UNKNOWN MORTAL ORCHESTRA
Blue Record EP

 
 
8 novembre 2013
 
65dayforstatic - Wild Light - Recensione

“Blue Record” è uno strano esperimento nell’ancor più strano mondo psichedelico degli Unknown Mortal Orchestra. Un EP interamente acustico che esce alla vigilia del tour europeo di Ruban Nielson e compagni, in cui il frontman e principale compositore della band si diverte a “ballare da solo” reinventando alcune canzoni di “II”, l’album uscito a febbraio, più due cover. Una sfida nata dalla necessità per Nielson, che non ha mai amato esibirsi unplugged ma è stato “costretto” a farlo per promuovere il disco in alcune trasmissioni radiofoniche, visto che non c’era possibilità di ospitare e far suonare l’intero gruppo. Per l’occasione Ruban è tornato alle radici, registrando ogni traccia nel suo seminterrato (lo stesso in cui aveva concepito i brani che sarebbero finiti nell’esordio “Unknown Mortal Orchestra”) usando un solo microfono.

I tre pezzi tratti dall’ottimo “II” (“Swim And Sleep (Like A Shark”), “Faded In The Morning” e “So Good At Being In Trouble”) convincono anche in versione minimale, senza l’aiuto dell’elettricità e della tecnologia che spesso fanno miracoli, dimostrando di avere il dna delle canzoni di razza. Molto meno riuscite le cover inserite in “Blue Record”, un peccato se si pensa che gli Unknown Mortal Orchestra erano stati in grado di far propri (con un certo gusto) brani storici come “Sittin’ On The Dock Of The Bay” e di sorprendere cimentandosi con la house di Lindstrøm e la sua “Rà-àkõ-st”. Non sceglie due artisti qualunque con cui mettersi alla prova Mr. Nielson: i Dirty Projectors con quel piccolo capolavoro che è “Swing Lo Magellan” e il Beck più intimista e sottovalutato di “Puttin’ It Down”. Entrambe le canzoni però purtroppo perdono il difficilissimo confronto con gli originali: le versioni di Ruban, anche se molto sentite e personali, scivolano via senza pungere né stregare.

Ascoltando “Blue Record” sorge il dubbio che questo EP sia più che altro una trovata pubblicitaria, messa insieme un po’ di corsa per tenere viva l’attenzione dei fan di una band impegnata in un tour che sembra non avere mai fine. Cinque brani che permettono di conoscere un altro lato degli Unknown Mortal Orchestra ma che non cambieranno la vita né la carriera della band di Ruban Nielson.

Blue Record EP
[ Jagjaguwar – 2013]
Genere: psych folk
Rating:
1. Swim & Sleep (Like A Shark) (Acoustic Version)
2. Faded In The Morning (Acoustic Version)
3. So Good at Being in Trouble (Acoustic Version)
4. Swing Lo Magellan (Dirty Projectors Cover)
5. Puttin’ It Down (Beck Cover)

Tracklist
 
 

Pelican – Nighttime Stories

Sei anni dopo “Forever Becoming” e a quattro dall’ EP “Cliff” tornano i Pelican, alfieri di quella branca strumentale del post ...

Kate Tempest – The Book Of ...

“I came to under a red moon / Thirsty for water / My eyes were like shovels in the soil of the sky”. Comincia così “The Book Of Traps ...

Amyl and the Sniffers – ...

Primo album per Amyl and the Sniffers, band australiana che in soli tre anni e un paio di E.P., è riuscita a crearsi un nutrito seguito di ...

Hatchie – Keepsake

La principessa Hatchie, che qui su IFB gode di venerazione e statue personalizzate in redazione per celebrare il doveroso tributo, non ...

Combichrist – One Fire

Sulla copertina di “One Fire”, il nono album dei Combichrist, c’è il disegno di un mostro spaventoso. È una specie di Godzilla con ...