BEN FROST
Aurora

 
Tags: ,
 
19 Maggio 2014
 

Ben Frost è uno strano personaggio. Australiano di nascita trapiantato in Islanda per inseguire le mille tentazioni della sua anima inquieta, non si è mai accontentato di essere solo un musicista. Un’ etichetta che ha sempre rifiutato non tanto con le parole ma con i dischi fatti e quelli prodotti, le mille collaborazioni, le colonne sonore realizzate (“Sleeping Beauty” e “Sólaris”, l’opera “The Wasp Factory”). Ben Frost insomma è un artista a tutto tondo, un compositore abile nel fondere le strutture della musica classica con l’elettronica, arrivando perfino ad accostarsi alle sensazioni forti del metal. Amato da Brian Eno e da Michael Gira, ha prodotto “The Seer” dei The Swans e “Virgins” di Tim Hecker.

Quella di Frost è musica elettronica non celebrale ma fisica, muscolare, dark, intensa, vagamente inquietante, che intimidisce e conquista con le sue trame meticolosamente rifinite, le geometrie precisissime e i cambiamenti repentini. Una musica che negli anni è stata in grado di unire sperimentazione e minimalismo in modo creativo e spesso del tutto inedito. “Aurora” arriva dopo il catartico “By The Throat” uscito nel 2009 ed è un disco in cui Ben Frost abbandona parzialmente il sound del passato rinunciando a chitarre e pianoforte, sostituiti dalla fredda luce dei sintetizzatori.

Un album aggressivo suonato con precisione teutonica da Frost, magistralmente coadiuvato da Greg Fox (ex Liturgy), Shahzad Ismaily e Thor Harris (Swans), che evoca immagini di distruzione e lotta per la sopravvivenza alternando paesaggi ghiacciati e impietosi (“No Sorrowing”, “Sola Fide”) a improvvisi momenti di maestosa vitalità (“Nolan”, “Secant”). Note inquiete e frammentate che sembrano suonate da macchine con l’anima. Ogni particolare ha una sua funzione specifica: i SILENZI, i rumori appena percepibili, gli enormi spazi vuoti distribuiti ad arte.

“Aurora” documenta l’ennesima evoluzione del trasformista Ben Frost, camaleonte dell’elettronica che si diverte a esplorare di continuo nuovi territori. Un disco che lascia addosso una sensazione diversa rispetto a “Black Marrow” o al già citato “By The Throat”, che avvolgevano l’ascoltatore trascinandolo dentro un mondo parallelo tutto da scoprire. Tiene spesso a distanza, impedendo di perdersi completamente nella musica, come una regina altezzosa consapevole del suo fascino e proprio per questo ancora più interessante da corteggiare e conquistare.

Aurora
[ Mute – 2014]
Genere: ambient, elettronica
Rating:
1. Flex
2. Nolan
3. The Teeth Behind Kisses
4. Secant
5. Diphenyl Oxalate
6. Venter
7. No Sorrowing
8. Sola Fide
9. A Single Point Of Blinding Light

Tracklist
 
 

Khruangbin – Mordechai

Tornano i mariachi del groove texani dopo l’ottimo “Con Todo El Mundo”, e lo fanno dimostrano un invidiabile stato di ...

Sault – Untitled (Black is)

In un mondo di sovraesposizione mediatica i Sault si fanno notare per la loro misteriosa identità: arrivati al terzo album, di cui due ...

A.A. Williams – Forever Blue

C’è un’etichetta prestigiosa come la Bella Union dietro il debutto sulla lunga distanza di A.A. Williams, nome forse non molto noto ma ...

Peel Dream Magazine – Moral ...

“Agitprop Alterna” dello scorso Aprile aveva strappato unanimi consensi, così i Peel Dream Magazine di Joe Stevens hanno ...

Snowgoose – The Making of You

A sette anni di distanza dal primo eccellente album “Harmony Springs” ecco nuova produzione a firma Snowgoose, progetto guidato ...