L’ATTIMO FUGGENTE 5 GENNAIO 2015

 
8 Gennaio 2015
 

01. Comet Gain – Behind The House She Lived In
02. Jenny Lysander – Giving Thanks
03. Tiny Ruins – Me At The Museum, You in the Wintergardens
04. Itasca – Nature’s Gift
05. Vashti Bunyan – Gunpowder
06. Luluc – Passerby
07. Angel Olsen – Windows
08. Myriam Gendron – Threnody
09. James Yorkston – Broken Wave (A Blues For Doogie)
10. Gem Club – Braid
11. Will Stratton – Long Live The Hudson River Valley
12. Caught In The Wake Forever – Forever Children
13. Sharon Van Etten – You Know Me Well
14. A Singer Of Songs – Another Day
15. Pale Lights – Fourteen Stories Tall
16. Aldous Harding – Stop Your Tears
17. Ned Roberts – Winter Sky
18. Micah P. Hinson – The One To Save You Know
19. Barzin – Fake It ‘Til You Make It
20. Distance, Light And Sky – Cold Summer Wood
21. Kishi Bashi – Q&A
22. Eels – Lockdown Hurricane
23. French For Rabbits – Woke Up To A Storm

I FESTIVE TEN degli ascoltatori de L’Attimo Fuggente:
01. French For RabbitsWoke Up To A Storm
02. Eels – Lockdown Hurricane
03. Kishi Bashi – Q&A
04. Distance, Light And Sky – Cold Summer Wood
05. Barzin – Fake It ‘Til You Make It
06. Micah P. Hinson – The One To Save You Know
07. Ned Roberts – Winter Sky
08. Aldous Harding – Stop Your Tears
09. Pale Lights – Fourteen Stories Tall
10. A Singer Of Songs – Another Day
10. Sharon Van Etten – You Know Me Well

frenchforrabbits

French For Rabbits

L’Attimo Fuggente è una trasmissione radiofonica in diretta, condotta da Francesco Amoroso e Raffaello Russo, che va in onda ogni lunedì, dalle 21:00 alle 23:00 su Radio Città Aperta (88.900 MHz a Roma e nel Lazio) e in streaming (http://radiocittaperta.it/onair). Da oltre quattro anni, attraverso la radio e la propria pagina Facebook, grazie a rubriche, piccoli speciali e monografie in pillole, tantissime anteprime e novità, ma anche recuperi dal passato prossimo e remoto, coinvolgenti live acustici in studio, L’Attimo Fuggente tenta di dare assoluto ed esclusivo risalto alle emozioni nella musica. Le mode, i generi, il successo, vanno e vengono, ma le emozioni che la musica riesce a regalare rimangono per sempre.

Parafrasando il protagonista dell’omonimo film degli anni novanta: Non ascoltiamo e suoniamo musica perché è carino: noi ascoltiamo e suoniamo musica perché siamo membri della razza umana; e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento; ma la musica, la bellezza, il romanticismo, l’amore, sono queste le cose che ci tengono in vita.

 

Oggi “Standing on the ...

Il 12 agosto del 1996 gli Oasis sono “semplicemente” il gruppo più famoso del mondo, il più ascoltato, il più chiacchierato. ...

Oggi “To Bring You My ...

Ricordo benissimo la prima volta che sentii la cassettina (e sì, erano decisamente altri tempi!) di “To Bring You My Love” ...

Oggi “Moondance” di Van ...

Primi anni novanta, superata da poco la soglia dei miei vent’anni, inizio a scandagliare ed acquistare, aborrendo i greatest hits, ...

Oggi “Hey Jude” dei Beatles ...

Nel ’70 i Beatles avevano un nuovo manager, Allen Klein, il quale, nonostante “Abbey Road” fosse stato pubblicato da pochi ...

Superdownhome: il diario di viaggio ...

I Superdownhome sono un duo bresciano formato da Beppe Facchetti ed Enrico Sauda. Le basi del loro sound sono da ricercare nella tradizione ...