TEMPLES
Sun Structures

 
Tags: ,
 
18 Febbraio 2014
 

Temples - Sun Structures

I Temples ovvero la nuova, l’ennesima speranza del pop-rock psichedelico britannico. Nei due anni che hanno preceduto l’attesissima pubblicazione del loro disco d’esordio “Sun Structures” di questi quattro ragazzi di Kettering (il bassista Thomas Edison Warmsley, il batterista Sam Toms, il chitarrista e tastierista Adam Smith e il riccioluto frontman e chitarrista James Edward Bagshaw, sulla cui somiglianza con Marc Bolan sono stati spesi fiumi di inchiostro digitale) hanno parlato un po’ tutti. Dal solito NME al ben più sobrio The Guardian. Elogi sono arrivati anche da fan d’eccezione, come Noel Gallagher e Johnny Marr.

Solo un gruppo di raccomandati destinati a vita breve? No, stavolta no. I complimenti ricevuti i Temples li meritano (e Johnny Marr dimostra il solito buon gusto in fatto di scelte). La loro è una musica briosa, chiaramente ispirata ai primi anni settanta e alla psichedelia anni sessanta più pop e colorata, insaporita dalle immancabili influenze orientaleggianti e da armonie beatlesiane. Li hanno paragonati, per tornare ai giorni nostri, ai primi Tame Impala (che però osano di più) e ai Toy (che invece sono ben più dark) e in effetti il quartetto ha i numeri per ritagliarsi uno suo spazio nella parte più orecchiabile dell’universo psych.

Singoli ambiziosi dall’anima pop, impreziositi da arrangiamenti ben più sofisticati di quanto si sente di solito (“Shelter Song”, “Mesmerise”, “Colours To Life”), una “Keep In The Dark che gioca bonaria e giuliva con ritmi alla T-Rex, brani che sembrano scritti da un cantante folk che imbraccia la chitarra dopo aver preso un’abbondante dose di acido (“Fragment’s Light”). Un lato più romantico, non noioso né scontato (“The Guesser”, “Test Of Time”, la malinconica “Move With The Season”), uno più sperimentale (“Sun Structures”, “Sand Dance”, “The Golden Throne”). E “A Question Isn’t Answered”, che li mette insieme entrambi senza rinunciare alla melodia.

“Sun Structures” è come un aperitivo a bassa gradazione alcolica: disseta, dà un po’ alla testa, stimola l’appetito e prepara a lunghe serate in una buffa dimensione parallela dove il calendario è rimasto fermo da qualche parte tra il 1965 e il 1971, i capelli medio lunghi sono de rigueur come i pantaloni imprescindibilmente a zampa, imperano le lava lamp e curiose camicie a fantasie floreali. Tutto già visto e sentito of course, ma riproposto con l’intraprendenza e la carica vitale di talentuosi ventenni che se avessero una macchina del tempo indietro ci tornerebbero di corsa, senza fermarsi nemmeno un minuto a pensarci. Retrò e tremendamente orgogliosi di esserlo, confezionano un esordio interessante che ha qualcosa da dire sia a chi è perennemente a caccia di melodiche evasioni sia a chi ama godersi un disco andando oltre la superficie scintillante e glitterata.

Cover Album

Sun Structures
[ Heavenly – 2014 ]
Genere: psych pop
Rating:
1. Shelter Song
2. Sun Structures
3. The Golden Throne
4. Keep In The Dark
5. Mesmerise
6. Move With The Season
7. Colours To Life
8. A Question Isn’t Answered
9. The Guesser
10. Test Of Time
11. Sand Dance
12. Fragment’s Light
Tracklist
 
 

LIFE – A Picture of Good ...

I Life di  Mez Green e soci tornano dopo l’ottimo album del 2017 “Popular music”, e lo fanno confermando le loro qualità ...

Chromatics – Closer To Grey

L’annuncio del nuovo album dei Chromatics è arrivato a sorpresa, accompagnato da una frase lapidaria: “Music Is Medicine”. Molti ...

Twin Peaks – Lookout Low

Il loro debutto, “Sunken” risale al 2013 ed i Twin Peaks si fecero subito notare grazie al loro approccio spiccio e senza ...

Wilco – Ode To Joy

E sono 11 i dischi dei Wilco! Si era parlato con “Star Wars” (2015) e “Schmilco” (2016) (gli ultimi due lavori della ...

King Nun – Mass

Chi il prossimo 29 ottobre andrà al concerto dei The Struts al Fabrique di Milano avrà anche l’occasione di vedere dal vivo i King Nun, ...