SHABAZZ PALACES
Lese Majesty

 
 
18 Settembre 2014
 

Nel 2011 erano stati una ventata di freschezza, un’alternativa intellettuale e raffinata all’estetica swag che dominava in ambito hip-hop; poi sugli Shabazz Palaces è sceso il silenzio e, considerata la proverbiale obliquità di un personaggio come Ishmael Butles (che nei novanta girava coi Digable Planets insieme, tra gli altri, a King Britt, un altro maestro tornato quest’estate con un nuovo alias, Fhloston Paradigm, e un disco davvero stratosferico sotto Hyperdub Records), nessuno avrebbe potuto stupirsi se non si fossero più ripresentati.

Invece gli Shabazz Palaces son tornati con un album, “Lese Majesty”, che pare iniziare esattamente dove finiva il precedente con la sospesa e cosmica “Dawn in Luxor”, ma che, col susseguirsi dei brani, diviene un lavoro ben più coeso, avvincente e ricco del suo predecessore.

Divisa in sette piccole suite l’opera sfugge sterili astrattismi, disegnando un concept che muove della atmosfere spaziali della prima “The Phasing Shift” ed arriva fino alle visioni afrofuturiste della conclusiva “Murkings on the Oxblood Starway” (formata da “New Black Wave” e “Sonic MythMap for the Trip Back” ): nel mezzo la psichedelia della seconda sezione (da “Solemn Swears” a “The Ballad of Lt. Maj. Winnings”) incontra le sinuosità della terza (da “Soundview” a “…down 155th in the MCM Snorkel”), prima di lasciare il palcoscenico alla bulimia pop di “#CAKE” (che quasi da sola compone la quarta suite “Pleasure Milieu”).

Non vi svelerò altro (eccetto una menzione, doverosa, per quella perla di “Motion Sickness”), lasciandovi con il consiglio di fare vostro questo secondo album degli Shabazz Palaces, uno scrigno capace di regalare meraviglia ad ogni ascolto.

Lese Majesty
[ SubPop – 2014]
Genere: elettronica, funk, hip-hop
Rating:
1. Dawn in Luxor
2. Forerunner Foray
3. They Come In Gold
4. Solemn Swears
5. Harem Aria
6. Noetic Noiromantics
7. The Ballad of Lt. Maj. Winnings
8. Soundview
9. Ishmael
10. …down 155th in the MCM Snorkel
11. Divine of Form
12. #CAKE
13. Colluding Oligarchs
14. Suspicion of a Shape
15. MindGlitch Keytar TM Theme
16. Motion Sickness
17. New Black Wave
18. Sonic MythMap for the Trip Back

Tracklist
 
 

FUR – Facing Home Mixtape EP

I FUR ci fanno perdere la trebisonda e ci mandano metodicamente in brodo di giuggiole, con la loro indole rétro che, ovviamente, si ...

Love Fame Tragedy – Wherever ...

Quest’anno alcuni ex leader di indie rock band made in UK hanno pubblicato i loro primi lavori da solisti. Si parla, ad esempio, di ...

Julianna Barwick – Healing Is ...

L’artista statunitense Julianna Barwick, di stanza a Brooklyn dopo i primi anni trascorsi tra Louisiana, dove è nata, e Missouri, con ...

Rufus Wainwright – Unfollow ...

Rufus Wainwright è tornato! E non si tratta solamente di un ritorno discografico, perchè con “Unfollow the Rules”, il ...

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...