PLANKTON DADA WAVE
Haus Of Dada

 
 
6 Agosto 2014
 

Plankton Dada Wave - Haus Of Dada

Mettete insieme un delirio galoppante, un filo di pazzia lungo un kilometro e uno spicchio di pensiero lontano a Frank Zappa ed ecco una infinitesimale idea – tutta da sviluppare – su quello che andrete ad ascoltare incontrando i varesini Plankton Dada Wave, il resto lo potete afferrare – se ci riuscite – tra le trame psichedeliche e squinternate di “Haus Of Dada” Ep, nuovo lavoro licenziato per Ghost Records, sei tracce che fanno perdere il controllo di tutti i giorni – se uno ce l’ha – per portarvi in una accelerazione energetica e psicologica in cortocircuito dove tutto è e nient’altro c’è, una straordinaria botta di vita sonora che non passa mica tutti i giorni.

Ritmi convulsi, avvicinamenti dell’ottavo tipo, fiatoni inguaribili e tanto, tanto post punk, funk, lisergie paghi uno e prendi sei, shuffle ska, rumorismi rap e litri e litri di simpatia che influenza in un attimo ogni resistenza a gettare via il tutto, un piccolo incantesimo pazzoide che catapulta qualsiasi orecchio in un mondo a parte, tra anarchia di stili e neuroni che fanno kung fu fighter con la realtà; tre brani su tutti – anche per lasciare doverosa suspance agli ascoltatori – ovvero l’elettrocardiogramma convulso che schizza in “Ygolohcysp”, l’industrial alieno che sobbalza dentro “Entr’acte” e l’espressività antagonista alla Cypress Hill, caliente e latinos che “Mucho mas” trasmette come due dita messe in una presa di corrente qualsiasi, il resto è una combustione che ve la porterete dietro per un bel po’.

C’è poco da aggiungere, il lato eccellente e serio della pazzia è tutto qui dentro, non aprite la “scatola” con fare dubitoso, ma vandalizzatola, i Plankton Dada Wave faranno altrettanto!

Haus Of Dada
[ Ghost Records – 2014]
Genere: Electro-pop
Rating:
1. Le gril
2. Yogolohcysp
3. Dope without hope
4. Entr’acte
5. Superheroes made in Japan Vs Supervillains made in Japan
6. Mucho mas

Tracklist
 
 

Greg Dulli – Random Desire

E’ raro fare qualcosa per la prima volta, dopo trent’anni di onorata carriera. Succede a Greg Dulli (Afghan Whigs, The Twilight Singers) ...

Beach Bunny – Honeymoon

Attesissimo (dal sottoscritto) l’esordio sulla lunga distanza della band di Lili Trifilio non possiamo dire che deluda, ma non riesce ...

Oh Wonder – No One Else Can ...

Avevo riposto delle discrete aspettative su questo nuovo lavoro del duo londinese, gran parte delle quali però disattese. Dispiace, perché ...

The Men – Mercy

Incredibile ma vero, i The Men sono riusciti a registrare ben tre dischi di fila con la stessa formazione. “Mercy” è l’ottavo album ...

Mariana Semkina – ...

Primo album solista per Marjana Semkina, voce degli iamthemorning (sempre lei nonostante lo spelling diverso del nome a lettere gotiche in ...