THE SONS OF ANARCHY
A New Consciousness

 
 
6 Dicembre 2013
 

Non siamo ad una nuova svolta musicale “aggressiva” ne tantomeno ad un approccio rivoluzionario sonico è solamente un disco che fa smuovere e perdere qualche etto di grasso in eccedenza dai nostri corpi e dalle nostre menti, uno di quelle chicche che si apprezzano istantaneamente come un bel bicchiere di vino.

“A New Consciousness” non è altro – e scusate se è poco – che il progetto dei The Sons Of Anarchy, ovvero Andrea Perillo e Raffaelo Benevento, gli ingranaggi ritmici degli A Toy Orchestra, una loro voglia d’altro personale che si tramuta dopo anni di stazionamento in dieci tracce dal forte sapore 70/80, un pop dance a ondate, cristalli funk e ballate ombrosamente post-wave che puntualmente – al momento della loro uscita d’ascolto – si rivelano abilissime nel farsi piacere e coccolare, uno di quei “dischetti” che all’inizio si può anche non farci caso, poi non ci si divide facilmente, almeno per un pezzo.

Voglia di essere liberi, unici, autodeterminati in sé stessi e nei rapporti col mondo, un parallelo distinto di una moderna e straniate “Era dell’Acquario” che – con metriche e distinguo ben marcati – pare rivivere in altre modalità e con differenti echi sonori, ma che tuttavia si ricollega virtualmente almeno nella filosofia di quegli istinti, poi certamente il vissuto e di tutt’altra parte; tracce in cui compaiono anche personaggi noti dell’underground nostrano (da Moretto a Laura Loriga ed altri), ma quello che colpisce dell’intera tracklist è la forza immaginaria che diffonde, quella “ventilazione” emozionale che fa riscoprire innamorati e pensanti, stranamente “uomini/fratelli” in un contesto di rinnovamento totale dentro e fuori, una nuova coscienza che arriva inaspettata come luce nella notte, coscienza di note, parole e aneliti di speranza. E se “Amore con la A” maiuscola deve essere che lo sia fino in fondo, allora il bel tocco di piano sintetico e sincopato di “Brother”, la grande forza interiore che “Black as your soul” smuove, la robotica dance di “Shame” è la straordinaria dolcezza amara, bluastra e darkoide di un piano mesto “Dead” – con una Beatrice Antolini che ne evidenza ai tasti il melodrammatico viatico – possono bastare a risollevare il senso comune di un’altra condotta di cuore da colorare dello stesso rosso del fuoco.

Una serie di tracciati musicali dove è sublime affogarci dentro.

A New Consciousness
[ Urtovox – 2013 ]
Genere: pop-wave
Rating:
1. Serpico
2. Brother
3. Time to reflect
4. Flames
5. Black as your soul
6. Shame
7. I won’t let me fall apart
8. I want you
9. Dead
10. Surrender

Tracklist
 
 

Ed Harcourt – Monochrome to ...

Ed Harcourt ce la sta mettendo tutta per smarcarsi dai territori pop rock di inizi carriera, quando era (giustamente) considerato uno dei ...

Young Knives – Barbarians

Mancavano dalle scene musicali da ben sette anni i fratelli Henry e Thomas “The House of Lords” Dartnall, che con il batterista ...

beabadoobee – Fake It Flowers

Si fa un gran parlare in questi giorni della giovanissima Beatrice Kristi (cantautrice inglese di origini filippine), nota col curioso nome ...

Matt Berninger – Serpentine ...

Da una voce come quella di Matt Berninger, frontman dei The National, ci lasciamo cullare da tempo ormai. È lì, calda, familiare, somiglia ...

James Blake – Before EP

Continua l’evoluzione di James Blake che l’anno scorso con l’uscita del quarto album “Assume Form” aveva decisamente ammorbidito ...