TOP TEN ALBUM 2014 DI MATTEO GIOBBI

 
8 gennaio 2015
 

#10) THE BASEBALLS
Game Day

[Warner]

La musica si fa di nuovo Rock’n’roll/rockabilly e le atmosfere ( quelle sonore, ma anche look e pettinatura ) si rallegrano. Il risultato è piacevole, sospinto inoltre dall’impeto “ fifties “ di questi ragazzotti tedeschi.

“ Simpatico “ e riuscito: ottimo lavoro.

#9) AFGHAN WHIGS
Do To The Beast

[Sub Pop]
LEGGI LA RECENSIONE

Riff taglienti, chitarre distorte, tastiere strazianti incorniciano l’inconfondibile voce acuta e sofferta di Greg Dulli: gli Afghan Whigs rinascono e risplendono più luminosi che mai. Un album maturo per un sound completo e variegato.

Un grande ritorno.

#8) ALVVAYS
Alvvays

[Polyvinyl]

Gusto indie pop e melodie killer per canzoni dirette, immediate, tanto accattivanti quanto frizzanti.

Semplici e accessibili ma mai banali è l’album indie dell’anno.

#7) THE HORRORS
Luminous

[XL]

Matura il sound degli Horrors, in modo equilibrato e interessante, quanto nel mood dell’intero album.

Una sequenza di efficaci spaccati di synth, elettronica, psichedelia, percussioni tribali, ritmi ballabili e killer chorus, a impostare un album bellissimo e godibile.

#6) BECK
Morning Phase

[Capitol]

LEGGI LA RECENSIONE

Lento, malinconico ed acustico: ecco la cifra stilistica che domina l’ultima fatica di Beck.

Disco intimista e toccante per un autore dalla innata vena creativa

#4) DAMIEN RICE
My Favourite Fade Fantasy
[Warner Bros]

LEGGI LA RECENSIONE

Deciso ad abbracciare fino in fondo ed in maniera delicata le sue paure, le sue emozioni e le sue speranze, Damien Rice si muove con successo in direzione di un album intenso, sussurato emozionante e insieme raffinato, che fa del cantautore irlandese ( nuovamente ) espressione “ pura “ di sentimento.

Il disco è diverso dai due precedenti, non di rottura, ma una piacevole evoluzione tra arpeggi di chitarra elettrica, arrangiamenti degli archi ed il suono dolce di un piano. Bello, semplicemente bello.

#4) FABI, SILVESTRI, GAZZE’
Il Padrone della Festa

[SONY MUSIC]

Le cronache di tre amici, tre cantautori, tre romani. La costante di un disco importante, sia per l’attenzione ai contenuti, sia per la ricca e variegata offerta musicale. La cura contagiosa dei particolari e il quieto raccontare d’amore, di viaggio e prospettive, di storie di vita difficili e attuali.

Insomma, da qualsiasi punto di vista lo si guardi, si tratta di un lavoro inattaccabile.
Bravi.

#3) JACK WHITE
Lazaretto

[Third Man Records]

LEGGI LA RECENSIONE

Jack White è un mago della musica: Blues, soul, rock,country, suoni gotici, la sua ricerca sonora è estro, originalità, poliedrismo allo stato puro. “Lazaretto”, è il suo secondo album da solista, ed è un disco unico ma accessibile a tutti, veloce e ritmato, fluido e contrastante nella sua tracklist, dove il mondo del rock ed il mondo del blues si riflettono a specchio, stile e vena creativa si confondono nell’ esaltazione della potenza del talento musicale del ragazzo di Detroit.
Consigliato.

#2) BOY & BEAR
Harlequin Dream

[Nettwerk]

LEGGI LA RECENSIONE

Orecchiabilità pop, chitarre elettriche ed acustiche, ritornelli di facile presa e melodie bucoliche in salsa folk: ecco gli ingredienti degli australiani BOY & BEAR, quintetto neo-folk rock dall’indiscusso talento.

Gradevoli e solari per un album magico.

#1) THE WAR ON DRUGS
Lost In The Dream

[Secretly Canadian]

LEGGI LA RECENSIONE

Chitarre che suonano rock americano ispirato, raffinato ed evocativo, suoni elementari ma suggestivi, accordi convenzionali, strumenti e sovraincisioni, che vanno da echi di piano a synth e chitarre: il trionfo roots-rock a stelle e strisce per un album poetico, onirico e di estrema qualità.

Il disco più bello dell’anno.

 

Oggi “Supergrass” dei ...

Dite quel che volete dei Supergrass, ma non di aver abbandonato la nave quando il britpop sembrava essere davvero alla deriva. Cercarono, ...

Depeche Mode: la TOP 10 Brani

Quarant’anni di onorata carriera da compiere nel 2020 e quattordici album pubblicati. Questi sono alcuni numeri dei Depeche Mode che hanno ...

Oggi “Fake” degli ...

Mi viene da ridere. Gli Adorable sono il mio gruppo preferito, Pete è il mio idolo e ho la casa piena di loro cimeli, ditemi voi come ...

Oggi “Funeral” degli ...

Era il 2004 quando gli Arcade Fire si presentarono sulla scena con “Funeral”. Con una forza emozionale intrinseca che dire ...

Oggi “Kasabian” dei ...

Inghilterra, 2004. Sulla scena del rock si stagliano quattro giovani musicisti carismatici ed energici. Si chiamano Kasabian e sembrano ...