MAXIMO PARK
Too Much Information

 
Tags:
 
7 Aprile 2014
 

Maximo Park - Too Much Information

Sono passati quasi dieci anni dall’esordio dei Maxïmo Park: era il 2005 quando uscì “A Certain Trigger”, trainato dal singolo esplosivo “Apply some pressure”. Nel frattempo c’è stato l’ottimo “Our Earthly Pleasures” (2007), capace di scacciare via i timori caratteristici del secondo album e di confermare la band inglese tra i migliori gruppi in circolazione negli anni della rinascita indie rock degli anni zero. Subito dopo, però, ci sono stati due passaggi a vuoto, “Quicken The Heart” (2009) e “The National Health” (2012), che hanno fatto calare notevolmente l’interesse per la band di Paul Smith, un destino analogo a quello di molti gruppi esplosi dopo il 2001, anno che, con l’uscita di “Is This It?” degli Strokes, segna una sorta di rinascimento dell’indie rock. A causa dei precedenti lavori, “Too Much Information” corre il rischio di passare inosservato, almeno qui in Italia. Senza ripescare la retromania, croce e delizia della cultura pop degli ultimi quindici anni, il nuovo album dei Maxïmo Park è un’insalata in cui si mischiano gli ingredienti che hanno reso memorabili gli ultimi trent’anni di musica britannica.

“Give, Get, Take” si apre con dei synth che si spostano presto sullo sfondo e lasciano spazio a un ritmo che la fa sembrare una canzone scartata da “A Certain Trigger”. Il synth pop anni ’80 è al centro di “Brain Cells” e “Leave This Island”, in cui emergono sfumature new wave da sempre appartenenti al dna della band. Si avverte l’eco degli Smiths in “Lydia, The Ink Will Never Dry”. L’elettronica targata anni ‘80 ritorna prepotente in “Is It True?”, in una discesa lungo un sentiero oscuro e a tratti ipnotico. “Drinking Martinis” è forse la canzone migliore del disco, un pop venato di malinconia che potrebbe richiamare alla memoria “Books From Boxes” o “Karaoke Plays”, canzoni che sintetizzano alla perfezione gli esordi dei Maxïmo Park, quella loro capacità di spingere il pop verso lidi malinconici, alla ricerca dei momenti perduti in un passato sbiadito, doloroso eppure dolce. Sulla stessa scia “Midnight On The Hill”, con versi che sembrano confermare i sentimenti evocati dalla musica: It was midnight on the hill/A sudden silence/Too much information/We were struggling with our will/What happened next?/I would like to know/Funny how the moments come and go. “Her Name Was Audre” ha un sapore quasi rockabilly, francamente estraneo alle sonorità dei Maxïmo Park. La chiusura è affidata allo scorrere placido di “Where We’re Going”.

Ecco, dove stanno andando i Maxïmo Park? Questo disco è di sicuro un passo avanti rispetto ai due lavori precedenti, magari non è all’altezza di “A Certain Trigger” e “Our Earthly Pleasures”, ma canzoni come “Drinking Martinis” e 2Midnight On The Hill” sembrano rinverdire i fasti di un tempo, confermando che la band è capace di produrre musica di qualità. Paul Smith e soci, però, dovrebbero scegliere una strada e percorrerla fino in fondo: cercare il rinnovamento a tutti i costi o rimanere fedeli a se stessi?

Too Much Information
[ Daylighting – 2014]
Genere: Alt-Pop, Alt-Rock
Rating:
1. Give, Get, Take
2. Brain Cells
3. Leave This Island
4. Lydia, The Ink Will Never Dry
5. My Bloody Mind
6. Is It True?
7. Drinking Martinis
8. I Recognise The Light
9. Midnight On The Hill
10. Her Name Was Audre

Tracklist
 
 

Stian Westerhus – Redundance

Con la classe e la competenza tipica del vero musicista, Stian Westerhus prosegue il suo particolarissimo percorso di evoluzione artistica ...

Anna Calvi – Hunted

Non sono rari al giorno d’oggi i casi di album che vengono rivisti, rimaneggiati – con chiavi di lettura di volta in volta ...

Birthh – Whoa

E’ italianissima, ma non lo diresti mai, almeno riferendosi alla sua musica e al suo universo di riferimento. Alice Bisi – che a ...

Jet Set Roger – Un rifugio ...

Jet Set Roger (alias Roger Rossini) è un artista a cui non piace certo vincere facile, e lo dimostra una volta di più con il suo nuovo ...

Hilary Woods – Birthmarks

Il nome di Hilary Woods a queste latitudini potrebbe non dire granché, ma immagino che (almeno) gli appassionati di britpop e dintorni non ...