TUNE-YARDS
Nikki Nack

[ 4ad - 2014]
 
Genere: alternative rock
Tags: ,
 
31 Luglio 2014
 

Fresco, allegro e frizzante giusta colonna sonora da ombrellone in questa estate che stenta a decollare è questo il nuovo lavoro dei tUnE-yArDs “Nikki Nack”: un cocktail di ritmi afrobeat, caraibici, suoni sincopati e trascinanti retti dalla voce inconfondibile di Merrill Garbus. Un mix tra etno-chic, R&B con derive hiphop condito con atmosfere in stile exotica e guarnito con avanguardia in salsa haitiana stemperata con un pizzico di pop e richiami worldbeat.

Dopo il successo di “w h o k i l l” (4ad, 2011) e l’interminabile tour mondiale per la promozione del disco la Garbus, in compagnia del suo compagno d’avventura il bassista Nate Brenner, decide di tagliare con il mondo rumoroso e stressante delle metropoli americane per ritirarsi alla Hawaii e ritrovare così un giusto equilibrio, un rifugio dallo stress contaminante della vita contemporanea. L’arcipelago diviene così fonte primaria d’ispirazione per il suo nuovo lavoro. “Nikki Nack” suona infatti leggero e colorato, arioso gioioso e solare trascinando in vorticose danze in riva al mare dove la luce e la brezza marina accompagnano le note dei pezzi del disco retti da ritmi dalle forti derivazioni etniche, beats sincopati e trascinanti che si stemperano arricchendosi della voce della prima bianca americana che canta come una nera africana. Un canto tra il sofferto e l’urlato ci trascina in un turbinio fatto di colori sgargianti, una vera festa di ritmo e allegria leggera che ci impedisce di rimanere passivi ascoltatori ma che trascina coinvolgendoci in danze liberatorie.

Ma la frivolezza è solo apparente. I testi di “Nikki Nack” trasudano di impegno politico e lotta sociale elemento distintivo della produzione dei tUnE yArDs, ma anche di riflessioni personali e profonde sul confronto continuo dell’esistenza combattuta tra sentimenti intimi, scelte e separazioni strazianti. Merrill urla tutta la sua rabbia contro le discriminazioni ma diviene anche intima e sincera quando affronta i sentimenti che agitano le vite di tutti noi. Il disco infatti a differenza di “w h o k i l l” in alcuni momenti diviene più oscuro e personale: quando le danze finiscono parte il pensiero introspettivo e la sofferenza diviene sussurrata.

“Water Fountain” è il primo estratto dal disco accompagnato dal video diretto da Joel Kefali e ispirato dall’estetica tutta anni ottanta del famoso programma per bambini Pee-wee’s Playhouse condotto dallo stravagante personaggio Pee-wee Herman, protagonista del primo lungometraggio non animato di Tim Burton. Una serie di mobili antropomorfi giocano con Merrill che si muove in uno spazio colorato e fantasioso mentre il suo canto nasconde tutta la denuncia verso la politica distorta e poco attenta ai reali bisogni della gente. Un vero e proprio détournement: giocare, scherzare e divertirsi allegramente in un mondo apparente felice colorato e infantile per condannare condotte e azioni tristi e pesanti come la mancanza di acqua o il cibo ormai pieno di pesticidi, l’aria irrespirabile a causa dagli elementi chimici nocivi per la salute pubblica o la supremazia del Dio denaro.

Non mancano comunque i momenti più introspettivi nell’album come in “Time of Dark” e “Find a New Way” dove le insicurezze e l’auto analisi di Merrill la fanno da padrone mettendo ancora una volta in risalto l’animo travagliato e in continua evoluzione di una artista controcorrente e sopra le righe, una delle più autentiche e vere nuove scoperte di questi ultimi anni.

Credit Foto: Holly Andres

Tracklist
1. Find A New Way
2. Water Fountain
3. Time Of Dark
4. Real Thing
5. Look Around
6. Hey Life
7. Sink-O
8. Why Do We Dine On The Tots?
9. Stop That Man
10. Wait For A Minute
11. Left Behind
12. Rocking Chair
13. Manchild
 
 

Sundara Karma – Kill Me EP

Se dei Sundara Karma conoscete solo “Flame” e vi aveva letteralmente scaldati posso dirvi che non ci sarà alcun “ritorno di ...

The Wytches – Three Mile ...

Dopo ben quattro anni dal loro sophomore “All Your Happy Life”, i Wytches sono ritornati con un nuovo LP, il primo realizzato per la ...

Tunng – Tunng Presents… Dead ...

I Tunng tornano dopo due anni da “Songs You Make at Night”, con un album completamente incentrato sulla morte, un lavoro che non nasce ...

Flavio Ferri – Testimone di ...

Flavio Ferri, noto soprattutto per essere stato parte integrante e saliente della fulgida esperienza targata Delta V, sembra stia vivendo ...

Deadburger Factory – La ...

Nel nome d’un uomo che non s’arrende, è così che inizia il nuovo concept album dei Deadburger Factory, nel nome di qualcosa ...