio, quello che risuona prima e dopo è quella fantasmagoria sintetica che fa muovere passi di danza e alleggerire un qualcosa che rimane compresso tra cuore e testa, come l’epico volante di “The body in rainfall”, la spensieratezza elettro di “Ride” e “Data world” e l’impatto della texiture da clubbing Ottantiano che dentro”A dancing shell” fa numeri notevoli con un sax che si fa scoppiare l’ancia in sghiribizzi e schizzi jazzly.

Si, non c’è male davvero, la Captured Tracks ha orecchie fine e i Wild Nothing arte da spendere, non ci rimane che inforcare le cuffie e prenderci una mezz’oretta di piacere extra, lo meritano.

Wild Nothing - Empty Estate EP - Recensione

Empty Estate EP
[ Captured Tracks – 2013]
Genere: pop-wave
Rating:
1. The body in a rainfall
2. Ocean repeating (Big-eyed irl)
3. On guyot
4. Ride
5. Data world
6. A dancing shell
7. Hachiko

Tracklist
 
 

The National – I Am Easy To ...

Seguendo i National da molti anni, non mi aspettavo di incontrare nel loro percorso artistico una tappa come quella rappresentata da “I Am ...

Mac DeMarco – Here comes The ...

La noia come ragion d’essere. La noia come atto costitutivo della più alta forma di creatività. Mac DeMarco in “Here Comes the ...

Peter Doherty and The Puta Madres ...

Esce finalmente anche l’attesissimo omonimo lavoro di Peter Doherty & The Puta Madres ovvero il terzo e nuovo progetto per il frontman ...

Nick Murphy – Run Fast Sleep ...

“Run Fast Sleep Naked” è il primo album pubblicato dal cantante sotto il nome di Nick Murphy. L’ex Chet Faker ha dunque, ...

Rose Elinor Dougall – A New ...

Alzi la mano chi oggi si ricorda delle Pipettes, band inglese che fece capolino nelle playlist indie pop di metà anni 2000. Probabilmente ...