WEMEN
Albanian Paisley Underground

 
 
19 Febbraio 2014
 

Sono molteplici gli spunti che offre “Albanian Paisley Underground”, a partire dalla figura di Carlo Pastore che di questi Wemen è voce, chitarra e frontman dichiarato: smette dunque le vesti del giornalista e conduttore (qualcuno lo ricorderà imberbe nei pomeriggi di MTv, ma a noi piace segnalarlo come voce di quell’ottimo programma radiofonico che è Babylon) per il imbracciare la sei-corde e guidare il suo gruppo al disco d’esordio, dopo uno split (in compagnia dei fiorenti The Hacienda) uscito lo scorso anno.

L’album, con la bella copertina realizzata da Francesco Peluso, prende il nome dall’osservazione di un giornalista che, pretestuosamente, aveva parlato di versione albanese del sound Paisley Underground: anziché alzar barricate (credetemi, di Balcani e, più in generale, di sentori world nei trentasei minuti dell’album non ce ne sono) i Wemen hanno fatto loro tale definizione, legandola concettualmente al rapporto che s’instaura tra centro e periferia. Allora, se il centro è ovviamente l’Inghilterra, patria natale di quasi tutti i riferimenti stilistici, la periferia è tutta l’Europa, Italia compresa.

Su questa diatriba sonica si muovono dunque i dieci brani del disco, brani che spesso però non sfuggono all’ingombrante presenza dei propri nomi tutelari (i Clash su tutti, omaggiati anche con la cover, piuttosto didascalica, di “Kingston Advice”): convincono i primissimi pezzi (l’iniziale e lancinante “Prince of Persia”, la serratissima “Young Ebeneezer”) e quelli posti in chiusura, come i massicci wall-of-sound del singolo “Tremerai Ancora” e di “The Surfer” o la ballatona in odor di Madchester “Will Be Fine”. Nel mezzo, oltre ai già citati cali di personalità, anche un paio di incursioni power-pop che, leggere leggere, ci mostrano il gruppo senza gli artifici intellettuali altrimenti ricercati.

Questo esordio dei Wemen mostra alcuni difetti tipici delle opere prime, ma inanella anche una serie di canzoni decisamente piacevoli da ascoltare: per quanto ben suonato, ad “Albanian Paisley Underground” mancano l’inventiva che spesso caratterizza le uscite Black Candy Records (e l’esempio più immediato sono gli Appaloosa che, quasi contemporaneamente, hanno pubblicato un terzo disco alquanto imperdibile).

Albanian Paisley Underground
[ Black Candy – 2014]
Genere: alt-rock, indie-rock, shoegaze
Rating:
1. Prince of Persia
2. Young Ebeneezer
3. Coming Over Me
4. Jim & Jam
5. Kingston Advice
6. Let Me Get Out
7. Lose It All
8. The Surfer
9. Tremerai Ancora
10. Will Be Fine
Tracklist
 
 

June Of 44 – Revisionist: ...

Qualcosa si muove nel variopinto mondo dei June Of 44 che mancavano, discograficamente parlando, da ventuno anni. “Revisionist” ...

Giacomo De Rosa – Segnali di ...

Giacomo De Rosa è il leader di tutti i Peter Pan, il capopopolo dei sognatori (quelli narcolettici, che non svegli nemmeno a colpi di ...

FUR – Facing Home Mixtape EP

I FUR ci fanno perdere la trebisonda e ci mandano metodicamente in brodo di giuggiole, con la loro indole rétro che, ovviamente, si ...

Love Fame Tragedy – Wherever ...

Quest’anno alcuni ex leader di indie rock band made in UK hanno pubblicato i loro primi lavori da solisti. Si parla, ad esempio, di ...

Julianna Barwick – Healing Is ...

L’artista statunitense Julianna Barwick, di stanza a Brooklyn dopo i primi anni trascorsi tra Louisiana, dove è nata, e Missouri, con ...