TRAVIS
Where You Stand

 
 
4 settembre 2013
 
Travis - Where You Stand - Recensione

Strana parabola quella dei Travis; da outsiders di lusso del brit pop sul finire degli anni ’90 e nei primi 2000 ad un mezzo anonimato condito da alcuni lavori appena sufficienti. Un po’ fuori dalle luci dei grandi riflettori ci provano ancora, con questo “Where You Stand” che, purtroppo per loro, con tutta probabilità non sarà il colpo di coda che mescolerà nuovamente le carte in tavola. Per gli irriducibili fan della prima ora l’affrancamento dalla componente brit avvenuta già da diversi anni sarà stato visto come un tradimento, a maggior ragione per il fatto che Fran Healey e soci hanno abbracciato un pop ad alta fedeltà prettamente radiofonico. Il paradosso è che a questa scelta non sia corrisposto il seguito adeguato. Eppure pezzi come l’iniziale “Mother” o la title track sarebbero delle potenziali hit da classifica, ammesso che il concetto di classifica oggi abbia ancora un senso.

Ad una discretaqualità media dei brani non si accompagnano guizzi degni di nota, capaci di elevare il disco a qualcosa di più che un piacevole intrattenimento. Siamo alle solite, cioè al classico disco che non disegna parabole sorprendenti, che la butta sulla melodia glicemica senza esagerare, partendo da un giro di chitarra o dalle note di un pianoforte. Chi come me non ama incasellare le cose in un determinato recinto, troverà più di un motivo per abbandonarsi con leggerezza a questa canzoni romantiche e un po’scontate. Gli irriducibili dei suoni trasversali o della coolness del momento fuggiranno a gambe levata sin dalle prime note. Personalmente preferisco mille volte dischi onesti come questo che le centinaia di pallide copie dei suoni alla moda che ci propinano mensilmente. Almeno abbiamo la solida certezza che in questo caso nessuno ci sta prendendo per i fondelli.

Where You Stand
[ Kobalt/Red Telephone Box – 2013 ]
Genere: Pop
Rating:
1. Mother
2. Moving
3. Reminder
4. Where You Stand
5. Warning Sign
6. Another Guy
7. A Different Room
8. New Shoes
9. On My Wall
10. Boxes
11. The Big Screen

Tracklist
 
 

B Boys – Dudu

La scena musicale DIY di New York non conosce il significato delle parole penuria o scarsità, non dobbiamo di certo annunciarlo noi: ...

Bon Iver – i,i

Il progetto Bon Iver era nato come l’espressione non di un leader all’interno di un progetto condiviso, ma come progetto cantautorale. ...

King Gizzard and the Lizard Wizard ...

Prima o poi doveva succedere, era scritto nella carne putrida e nelle carcasse di un ratto in decomposizione che sarebbero passati a far ...

The Hold Steady – Thrashing ...

Sono passati oltre cinque anni dall’album più recente degli Hold Steady, “Teeth Dreams”, uscito a marzo 2014: effettivamente è un ...

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...