TRAVIS
Where You Stand

[ Kobalt/Red Telephone Box - 2013 ]
6
 
Genere: guitar-pop
 
4 Settembre 2013
 

Strana parabola quella dei Travis; da outsiders di lusso del brit pop sul finire degli anni ’90 e nei primi 2000 ad un mezzo anonimato condito da alcuni lavori appena sufficienti. Un po’ fuori dalle luci dei grandi riflettori ci provano ancora, con questo “Where You Stand” che, purtroppo per loro, con tutta probabilità non sarà il colpo di coda che mescolerà nuovamente le carte in tavola. Per gli irriducibili fan della prima ora l’affrancamento dalla componente brit avvenuta già da diversi anni sarà stato visto come un tradimento, a maggior ragione per il fatto che Fran Healey e soci hanno abbracciato un pop ad alta fedeltà prettamente radiofonico. Il paradosso è che a questa scelta non sia corrisposto il seguito adeguato. Eppure pezzi come l’iniziale “Mother” o la title track sarebbero delle potenziali hit da classifica, ammesso che il concetto di classifica oggi abbia ancora un senso.

Ad una discretaqualità media dei brani non si accompagnano guizzi degni di nota, capaci di elevare il disco a qualcosa di più che un piacevole intrattenimento. Siamo alle solite, cioè al classico disco che non disegna parabole sorprendenti, che la butta sulla melodia glicemica senza esagerare, partendo da un giro di chitarra o dalle note di un pianoforte. Chi come me non ama incasellare le cose in un determinato recinto, troverà più di un motivo per abbandonarsi con leggerezza a questa canzoni romantiche e un po’scontate. Gli irriducibili dei suoni trasversali o della coolness del momento fuggiranno a gambe levata sin dalle prime note. Personalmente preferisco mille volte dischi onesti come questo che le centinaia di pallide copie dei suoni alla moda che ci propinano mensilmente. Almeno abbiamo la solida certezza che in questo caso nessuno ci sta prendendo per i fondelli.

Tracklist
1. Mother
2. Moving
3. Reminder
4. Where You Stand
5. Warning Sign
6. Another Guy
7. A Different Room
8. New Shoes
9. On My Wall
10. Boxes
11. The Big Screen
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Black Angels – Wilderness ...

Non si può certo dire che i cinque anni abbondanti trascorsi tra “Death Song” e “Wilderness Of Mirrors” siano stati poveri di ...

Verdena – Volevo magia

Passano sette lunghi anni ed ecco finalmente tornare i Verdena con il loro carico di ricordi, sentimenti e aspettative che vanno oltre la ...

Suede – Autofiction

Ritornare all’essenza, partire da qui per andare avanti, si saranno detti Brett Anderson e soci alle prese col nuovo album che ...

Built To Spill – When The ...

Sono passati oltre sette anni da “Untethered Moon” e i Built To Spill sono finalmente ritornati con questo loro attesissimo nono album ...

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Recent Comments