LORELLE MEETS THE OBSOLETE
Chambers

 
 
24 marzo 2014
 

Lorelle Meets The Obsolete - Chambers

Lui & Lei. Un classico. Coppia fissa, sul palco e nella vita. Lorelle (ovvero Lorena Quintanilla) e The Obsolete (Alberto González). Messicani di Guadalajara, psych rockers onirici, ipnotici, un filo sperimentali. Mischiano influenze diverse (shoegaze, garage e kraut rock in cima alla lista) sotto il caldo sole del Sudamerica. Lorelle con il suo basso e a volte la chitarra, la voce da sirena, un po’ Laetitia Sadier degli Stereolab un po’ Trish Keenan dei Broadcast, un po’ Sanae Yamada dei Moon Duo. The Obsolete fa il jolly, suonando tutto il resto e cantando quando gli và.

Un gran bell’esordio (“On Welfare” del 2011) che dava la piacevole sensazione di guardare il mondo attraverso il finestrino di una nave aliena di passaggio diretta verso qualche affascinante galassia lontana; un secondo album (“Corruptible Faces” uscito l’anno scorso) molto più concreto. E ora “Chambers”, disco numero tre in cui Lorelle & The Obsolete completano l’evoluzione allontanandosi dallo stile sognante degli inizi per scoprire una grinta tutta nuova.

Dieci pezzi che sembrano altrettante camere con vista. Pensione completa e puoi scegliere di dormire dove vuoi. La trascinante “What’s Holding You?” deve molto ai già citati Moon Duo; “The Myth Of The Wise”, “Music For Dozens”, “Sealed Scene” e “13 Flowers” invece ricordano la densità ritmica degli Spaceman 3 periodo “Playing With Fire” e rappresentano l’anima più tenacemente rock, distorta e melodica di Alberto e Lorena. “I Can’t Feel The Outside” e “Thoughts About Night Noon”, strani divertissement cantati prevalentemente da The Obsolete, strizzano l’occhio alla giocosità degli Holy Wave e proseguono il discorso iniziato con “The Obsolete Man” di “On Welfare” e ripreso in “Morning Darkness” di “Corruptible Faces”. I momenti più riusciti restano comunque quelli in cui Lorelle & The Obsolete tornano a farsi un giretto tra stelle, perdendosi nello spazio nero e profondo (“Grieving”, “Dead Leaves”, “Third Wave”).

Il percorso artistico di Lorelle Meets The Obsolete ricorda un po’ quello dei Wooden Shjips: primi lavori molto “free”, liberi di esplorare confini armonici e musicali, poi una progressiva normalizzazione con canzoni d’impianto classico, decisamente più accessibili. Meno psichedelico e più rock, il duo di Guadalajara conferma quanto di buono si era già visto in passato mantenendo quell’atteggiamento sbarazzino e indipendente che ne ha sempre caratterizzato la produzione.

Cover Album

  • Website
  • BUY HERE
Chambers
[ Sonic Cathedral – 2014 ]
Genere: psych rock
Rating:
1. What’s Holding You?
2. The Myth Of The Wise
3. Dead Leaves
4. I Can’t Feel The Outside
5. Music For Dozens
6. Grieving
7. Sealed Scene
8. Third Wave
9. 13 Flowers
10. Thoughts About Night Noon

Tracklist
 
 

The National – I Am Easy To ...

Seguendo i National da molti anni, non mi aspettavo di incontrare nel loro percorso artistico una tappa come quella rappresentata da “I Am ...

Mac DeMarco – Here comes The ...

La noia come ragion d’essere. La noia come atto costitutivo della più alta forma di creatività. Mac DeMarco in “Here Comes the ...

Peter Doherty and The Puta Madres ...

Esce finalmente anche l’attesissimo omonimo lavoro di Peter Doherty & The Puta Madres ovvero il terzo e nuovo progetto per il frontman ...

Nick Murphy – Run Fast Sleep ...

“Run Fast Sleep Naked” è il primo album pubblicato dal cantante sotto il nome di Nick Murphy. L’ex Chet Faker ha dunque, ...

Rose Elinor Dougall – A New ...

Alzi la mano chi oggi si ricorda delle Pipettes, band inglese che fece capolino nelle playlist indie pop di metà anni 2000. Probabilmente ...