L’ATTIMO FUGGENTE 22 DICEMBRE 2014

 
8 gennaio 2015
 

01. Singolo della Settimana: Coastal – We Drink To Remember
02. The Electric Pop Group – Parliament Square
03. Laura Marling – Short Movie
04. Robin Bacior – If It Does
05. The Decemberists – The Wrong Year
06. José González – Every Age
07. Piers Faccini – Keep Me
08. Alasdair Roberts – Artless One
09. Stone Jack Jones – Circumstance
10. Boduf Songs – My Continuing Battle With Material Reality
11. Epic45 – The Village Is Asleep
12. King Creosote & Jon Hopkins – Bats In The Attic
13. Gareth Dickson – Nunca Jamas
14. Barna Howard – Promise, I Won’t Laugh
15. Alela Diane – About Farewell
16. Chantal Acda – Arms Up High
Oldies, But Goldies: My Bloody Valentine
a) Isn’t Anything
17. My Bloody Valentine – Lose My Breath
18. My Bloody Valentine – Sueisfine
b) Loveless
19. My Bloody Valentine – When You Sleep
20. My Bloody Valentine – Sometimes

IL SINGOLO DELLA SETTIMANACoastal – We Drink To Remember:

Coastal

Coastal

I Coastal nascono nel 1999 quando il cantante e chitarrista Jason Gough e il bassista Josh Callaway iniziano a scrivere canzoni insieme, tentando una terza via tra la passione per lo shoegaze di Jason e le inclinazioni slocore di Josh.
Gough e Callaway arruolano Jim Harker alla batteria ma il trio sente la necessità di una voce femminile e così arriva prima Sarah Holyoak e poi Luisa Gough (moglie di Jason) a suonare l’organo e cantare i cori.
Nel maggio 2000 la band pubblica un ep autoprodotto con cinque brani che catturano l’orecchio della Words On Music che li rimasterizza e combina con tre nuove registrazioni per il loro omonimo album di debutto, che esce nel 2001. L’esordio è un successo, tanto che anche John Peel, il celebre DJ britannico, suona alcuni dei brani dei Coastal nel suo show su BBC Radio 1.

Nel 2004 i Coastal registrano il loro secondo album, “Halfway To You”, sempre per Words On Music. L’album contiene nove canzoni che mettono in risalto l’intreccio mozzafiato tra le voci dei coniugi Gough e, pur mantenendo la fragile bellezza del loro debutto, evoca un ambiente più strutturato, grazie anche ad una più ampia gamma di strumenti utilizzati – tra cui violoncello, campane, chitarra acustica, campionamenti e viola (per gentile concessione di Helen Maltby dei Lorna). Il risultato è un connubio di armonie che rivaleggia con il meglio di Alan Sparhawk e Mimi Parker (Low)o Neil Halstead e Rachel Goswell (Slowdive/Mojave 3).
A distanza di oltre dieci anni vedrà la luce, a gennaio 2015, “Beneath the Snow and Streetlights”, terzo album dei Coastal composto da 15 canzoni di cui cinque brani nuovi e una serie di interessanti rarità, versioni alternative e acustiche. “We Drink To Remember”, il nostro singolo della settimana, è il primo affascinante assaggio del nuovo corso dei Coastal. Godiamocelo.

L’Attimo Fuggente è una trasmissione radiofonica in diretta, condotta da Francesco Amoroso e Raffaello Russo, che va in onda ogni lunedì, dalle 21:00 alle 23:00 su Radio Città Aperta (88.900 MHz a Roma e nel Lazio) e in streaming (http://radiocittaperta.it/onair). Da oltre quattro anni, attraverso la radio e la propria pagina Facebook, grazie a rubriche, piccoli speciali e monografie in pillole, tantissime anteprime e novità, ma anche recuperi dal passato prossimo e remoto, coinvolgenti live acustici in studio, L’Attimo Fuggente tenta di dare assoluto ed esclusivo risalto alle emozioni nella musica. Le mode, i generi, il successo, vanno e vengono, ma le emozioni che la musica riesce a regalare rimangono per sempre.

Parafrasando il protagonista dell’omonimo film degli anni novanta: Non ascoltiamo e suoniamo musica perché è carino: noi ascoltiamo e suoniamo musica perché siamo membri della razza umana; e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento; ma la musica, la bellezza, il romanticismo, l’amore, sono queste le cose che ci tengono in vita.

 

Depeche Mode: la TOP 10 Brani

Quarant’anni di onorata carriera da compiere nel 2020 e quattordici album pubblicati. Questi sono alcuni numeri dei Depeche Mode che hanno ...

Oggi “Fake” degli ...

Mi viene da ridere. Gli Adorable sono il mio gruppo preferito, Pete è il mio idolo e ho la casa piena di loro cimeli, ditemi voi come ...

Oggi “Funeral” degli ...

Era il 2004 quando gli Arcade Fire si presentarono sulla scena con “Funeral”. Con una forza emozionale intrinseca che dire ...

Oggi “Kasabian” dei ...

Inghilterra, 2004. Sulla scena del rock si stagliano quattro giovani musicisti carismatici ed energici. Si chiamano Kasabian e sembrano ...

Oggi “There’s Nothing ...

Avevo bisogno di correre a perdifiato. Una corsa senza senso, veloce, rabbiosa. Ne avevo bisogno, era un pensiero incessante: volevo sentire ...