PET SHOP BOYS
Electric

 
 
26 Luglio 2013
 
Pet Shop Boys - Electric - Recensione

Difficile parlar male dei Pet Shop Boys, il duo che ha fatto sobbalzare il mondo intero e che in molti, moltissimi volevano morti e sepolti sotto i ricordi di strass, paillettes e sculettamenti variegati, ma come tutte le mitologie momentaneamente appannate nella memoria tornano, risorgono in vita più vivi che mai e riprendono la cattedra della tecno-dance con sempre più prestigio e facoltà di non vedere ancora chi saranno i successori di tanta scolarizzazione sintetica.

Neil Tennant e Chris Lowe dicono bye-bye alla Parlophone e lavorano in proprio in X2 – la loro personalissima casa discografica – e Electric è il frutto di questa “separazione” poco consensuale, nove tracce e nove vite come i gatti che il destino vuole sempre in cima ai dancefloor e in tutte quelle meticolose hit-charts sulle quali svetta il bardo scintillante delle notti pazze e fluorescenti che abdicano all’alba e non sempre; con la produzione di Stuart Prince – già vecchio amico e collaboratore del duo inglese – il disco è responsabile di un’onda electro di notevoli nuances, tracce che evidenziano la dance più griffata in circolazione e che girano sullo stereo con la potenza “with a vengeance” (per dirla all’inglese) di un tornado, dilatata e visionaria.

Dentro c’è di tutto, strobo light, mirror ball, tutine argentate e parruccone argentate, Daft Punk, Moroder, Italdisco e sprint Kraftwerkiani che si rincorrono virtualmente come in un carosello da Studio 54, frullate dance, pizzicori nu-jazz e soprattutto provocazioni cool come in “Thursday” nella quale il rapper Example istrioneggia la song con i nome dei giorni della settimana o “The last to die” ripresa dall’album “Magic” di Springsteen, il resto che rimane – e non è poco – è la migliore prosopopea danzereccia che i PSB ci regalano di nuovo, dalle ventate di sinth “Fluorescent” alle funzioni robotic-funk di “Inside a dream”, passando per l’aria birichina e intima di “ Vocal”.
I detrattori li volevano morti e sepolti, sciocchi, non hanno fatto altro che allungarli la vita! Wow!

Cover Album

  • Website
Electric
[ X2/Kobalt – 2013 ]
Genere: elettro-dance
Rating:
1. Axis
2. Bolshy
3. Love is a Burgeois construct
4. Fluorescent
5. Inside a dream
6. The last to die
7. Shouting in the evening
8. Thursday (feat Example)
9. Vocal


Tracklist
 
 

Vundabar – Either Light

Vundabar. Wonderful per l’altra evoluzione della lingua anglosassone. Brandon Hagen e Drew McDonald  si conoscono dai tempi del ...

Danzig – Danzig Sings Elvis

Il pluriannunciato e lungamente atteso omaggio di Glenn Danzig a Elvis Presley è finalmente qui. Non se ne sta parlando un granché bene ma ...

Rose City Band – Summerlong

L’anno scorso un po’ in sordina è uscito il primo omonimo album del progetto Rose City Band, nome dietro cui si nascondeva e si ...

Happyness – Floatr

Preceduto dai singoli “Vegetable”, “Seeing Eye Do”, “Ouch (yup)” e “title track” con ...

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...