WILD NOTHING
Empty Estate EP

 
 
28 giugno 2013
 
Wild Nothing - Empty Estate EP - Recensione

Jack Tatum e i fidi Wild Nothing sono vezzeggiati in maniera spasmodica dalla Captured Tracks tanto che non passa un giorno senza farli menzionare dalla stampa specializzata, li coccola con un fascino strambo e li preferisce a molti altri gruppi che girano distratti sulle coordinate di un posto al sole, e dopo avergli pubblicato Nocturne (con dati alle mani un successone) eccoli di nuovo premiati con l’uscita del nuovo lavoro “Empty Estate”, ed è anche, diciamo, la piccola svolta della band che taglia via certe chiusure intellettualoidi per dare spazio e formento a bei spiragli pop-psichedelici che anche se hanno bisogno di un giro in più per farsi prendere, poi l’ascolto viene premiato.

Lontani Animal Collective e MGMT fanno la loro comparsa tra le arie inframmezzate, ma la sovrapposizione dei suoni, delle atmosfere e non ultime le stratificazioni di stampo grigio.wave rende queste tracce come una misura inevitabile per portarsi con il cuore in certi paesaggi nordici “On Guyot”, in certi pads onirici e freddi “Hachiko”, ma sono solo sensazioni di passaggio, quello che risuona prima e dopo è quella fantasmagoria sintetica che fa muovere passi di danza e alleggerire un qualcosa che rimane compresso tra cuore e testa, come l’epico volante di “The body in rainfall”, la spensieratezza elettro di “Ride” e “Data world” e l’impatto della texiture da clubbing Ottantiano che dentro”A dancing shell” fa numeri notevoli con un sax che si fa scoppiare l’ancia in sghiribizzi e schizzi jazzly.

Si, non c’è male davvero, la Captured Tracks ha orecchie fine e i Wild Nothing arte da spendere, non ci rimane che inforcare le cuffie e prenderci una mezz’oretta di piacere extra, lo meritano.

Wild Nothing - Empty Estate EP - Recensione

Empty Estate EP
[ Captured Tracks – 2013]
Genere: pop-wave
Rating:
1. The body in a rainfall
2. Ocean repeating (Big-eyed irl)
3. On guyot
4. Ride
5. Data world
6. A dancing shell
7. Hachiko

Tracklist
 
 

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...

Mannequin Pussy – Patience

Certe band vogliono solo veder bruciare il mondo. I Mannequin Pussy, per il momento, si accontentano di osservare compiaciuti il bel ...

Russian Circles – Blood Year

Una chitarra, un basso, una batteria, zero parole. Ai Russian Circles bastano pochissimi elementi per dar forma a un suono sì compatto e ...

Ra Ra Riot – Superbloom

Quinto album per gli eclettici Ra Ra Riot, primo dopo il divorzio dalla storica etichetta Barsuk. Una separazione che non sembra aver ...

PAWS – Your Church On My ...

Il loro terzo album, “No Grace” (2016), era stato prodotto da Mark Hoppus dei Blink 182 e li aveva portati su territori punk-pop: dopo ...