PRIMAVERA SOUND 2014
@ Parc Del Forum – DAY THREE – (Barcellona, 29-30-31/05/2014)

 
 

Il mio terzo giorno di festival è un po’ frammentato, per cui stavolta procedo a fiume, senza suddivisione per show.

Si inizia che meglio non potrebbe con i Kronos Quartet, protagonisti di uno show in teatro a dir poco sublime.
Dopodiché, ahimé, compio alcune scelte sanguinose come Jonathan Wilson (tutto sommato gradevole ma nulla più), Television (i quali riproponevano interamente il loro capolavoro classe 77, “Marquee Moon” – scappo al terzo pezzo) e Dum Dum Girls (power pop che di power mostra ben poco, tanto che scelgo di stendermi a terra e meditare).

Grazie a soli trenta minuti di Godspeed You!Black Emperor vengo rimesso al mondo (assisto a “Hope Drone”, pezzo composto apposta per fungere da apripista in sede live, e “Mladic”, che cresce avvolgendo gli astanti in un vortice di ruggine e chitarre roboanti per poi disgregarsi). Mi sposto quindi nella zona dei palchi Sony e Heineken: sul primo stanno terminando il loro set dei suggestivissimi e bravissimi Volcano Choir, mentre sul secondo fervono i preparativi per una delle grandi star della rassegna, Kendrick Lamar. Il quale non si risparmia e regala una delle più grandi performance del Primavera 2014, nonché forse l’unico che possa definirsi un grande evento “mainstream” (e infatti la platea è oceanica). Lamar e i suoi sono talmente trascinanti che decido di perdermi i Cloud Nothings sul palco Vice. Non Blood Orange, però. Dev Haynes inizia ad ancheggiare a mezzanotte in punto, sul palco Pitchfork e termina una quarantina di minuti più tardi facendo ballare tutti in una melma di citazionismo anni 80-90, tra languidumi chill-funk, duetti e addirittura effusioni con la sua dolce metà Samantha Urbani (bella e brava ma vestita come una pantegana, diciamolo). Punto più alto quella che è una delle migliori tracce sull’ultimo ottimo “Cupid Deluxe”, cioè “Uncle Ace”, con Dev che imbraccia la chitarra e non smette di zompettare.

Mi fermo lì al Pitchfork deciso a guardarmi Ty Segall, ma non resisto più di due pezzi. Come il biondo comincia a schitarrare, vedo passarmi gente sulla testa (e io sono alle transenne eh), tizi che si catapultano avanti in condizioni quantomeno alterate e via dicendo. Quando rischio di perdere una scarpa rinculo nelle retrovie e quindi a casa.

 

Torneremo presto sotto un ...

Per cause di forze maggiore, quelle che tutti abbiamo ben presenti, la nostra rubrica dei “Live Report” è ferma. Ma è solo un ...

The Hold Steady + Martha – ...

Sono passati parecchi anni da “Teeth Dream”, l’ultimo album in ordine cronologico degli Hold Steady: lo scorso agosto, però, ci ha ...

Algiers – Live @ Monk (Roma, ...

Con una nuova raccolti di inediti da promuovereall’altezza della loro fama “underground”, gli Algiers si presentano in uno dei ...

Big Thief – Live @ Locomotiv ...

C’era trepidante attesa per questa data, la prima indoor in terra italica come ci tiene a sottolineare Adrianne Lenker, dei Big Thief ...

Beatrice Antolini – Live @ ...

Dopo la partecipazione al 70° Festival di Sanremo, come splendida direttrice d’orchestra per Achille Lauro, e poco prima della ripartenza ...