MANIC STREET PREACHERS
Futurology

 
 
31 luglio 2014
 

Manic Street Preachers - Futurology

Ventidue anni di carriera, dodici dischi studio. Bottino niente male. Dischi di solito scomodi, che non la mandano a dire, provocatori, con testi che non lasciano intendere, bensì piùttosto schietti. La faccia tosta non è mai mancata al trio gallese. E quindi dopo una virata acustica avuta con il precedente “Rewind the Film” i Manic Street Preachers mettono di nuovo le chitarre negli amplificatori, vanno nel cuore pulsante di un Europa che non va, in Germania, “Europa Geht Durch Mich” un brano apparentemente romantico ma che nell’oscurità delle strofe si trasforma in qualcosa di più pessimistico, attualista e rivolto essenzialmente allo strapotere germanico nel parlamento europeo.

Un viaggio, quello fatto durante la loro precedente tournee, la fonte d’ispirazione e gran parte dei pezzi registrati a Berlino con forti, fortissimi richiami all’art rock, al kraut, un po’ stomp un po’ Kraftwerk con tanto di Talking Heads e il Bowie Berlinese. La fonte dell’ elettronica industrial e spigolosa che usciva negli anni in cui l’idea dell’Unità Europea diventava la strada scelta dai nostri amatissimi rappresentanti politici.

“Futurology” è un disco che non presenta singoloni, eccezione forse per “Walk me to the Bridge”ma è un concept che si divincola tra massime sociali e scariche di elettricità positiva. L’ascolto suscita svariate emozioni: ansia, angoscia, voglia di rivalsa, rivoluzioni utopiche, fretta, stress, furia. E’ la nostra società quella che s’incontra nei 13 pezzi che compongono l’album. Esortazioni, spirto guerriero “Let’s go to war” in stile “The Wall”. “Futurology” è una grande città dell’Europa, una città plastica, asfissiante, con la natura che non riesce più ad affermarsi e che perde ogni giorno a colpi di cemento, con i sentimenti sempre più sterili e sempre meno vivi e vivibili. Volendo c’è anche il tempo di respirare e magari rimpiangere il tempo andato con la ballad “Beetwen the Clock and the Bed”. Oltre alle chitarre sono i synth a dettare legge nel disco. La tracklist prosegue fino, appunto, a “Mayakovsky”, altro personaggio non casuale, altro brano strumentale, l’altro era “Dreaming the City”, giusto perchè non ci siamo fatti mancare niente (Nel sito troverete un sampler di presentazione di ogni brano corredato di frase o massima o aforisma che aiuta meglio alla comprensione dell’album).

Disco un po’ pretenzioso mi verrebbe da dire. Si va così di fretta che non c’è tempo di riflettere, protestare, ragionare, obiettare, pensare. La schiavitù verso la velocità del tempo e delle cose è più forte di tutto e di tutti. Quello che stupisce nei MSP è la voglia incessante di scrivere, di mettersi in gioco, di esplorare, di sprofondare, di provare a scardinare una folla cieca che non vuole riacquistare la vista e la parola per dire ai signoroni potenti che le cose nonostante tutti gli sforzi non vanno bene.

Cover Album

  • Website
Futurology
[ Sony – 2014]
Genere: Pop, Art rock, Alternative
Rating:
1. Futurology
2. Walk Me to the Bridge
3. Let’s Go to War
4. The Next Jet to Leave Moscow
5. Europa Geht Durch Mich
6. Divine Youth
7. Sex, Power, Love and Money
8. Dreaming a City (Hughesovka)
9. Black Square
10. Between the Clock and the Bed
11. Misguided Missile
12. The View from Stow Hill
13. Mayakovsky

Tracklist
 
 

Marika Hackman – Any Human ...

Sono passati poco più di due anni dall’uscita del suo sophomore “I’m Not Your Man” e Marika Hackman è ritornata questo weekend con ...

Olden Yolk – Living Theatre

Il loro omonimo primo LP era arrivato solamente nel febbraio dello scorso anno, ma gli Olden Yolk gli hanno già dato un seguito, realizzato ...

Everything Hits at Once: The Best ...

Un best of è una tela intricata che può farti incazzare, oppure può diventare un universo immaginario e ideale in cui incontrarsi con i ...

Slaughter Beach, Dog – Safe ...

Slaughter Beach, Dog è il progetto di Jake Ewald dei Modern Baseball, ma per questo suo terzo LP, uscito nel weekend via Big Scary Monsters ...

Of Monsters and Men – Fever ...

Si può passare da un fragoroso entusiasmo – al punto da indicare questo disco tra le migliori uscite dell’anno – al dubbio che forse ...