HAVE A NICE LIFE
The Unnatural World

[ Enemies List - 2014 ]
8
 
Genere: shoegaze, doom, post-metal
 
6 Marzo 2014
 

Sono stati il caso musicale del 2008, con quel “Deathconsciousness” prodotto e stampato in proprio a tiratura iper-limitata, che dal sottosuolo del sottosuolo è riuscito ad appassionare parimenti migliaia di darkwavers e di appassionati di rock indipendente tout court.

Se dunque l’esordio-capolavoro degli Have A Nice Life (ossia Tim Barrett e Dan Macuga, fondatori tra l’altro dell’agguerrita e sinistra etichetta Enemies List) fu un doppio monolite, qui invece troviamo solo otto tracce, seppur mediamente di consistente durata.
L’approccio tra l’etereo e il torvo rimane sempre quello, così come il granuloso suono lo-fi, anche se viene meno l’aura esoterica in favore di una via più esistenzialista e, in definitiva, personale.
Inoltre incombe un senso di accresciuta solennità, come se osservassimo una salma sfregiata ma elegantemente pietrificata perdersi al largo di placide acque scure, ai confini tra una metropoli sfatta e una natura misteriosa e fatalmente inesorabile, tra suoni anelanti a un’onirica limpidezza celestiale e rugginose frastagliature industrial (“Guggenheim Wax Museum”, “Burial Society”), polverose litanie dall’afflato quasi ancestrale (“Music Will Untune The Sky”, “Emptiness Will Eat the Witch”) e caracollanti marce dai sussulti strozzati (“Cropsey”). Questa gelida spettralità stagnante viene a tratti interrotta da immancabili cavalcate post-punk dalle ritmiche di ferro (“Defenestration Song”, già presente in una versione leggermente diversa nella raccolta “Voids”, “Dan and Tim, Reunited By Fate” – un titolo che crediamo voglia essere volutamente, grottescamente scherzoso – e “Unholy Life”, la cui coda post-gaze è però, incredibile a dirsi, la cosa più luminosa mai partorita dal duo americano) che probabilmente in pochi al giorno d’oggi sanno rendere così credibili e cattive.

In “The Unnatural World” (meno spiazzante del suo predecessore, ma lo stesso solido e affascinante, e sicuramente meno dispersivo) la Storia si incrocia e si scontra con il corso naturale delle cose del mondo, al quale si vuole sostituire, scatenando una occulta Apocalisse nelle viscere più nascoste della realtà, il tutto scorto attraverso il prisma dell’anima del singolo alle prese con quello che è forse il peggiore dei mali “invisibili”, l’incomunicabilità.

No matter how hard I try, I’ll never reach the speed of life
No matter how much I write, you’ll never read a single line
Oh well
Who am I to point it out?
You are no one.

Tracklist
1. Guggenheim Wax Museum
2. Defenestration Song
3. Burial Society
4. Music Will Untune the Sky
5. Cropsey
6. Unholy Life
7. Dan and Tim, Reunited by Fate
8. Emptiness Will Eat the Witch
 
 

Braids – Shadow Offering

Inizia con la dichiarazione di un amore fugace contenuta nell’opening track “Here 4 U” il quarto album in studio della ...

Cloud Nothings – The Black ...

Era ottobre 2018 quando i Cloud Nothings avevano pubblicato, via Wichita Recordings, il loro quinto LP, “Last Building Burning”: ora la ...

The Beths – Jump Rope Gazers

Diamo il bentornato ai simpatici Beths di Auckland che danno un seguito al piacevolissimo esordio di due anni fa. Il quartetto cambia un ...

Khruangbin – Mordechai

Tornano i mariachi del groove texani dopo l’ottimo “Con Todo El Mundo”, e lo fanno dimostrano un invidiabile stato di ...

Sault – Untitled (Black is)

In un mondo di sovraesposizione mediatica i Sault si fanno notare per la loro misteriosa identità: arrivati al terzo album, di cui due ...