NINE INCH NAILS
Hesitation Marks

 
 
9 settembre 2013
 
Nine Inch Nails - Hesitation Marks - Recensione

A volerla dire tutta, ho sempre trovato i Nine Inch Nails un pizzico sopravvalutati. Quella parvenza di sperimentalismo, che album come “The Fragile” o “And All That Could Have Been” sembravano lanciare tra le fauci ripulite della già morente MTV (e della sua penosa ‘generazione’), mi sembrava poco più di una bislacca riedizione di suoni già magistralmente sdoganati da qualcun altro ben prima di loro. Dai Ministry o dai Coil, ad esempio, con l’aggravante artistica, nel caso dei Nine InchNails, di chitarre orribilmente compresse appesea una pallida estetica industrial che rendeva il tutto un ibrido per me poco elegante. Di qua i Devo, i Laibach, Throbbing Gristle e Einstürzende Neubauten. Di là Nine Inch Nails, Filter e Cop Shoot Cop.

Eppure la musica di Trent Reznor si è evoluta pur restando ferma sulle sue certezze; l’uomo hamodellato il suono fino a protenderlo nell’ambient nelle sue derivazioni soliste (“The Social Network OST”) o in una moderata sperimentazione quando si è trovato alle prese con collaborazioni (How To Destroy Angels e, potenzialmente, i Tapeworm). Ma la sostanza è rimasta invariata e lo stile, ancora oggi,stagiona ma non invecchia; perdura nell’ibrido e non cede ai compromessi. Peccato, forse.

I quattro anni passati a girare per piccoli club con gli How To Destroy Angels, insieme alla moglie Mariqueen Maandig, Atticus Ross e Rob Sheridan, hanno sicuramente contribuito alla composizione di un album, questo “Hesitation Marks”, che sembra scindere la band dal suo passato, seppur, ancora una volta, in una maniera non traumatica ma mediata dallo stile e dalla storia dei Nine Inch Nails. In tempi come questi non c’è spazio per le epiche produzioni del passato e gli eccessi sonori di grana grossa ai quali la band di Reznor aveva abituato i suoi fans. “Hesitation Marks” è, al contrario, un album fatto di dettagli, di metafore sottili, di accenti ritmici accennati quasi a volerli preservare e usarli laddove l’enfasi appare davvero richiederli.

Ogni traccia dell’album sembra assemblata con laptop e cuffie; l’elettricità del medium luminoso del passato, del parossismo circense di due decadi, oggi alimenta una ventola. A guadagnarne è sicuramente la composizione che, su un lavoro tanto ‘pensato’ sembra finalmente assurgere al ruolo di soggetto e non più oggetto plasmato attorno alla melodia portante. Gli ‘hesitation marks’ sembrano rappresentare i dubbi di Reznor. “Sono questi i Nine Inch Nails?”. “Sono ancora questi i Nine Inch Nails?” sono domande che ci si pone approcciando i 30 anni di servizio e i 50 di esistenza. E una risposta la forniscono momenti che riportano alla luce – per poco, ma va bene così – le vecchie abitudini (“Everything” e spunti sparsi qui e lì). Ma il responso vero e proprio è la loro assenza sul resto delle tracce.

La sensazione è che ci si trovi dinanzi a un album solista sotto mentite spoglie. Che la vera differenza, qui e soprattutto qui, la faccia quel logo in copertina e un sano preconcetto attraverso cui filtriamo le sensazioni e la musica. “Hesitation Marks” è un album dei Nine Inch Nails che racchiude l’evoluzione del suono della band in maniera naturale e coerente. È un compendio di stili con una metà volutamente più accessibile (in sostanza ogni singola traccia è già stata suonata live in passato) e un’altra, la seconda, meno immediata e forse più intimista. Venendo da un altro pianeta, e non conoscendo la storia della band, un alieno definirebbe questo TrentReznor un timido, un artista attentissimo a schivare la tentazione di voler piacere ad ogni costo (“With Teeth”?), un nerd che perde la grande occasione di diventare un eroe perché isolato tra le cuffie e il monitor, tra l’ispirazione e il resto del mondo. La dimensione fortemente elettronica dell’album, d’altronde, non fa che confermare quest’impressione.

Non certamente un album sperimentale, coraggioso, furbo. I am just a copy of a copy of a copy/ Everything I say has come before, enuncia il frontman al principio, quasi scusandosi. Esitazione è indecisione, incertezza, insicurezza, dubbio, perplessità, tentennamento, indugio. Quando è in musica, suona pressappoco così.

Cover Album

Hesitation Marks
[ Columbia – 2013]
Generi: industrial rock, electronica
Rating:

1. The Eater of Dreams
2. Copy of A
3. Came Back Haunted
4. Find My Way
5. All Time Low
6. Disappointed
7. Everything
8. Satellite
9. VariousMethods of Escape
10. Running
11. I Would for You
12. In Two
13. WhileI’mStill Here
14. Black Noise

Tracklist
 
 

Wand – Laughing Matter

Sapete, io, gli Wand, li ho conosciuti grazie al mio chitarrista, senza di lui non avrei mai ascoltato “1000 Days”, uno dei miei ...

Danko Jones – A Rock Supreme

Il tempo e la maturità non hanno scalfito l’anima del vulcanico Danko Jones. Il cantante e chitarrista canadese ha trascorso gli ultimi ...

Yaguar – Vision

Si intitola “Vision” l’album di debutto degli Yaguar, un quartetto nato appena tre anni fa dall’incontro di due cantanti e ...

Artmagic – I Won’t ...

Eccoli ancora, ad un anno da “The Song of The Other England”, Richard Oakes e Sean McGhee fare capolino con questo EP, ...

Versing – 10000

Piacevolissimo questo “10000” dei Versing di Seattle. Il leader della band, il buon Daniel Salas è uno di quelli che ci sta ...