CASS MCCOMBS
Big Wheel And Others

[ Domino - 2013]
7
 
Genere: songwriting
 
20 Novembre 2013
 

Fregatevene delle dicerie circa l’artista Cass McCombs e dei suoi deliri misogini , lasciate scorrere le maldicenze popolari che lo vogliono tormento del disagio dell’Hobo puttaniere, fate in modo che le sue canzoni vi prendano per il plesso solare e ve lo stirino a dismisura fino a farvi respirare tutta quell’America di secondo taglio, il suo cantos solitario vibra senza mai tremare in questo doppio album, “Big Wheel and Others”, l’onda sabbiosa di diciannove originali e tre registrazioni tratte dal documentario Sean, ballate, incandescenze e delicatezze che sono in fila per farsi sciogliere tra cuore e passione di una Terra che forse non esiste più o che forse ancora – tra cinematografie e deja vù – rimane intatta sotto la formalina della storia recente.

MacCombs è un anti eroe di quelli che non fa sapere nulla di sé, o solamente attraverso le sue canzoni looners, stracci e pezzi di vetro che luccicano di luce smagliante e che fanno girare la testa; una miriade di stili, timbri, colori e pulsazioni, ricordi e modelli di vita fanno e sono bagaglio di un continuo racconto in cui riaffiorano – per osmosi, Dylan, Waits, Cat Stevens – tutti riferimenti meritati dentro chiazze sonore di funky, country, blues, walzer, il folk aggiornato di Oldham per arrivare al sacrificale mood di Elliott Smith, poi tutto messo a girare in questa lunga tracklist, a trionfare sottovoce in ascolti a notte fonda.

Disco dedicato a Karen Black (settantaquattrenne musa della controcultura morta di recente e personaggio in decine di film con i più grandi registi americani – da ricordare la sua straordinaria interpretazione della puttana fradicia di LSD in “Easy Ryder” – ) e che prestò la sua voce nella traccia “Brighter!”, gioiellino dell’intero registrato; la verve cantautorale di McCombs è un insieme di pagine sparse che l’artista sparpaglia con puntiglio e rimpianto “Dealing”, “Aeon of aquarius blues”, le dolcezze crude “Honesty is no excuse”, il caracollare mex di “Morning star”, l’ombra scura e free jazzly di “ Joe murder” o – in rappresentanza di molte altre – la scansione poppyes che ballonzola in “Name written in water”. Si è una America che comunque è rimasta a mezz’aria e che il talento di questo No.Hero e la sua idea di “altro” è poi la fascinazione di un rock misto e in chiaroscuro che da una parte ha la luce dei 60/70 e dall’altra le foschie tenebrose dei nostri quotidiani.
Offensivamente meraviglioso!!

Tracklist
Disc 1:
1. Sean I
2. Big Wheel
3. Angel Blood
4. Morning Star
5. The Burning Of The Temple, 2012
6. Brighter!
7. There Can Be Only One
8. Name Written in Water
9. Joe Murder
10. Everything Has To Be Just-So

Disc 2:
1. It Means A Lot To Know You Care
2. Dealing
3. Sooner Cheat Death Than Fool Love
4. Satan Is My Toy
5. Sean II
6. Home On The Range
7. Brighter! (Featuring Karen Black)
8. Untitled Spain Song
9. Sean III
10. Honesty Is No Excuse
11. Aeon Of Aquarius Blues
12. Unearthed
 
 

Sky Of Birds – Matte Eyes / ...

Gli Sky Of Birds danno voce a trame sonore più crude, sofferte e nevrotiche, rispetto al recente passato. “Matte Eyes / Matte ...

Bring Me The Horizon – Post ...

Settimo album in studio in quattordici anni per i Bring Me The Horizon, partiti nel lontano 2006 con il devastante “Count Your ...

Oneohtrix Point Never – Magic ...

Ascoltare una stazione radiofonica, a volte, può rivelarsi un’esperienza ai limiti del soprannaturale. O almeno così la pensa Daniel ...

Keep Dancing Inc – Embrace

I Keep Dancing Inc vengono da Parigi: sono Louis de Marliave (voce, chitarra, tastiere e synth), Joseph Signoret (basso, synth) e Gabrielle ...

Elvis Costello – Hey ...

Elvis Costello arriva al suo trentunesimo album, una carriera lunghissima e tantissime straordinarie canzoni: a sessantasei anni, li ha ...