TOP TEN ALBUM 2014 DI WALTER SIMONI

 
12 gennaio 2015
 

#10) SYLVAN ESSO
Sylvan Esso
[Partisan]

Primo disco di un duo elettronico americano lineare e naif come tUnE-yArDs nel 2009 o Tender Forever nel 2005.

Insomma se vi piace il genere lo potete mettere su quella mensoletta lì.

#9) LIARS
Mess

[Mute]

LEGGI LA RECENSIONE

I Liars fanno quello che vogliono.

Quest’anno fanno un esperimento di elettronica cupa come neanche the Knife e così ipnotica da finire su questa lista contro il mio volere.

#8) ESSENTIAL MACHINE
Underneath The Earth

[Silver Seed]

Album piccolo piccolo tenero tenero firmato da una famigliola di Greensburg, Pennsylvania.

Ho guardato delle foto: anche il posto sembra carino.

#7) ALEXIS TAYLOR
Await Barbarians

[Domino]

Alexis Taylor ha una bella voce (che avete sentito negli Hot Chip) per cui anche se canticchia delle cose su un arpeggio fatto con il synth in modalità random a me piace.

#6) DAMON ALBARN
Everyday Robots

[Warner/XL]
LEGGI LA RECENSIONE

Anche Damon Albarn ha una bella voce però mi annoia un po’ quando canticchia con l’ukulele e un coro gospel dietro.

Qui dentro però c’è anche molto altro, e quel molto altro fa perdonare tutte le cose che non mi piacciono perché mi piacciono più di quelle che non mi piacciono.

#5) ADULT JAZZ
Gist Is
[Spare Thought]

Discone sperimentale dal Regno Unito.

Tra i Dirty Projector e gli Alt-J ma molto meno interessati alla forma-canzone. Con risultati a volte molto interessanti a volte un po’ dispersivi. Vale il discorso di sopra insomma.

#4) VEIVECURA
Goodmorning Utopia

[La Vigna]

Questo è un bellissimo album dall’inizio alla fine.

Non è più in alto nella classifica perché si sente tanto e a volte troppo l’influenza di Sufjan Stevens e Sigur Rós. Però è davvero bello. E viene dalla Sicilia. Anche la Sicilia è molto bella.

#3) RED CABIN
Right This Way

[Gadsen]

Red Cabin è il progetto solista di un certo Jonathan Foster.

Il disco, che potete trovare tutto sul suo Bandcamp, è un insieme di canzoni perfette che amalgama la spensieratezza degli Shins, la malinconia del Beck di “Mutations”, un po’ di psichedelia alla Gorky’s Zygotic Mynci e qualche follia ritmica à la Tim Exile. .

Dall’iniziale “Fellow Man”, passando per la struggente ballata “Broken Wave”, fino alla delicatezza pianistica di “You and Your Sister”, un’armonia che lascia inermi e esterrefatti.

#2) SISYPHUS
Sisyphus
[Ashmatic Kitty]

Sisyphus è il progettone di Serengeti, Son Lux e Sufjan Stevens.

Miscuglio perfetto delle qualità di ognuno di loro in 11 pezzi incredibili. Ciao lo vado a riascoltare.

#1) METRONOMY
Love Letters

[Because Music]

LEGGI LA RECENSIONE

Il vino che invecchiando migliora è come i Metronomy. Se con “The English Riviera” ci avevano fatto capire quale sarebbe stata la direzione del gruppo con Love Letters ci fanno accomodare in un salotto di nuvolette rosa bambagiate e ci fanno vivere il sogno.

Poi vincono anche grazie a un live perfetto per una trasmissione tv anni ’70 e una manciata di video al cui apice brilla quello di “The Upsetter”.
Tutto meraviglioso.

 

Oggi “Funeral” degli ...

Era il 2004 quando gli Arcade Fire si presentarono sulla scena con “Funeral”. Con una forza emozionale intrinseca che dire ...

Oggi “Kasabian” dei ...

Inghilterra, 2004. Sulla scena del rock si stagliano quattro giovani musicisti carismatici ed energici. Si chiamano Kasabian e sembrano ...

Oggi “There’s Nothing ...

Avevo bisogno di correre a perdifiato. Una corsa senza senso, veloce, rabbiosa. Ne avevo bisogno, era un pensiero incessante: volevo sentire ...

Oggi “The Contino ...

Richard Fearless e Tim Holmes erano due mestieranti della musica, conoscevano bene la materia, avevano passione, gusto, e conoscevano le ...

Oggi “Andate Tutti ...

Dieci anni fa gli Zen Circus hanno goliardicamente mandato tutti a quel paese. Potevano permetterselo dopo la lunga gavetta passata tra ...