PORTUGAL. THE MAN
Evil Friends

 
 
8 Novembre 2013
 

A due anni di distanza da “In The Mountain In The Cloud”, tornano i Portugal. The Man. A questo giro si sono affidati alla mano esperta di Danger Mouse, seduto in cabina di regia, pronto a dare un ordine all’esplosività del gruppo capitanato da John Gourley.

In “Evil Friends”, settimo album in studio della band di Portland – ma originaria dell’Alaska -, ritroviamo tutte le loro peculiarità, che spaziano dal Folk all’Indie – rock, dal Progressive alla Psichedelia, fino ad arrivare al Pop. Elementi che non sempre vanno d’amore e d’accordo: ma pare che nei Portugal. The Man il peso di questa convivenza non si senta affatto, poiché nessuno dei dodici brani del disco risulta costruito a tavolino, forzato o ostico in maniera  particolare. Il minimo comune denominatore del disco è infatti il Pop, che il quartetto prova, nel disco in questione, a far risaltare maggiormente rispetto ai lavori precedenti.

Le canzoni, nonostante l’apparente disomogeneità della scaletta, scorrono via in maniera assai piacevole, con la stessa naturalezza con la quale sono state concepite: tralasciando l’originalità ad ogni costo, scavalcando le barriere dei generi; con la semplicità di chi vuole solo scrivere buoni pezzi, divertendosi e facendo divertire; emozionandosi e trasmettendo le stesse emozioni a chi ascolta.

Non si eccede in lungaggini, e a livello di suoni le cose funzionano a dovere: che si parli di chitarre acustiche, di distorsioni, di pianoforti o di tastiere, poco importa. E qui non si può certo dire che il lavoro di Danger Mouse non abbia influito sulla veste sonora.

Siamo dunque davanti a un disco che senz’altro rappresenta un ulteriore salto di qualità per il gruppo, che non ha mai sfornato capolavori, ma sempre buoni pugni di canzoni: alle volte bellissime, in altri momenti carine, in altri ancora prescindibili. In “Evil Friends” la Storia si ripete, ma nei Portugal. The Man c’è, ad oggi, una maggior consapevolezza dei propri mezzi e dei propri limiti, che in musica è sempre una cosa salutare, così come lo è il prendersi poco sul serio. E anche in questo campo, col loro fare un po’ zingaresco e cazzone, i ragazzi sanno difendersi piuttosto bene.

Evil Friends
[ Atlantic – 2013]
Genere: alt pop-rock, folk-pop, psychedelic rock
Rating:
1. Plastic Soldiers
2. Creep In a T-shirt
3. Evil Friends
4. Modern Jesus
5. Hip Hop Kids
6. Atomic Man
7. Sea of Air
8. Waves
9. Holy Roller (Hallelujah)
10. Someday Believers
11. Purple Yellow Red and Blue
12. Smile

Tracklist
 
 

The Smile – A Light for ...

Evidentemente la prima cosa che i fan vorranno sapere e se si tratti o meno di un nuovo disco dei Radiohead. Domanda più che legittima, se ...

Kendrick Lamar – Mr.Morale ...

E alla fine il migliore è tornato. Dopo cinque anni di inattività dal leggendario “DAMN.”, Kendrick Lamar è tornato con il ...

Arcade Fire – We

Quando gli Arcade Fire hanno annunciato il nuovo album per il 2022 il mio primo pensiero è stato che per la band fosse arrivato il momento ...

Nicolas Zullo – Credendoti ...

Esordio d’autore quello di Nicolas Zullo che, sotto la vigile guida di Alessandro Fiori impegnato a cori, sintetizzatori e violini, dà ...

Rhabdomantic Orchestra – ...

L’anima di André Breton aleggia libera e vivace tra le note di “Almagre” secondo disco del collettivo Rhabdomantic Orchestra guidato ...