ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

 
 
15 Aprile 2014
 

Angel Olsen - Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che sia (è successo e succede a molti artisti) la cantautrice di Chicago appena trasferitasi in North Carolina sperimenta sonorità nuove, e cambia non poco il suo stile.

L’approccio elettrico da l’input a tutte le tracce, così che ogni rimasuglio di Laura Marling venga sotterrato sotto un impatto più aggressivo e completo alle tracce (la band è ormai fissa); “Forgiven/forgotten” è subito garage-punk nell’intenzione, anche se la voce di Angel e i cori annessi renderebbero di più in una canzone dei Fleetwood Mac probabilmente. “High five” è un tentativo folk rock piuttosto azzeccato, con chitarre che ricordano gli Yo la Tengo di una volta, ma senza esagerare; si passa dall’indie rock di “High and wild” con molto piacere, finché non si approda al porto della leggerissima “Iota”, dove il tono più lieve, meno strascicato e decisamente più sincero della nostra Joan Baez degli anni’10 del 2000 mette in risalto la sua vera natura cantautorale. Lo stesso vale per “Dance slow decades”, un climax elettrico di una epicità notevole in cui Angel dà il meglio del suo repertorio ballad, per non parlare del gioiellino “Enemy” alla numero 10, solo voce e chitarra acustica, come a dire “ragazzi, sono sempre io, non sono cambiata: dovevo soltanto sfogarmi un attimo…”

Decisamente un disco molto piacevole, di compagnia ma senza malinconia, discreto ma non incompleto.

Burn Your Fire For No Witness
[ Jagjaguwar – 2014]
Genere: indie folk-rock, songwriting
Rating:
1. Unfucktheworld
2. Forgiven/Forgotten
3. Hi-Five
4. White Fire
5. High & Wild
6. Lights Out
7. Stars
8. Iota
9. Dance Slow Decades
10. Enemy
11. Windows

Tracklist
 
 

Snowgoose – The Making of You

A sette anni di distanza dal primo eccellente album “Harmony Springs” ecco nuova produzione a firma Snowgoose, progetto guidato ...

Paul Weller – On Sunset

Paul Weller ha vissuto una sorta di seconda o terza giovinezza negli ultimi dieci / quindici anni, impegnato come non mai a far dischi con ...

Waldeck – Grand Casino Hotel

Il mondo della musica è pieno di personaggi singolari, ad esempio Klaus Waldeck. Promettente da bambino, carriera bruscamente interrotta ...

Nana Grizol – South Somewhere ...

Dopo tre album pubblicati per la Orange Twin, i Nana Grizol di Theo Hilton ritornano con un nuovo lavoro sulla distanza, questa volta ...

Hum – Inlet

Dalle radici di puro shoegaze sono rispuntati dopo ben ventidue anni gli statunitensi Hum. La band di Champaign, Illinois, si presenta a ...