DIECIUNITàSONANTI
Dove

 
 
2 Ottobre 2013
 

Un disco questo “Dove” della formazione romana delle Dieciunitàsonanti, all’apparenza senza lode e senza infamia, uno di quei dischi pop-rock all’italiana che preservano come dote di fondo una struggenza melodica sì frenetica ma senza quel mordente deciso per uscire poi dallo stallo che – prima o poi – potrebbe andare a trovarsi l’ascolto. Poi la trasformazione, epico, chitarre sparate, viole e violoncelli, pelli educate quanto basta per non sconfinare nel rock spigoloso ed una poetica tutto sommata rassicurante sono i punti di raccolta di una tracklist tradizionale e- a suo nodo – interessante se non si cercano chissà che intemperanze o forme evolutive di sorta, c’è dentro tutta il vezzo italiano pop che va a testimoniare che questa scuola ancora fa presa e continua a fare proseliti nonostante il super trafficato – o meglio – ingorgo underground.

Ma anche disco di profondo cantautorato che si svela durante l’ascolto in tutta la sua sincerità, e che riporta le quotazioni del lotto ad una buona media, quasi quaranta minuti di visioni e vortici, margini e cadenze organiche ed intriganti che fanno riflettere e sognare insieme, storie e colori opachi si presentano sottoforma di quadri tesi e maniere passione voli, amori e non amori disegnati o tracciati con inchiostro simpatico nell’imprevedibilità della vita o delle succursali di essa; brani melodici che potrebbero anche andare a colonizzare palinsesti radiofonici tramite certi hook che piacciono a presa rapida come la ballata acustica “Da tendere”, il running focoso “Una nuova distanza”, l’intimità socchiusa “Come fine” o più in la botta elettrico/sliddata di “Claudia alla stazione”, tutte forme musicali che ti si attaccano all’orecchio e per un bel po’ di tempo – piacevolmente – non te le stacchi di dosso.

E’ un racconto continuo quello che le Dieciunitàsonanti declamano, scalfiscono con l’eleganza della semplicità, una naturalezza eccellente – anche per la collaborazione di Paolo Benvegnù – che guida con genuinità ed espressione vera in ogni luogo, in ogni “Dove”.
Da ascoltare con interesse acuto.

  • Website
Dove
[ Modern Life – 2013]
Genere: Rock’n’roll
Rating:
1. Il giorno della festa
2. Una nuova distanza
3. Dove
4. Con tutta calma
5. Le mani sulla città
6. Come fine
7. ..E non andar più via
8. Le case dove vivevano
9. Interior design
10. Da tendere
11. Tu contro i condomini
12. Claudia alla stazione
13. Non riesci a sorprendermi

Tracklist
 
 

Hey, King! – Hey, King!

Si presentano con un biglietto da visita di tutto rispetto le Hey, King! : un album d’esordio prodotto da Ben Harper (già al loro fianco ...

Dry Cleaning – New Long Leg

Tutti pazzi per i Dry Cleaning, volendo parafrasare il titolo di un celebre film, ancorché in tal caso non vi è nulla di comico o ironico ...

Glasvegas – Godspeed

<Non pensavo ci avrei messo così tanto> dice James Allan, ormai de facto padrone di casa Glasvegas (scrive, produce, registra), che ...

The Fratellis – Half Drunk ...

Per fortuna una band pop-rock può ancora crescere (o invecchiare, che dir si voglia) senza scimmiottare i ragazzi che sono stati, o ...

Tomahawk – Tonic Immobility

Mi ero chiesto giusto recentemente che fino aveva fatto Mike Patton, se c’è uno cui il music biz ha bisogno, uno che sparigli le ...