WILLIS EARL BEAL
Nobody Knows

 
 
16 settembre 2013
 
Willis Earl Beal - Nobody Knows - Recensione

E’ un menestrello venuto dalla strada Willis Earl Beal, cresciuto con Bob Dylan nelle orecchie e l’anima indurita da anni vissuti senza fissa dimora. Esperienze di cui parlava a cuore aperto in “Acousmatic Sorcery”, opera prima anarchica e lo-fi che l’ha fatto conoscere e amare. Il suo secondo disco, “Nobody Knows”, è molto diverso dal predecessore e forse non poteva essere altrimenti. A produrlo è stato Earl Beal stesso, calatosi per l’occasione nei panni di “Nobody” e strenuamente deciso, parole sue, a essere “un’ombra, non l’uomo che la genera”.

Un signor Nessuno però Willis Earl Beal ha smesso di esserlo da tempo, anche se la notorietà sembra andargli piuttosto stretta. Ormai ha amici importanti, tra cui Cat Power con cui duetta in quel delizioso gioiellino soul-gospel che è “Coming Through”, ma qualche stranezza se la concede ancora. Come quando, nel soffocante mese di agosto, si è divertito a rispondere con la sua “Black Beauty” a Lana Del Rey.

Ascoltando “Nobody Knows” non si può non notare la voce calda e trascinante di questo versatile musicista di Chicago. Una voce che praticamente è uno strumento musicale a se stante di cui già in “Acousmatic Sorcery” si intuiva la potenza, che però non veniva sfruttata completamente. In questo nuovo disco invece Willis Earl Beal esplora appieno i limiti e i confini della sua abilità di cantante, dimostrando ancora una volta di sapersi adattare ai generi più diversi. Toccanti ballate con solo la chitarra come accompagnamento (“White Noise”), derive blues e bluegrass (“Too Dry To Cry”, “Disintegrating”), sofferti brani in cui si mette a nudo completamente (“What’s The Deal?”), ballate che in radio farebbero furore (l’orchestrale “Blue Escape”, “Burning Bridges”), spiritual con arrangiamento d’archi (“Wavering Lines” che inizia con due minuti tutti a cappella, “Nobody Knows”), cavalcate r & b (“The Flow”), riusciti brani soul con un tocco sperimentale (“Everything Unwinds”). Non dimentica certo l’aspirazione, ribadita più volte, di diventare il Tom Waits nero Willis Earl Beal e puntualmente si dà da fare con “Hole In The Roof”, parente stretta della “Take Me Away” comparsa nel primo album. Ogni tanto si lascia andare a piccole anarchie (una “Ain’t Got No Love” in cui aleggia il fantasma di Screamin’ Jay Hawkins, la già citata “What’s The Deal?”) ma la rabbia e la pazzia di “Acousmatic Sorcery” sembrano ormai lontane. Addomesticate ma non dimenticate.

“Nobody Knows” è un disco di classe, in cui Willis Earl Beal conferma di poter fare ciò che vuole con la propria voce e di saper scrivere ottimi testi. Molto meno selvaggio di “Acousmatic Sorcery” e di quella splendida, spontanea imprevedibilità si sente ogni tanto la mancanza. Ma non è più un outsider Willis Earl Beal e sarebbe disonesto da parte sua fingersi ancora tale. E’ entrato a far parte del sistema, chissà forse per cercare di cambiarne le regole dall’interno come sostiene (un po’ pomposamente) di voler fare, provando a trovare un difficile compromesso tra le sue radici e i pezzi da classifica. E magari prima o poi ce lo ritroveremo figliol prodigo sul palco di X Factor, che canta “The Flow” o “Blue Escape” di fronte agli stessi giudici che l’avevano mandato a casa. Succede. Però con “Nobody Knows” dimostra anche di essere un artista completo. Che non è disposto a ripetersi, a rimanere sempre uguale a se stesso. Un artista dal talento genuino, in continua trasformazione, di cui sarà interessante continuare a seguire l’evoluzione futura.

Cover Album

Nobody Knows
[ XL – 2013]
Genere: songwriting, folk, blues
Rating:
1. Wavering Lines
2. Coming Through (ft. Cat Power)
3. Everything Unwinds
4. Burning Bridges
5. Disintegrating
6. Too Dry To Cry
7. What’s The Deal?
8. Ain’t Got No Love
9. White Noise
10. Hole In The Roof
11. Blue Escape
12. Nobody Knows
13. The Flow

Tracklist
 
 

Gruff Rhys – Pang!

Gruff Rhys ama cambiare, stupire. Difficile trovare un filo conduttore nell’ormai lunga carriera solista del frontman dei Super Furry ...

Lana Del Rey – Norman Fucking ...

Ogni volta che Lana Del Rey pubblica un album il dibattito tra estimatori e detrattori della musica di Elizabeth Grant diventa sempre più ...

Kazu Makino – Adult Baby

Siamo abituati a sentire la voce eterea di Kazu Makino nei Blonde Redhead a fianco dei gemelli Simone e Amedeo Pace, ma ora Kazu ha deciso ...

Frankie Cosmos – Close It ...

Sempre molto prolifica la giovane Greta Kline, titolare del progetto Frankie Cosmos: dopo un anno e mezzo dal precedente “Vessel”, ...

The Futureheads – Powers

Aspetti positivi: i ritorni sono sempre graditi. Specie se le cose che più si ricordano negli ultimi anni circa la band di Sunderland sono ...