PRIMAVERA SOUND 2014
@ Parc Del Forum – DAY THREE – (Barcellona, 29-30-31/05/2014)

 
 

Il mio terzo giorno di festival è un po’ frammentato, per cui stavolta procedo a fiume, senza suddivisione per show.

Si inizia che meglio non potrebbe con i Kronos Quartet, protagonisti di uno show in teatro a dir poco sublime.
Dopodiché, ahimé, compio alcune scelte sanguinose come Jonathan Wilson (tutto sommato gradevole ma nulla più), Television (i quali riproponevano interamente il loro capolavoro classe 77, “Marquee Moon” – scappo al terzo pezzo) e Dum Dum Girls (power pop che di power mostra ben poco, tanto che scelgo di stendermi a terra e meditare).

Grazie a soli trenta minuti di Godspeed You!Black Emperor vengo rimesso al mondo (assisto a “Hope Drone”, pezzo composto apposta per fungere da apripista in sede live, e “Mladic”, che cresce avvolgendo gli astanti in un vortice di ruggine e chitarre roboanti per poi disgregarsi). Mi sposto quindi nella zona dei palchi Sony e Heineken: sul primo stanno terminando il loro set dei suggestivissimi e bravissimi Volcano Choir, mentre sul secondo fervono i preparativi per una delle grandi star della rassegna, Kendrick Lamar. Il quale non si risparmia e regala una delle più grandi performance del Primavera 2014, nonché forse l’unico che possa definirsi un grande evento “mainstream” (e infatti la platea è oceanica). Lamar e i suoi sono talmente trascinanti che decido di perdermi i Cloud Nothings sul palco Vice. Non Blood Orange, però. Dev Haynes inizia ad ancheggiare a mezzanotte in punto, sul palco Pitchfork e termina una quarantina di minuti più tardi facendo ballare tutti in una melma di citazionismo anni 80-90, tra languidumi chill-funk, duetti e addirittura effusioni con la sua dolce metà Samantha Urbani (bella e brava ma vestita come una pantegana, diciamolo). Punto più alto quella che è una delle migliori tracce sull’ultimo ottimo “Cupid Deluxe”, cioè “Uncle Ace”, con Dev che imbraccia la chitarra e non smette di zompettare.

Mi fermo lì al Pitchfork deciso a guardarmi Ty Segall, ma non resisto più di due pezzi. Come il biondo comincia a schitarrare, vedo passarmi gente sulla testa (e io sono alle transenne eh), tizi che si catapultano avanti in condizioni quantomeno alterate e via dicendo. Quando rischio di perdere una scarpa rinculo nelle retrovie e quindi a casa.

 

Tamino – Live @ Santeria ...

Quando l’ho ascoltato per la prima volta, quasi un anno fa, è stato subito amore. Poi ho cominciato a maledirmi per averlo scoperto ...

Shed Seven – Live @ First ...

Come accade ormai da tempo, ogni due anni gli Shed Seven ritornano tra novembre e dicembre con una lunga serie di concerti nel Regno Unito e ...

Archive – Live @ Alcatraz ...

Tornano in Italia gli Archive gruppo storico dell’underground inglese, in tour per festeggiare un compleanno importante, i primi 25 anni ...

Hot Chip – Live @ Alcatraz ...

Dopo il concerto di FKA Twigs di ieri sera si ritorna già in pista per la data milanese degli Hot Chip, in tour per presentare il loro ...

PUP + Sløtface + Fresh – ...

Decisamente incasinata Birmingham il sabato, ma il traffico pazzesco della città delle Midlands non ci spaventa e raggiungiamo a piedi la ...