L’ATTIMO FUGGENTE 2 FEBBRAIO 2015

 
5 febbraio 2015
 

01. Il Singolo della Settimana: David And The Circumstances – This Part Of Me
02. Martin Callingham – Hare On The Hill
03. Robbie Bankes – February Snow
04. S. Carey – Supermoon
05. Astronauts – Think On (2003)
06. Damon & Naomi – A Shining Dream
07. Next Three Miles – Falling Night
08. The South Road – Aquatic
09. Reza – Today Is The Day
10. The Leisure Society – Tall Black Cabins
11. Diagrams – Just A Hair’s Breadth
12. Scott Matthew – Ruined Heart
13. Last Harbour – The Pressure
14. Opal Onyx – Personal
15. Rima Kato – Life Is Warm
16. Satomimagae – Niji
17. Muffin – Picture Of The Night
18. Akira Kosemura – Confession
19. Takuyoshi Fujiyama – Light Place
20. Anoice – What Is Left
21.This Wil Destroy You – Mother Opiate
22. Il Nostro Bacio della Buona Notte: Mogwai – The Lord Is Out Of Control (Nils Frahm Remix)

IL SINGOLO DELLA SETTIMANADavid And The Circumstances – This Part Of Me:

David And The Circumstances - This Part Of Me

David And The Circumstances

David Groeneweg scrive canzoni su domande esistenziali, sulla luce, il buio e i crepuscoli che li separano. I suoi testi esplorano il confine chiaro tra la sua dimensione personale e “le circostanze” intorno a lui, in una continua osmosi tra perfezione e imperfezione. Un gentile picking acustico e armonie pianistiche sostengono il suo messaggio poetico, che attinge da influenze tipicamente cantautorali (Bob Dylan, Bright Eyes), ma anche dai linguaggi indie degli anni Duemila (Radiohead).
Dal 2008, David è stato il frontman della band indie-rock The Circumstances. Per quattro anni ha studiato musica presso il Conservatorio di Rotterdam, dove si è laureato nel 2012. Nel 2013 ha deciso di registrare un album da solista sotto il nome di David And The Circumstances, che non presenta più chitarre distorte e ritmiche pronunciate come nella sua esperienza precedente, ma soltanto chitarra acustica, minimali pièce di pianoforte, cori eterei e sottili riverberi creati con l’e-bow.
In “This Part Of Me” Groeneweg esprime, con understatement autentico e sentito, la sua dimensione più autentica, quella parte della sua identità umana e artistica attraverso la quale riesce a comunicare le proprie emozioni, con semplicità e schiettezza che colpiscono fin dalle prime note.

L’Attimo Fuggente è una trasmissione radiofonica in diretta, condotta da Francesco Amoroso e Raffaello Russo, che va in onda ogni lunedì, dalle 21:00 alle 23:00 su Radio Città Aperta (88.900 MHz a Roma e nel Lazio) e in streaming (http://radiocittaperta.it/onair). Da oltre quattro anni, attraverso la radio e la propria pagina Facebook, grazie a rubriche, piccoli speciali e monografie in pillole, tantissime anteprime e novità, ma anche recuperi dal passato prossimo e remoto, coinvolgenti live acustici in studio, L’Attimo Fuggente tenta di dare assoluto ed esclusivo risalto alle emozioni nella musica. Le mode, i generi, il successo, vanno e vengono, ma le emozioni che la musica riesce a regalare rimangono per sempre.

Parafrasando il protagonista dell’omonimo film degli anni novanta: Non ascoltiamo e suoniamo musica perché è carino: noi ascoltiamo e suoniamo musica perché siamo membri della razza umana; e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento; ma la musica, la bellezza, il romanticismo, l’amore, sono queste le cose che ci tengono in vita.

 

Oggi “Funeral” degli ...

Era il 2004 quando gli Arcade Fire si presentarono sulla scena con “Funeral”. Con una forza emozionale intrinseca che dire ...

Oggi “Kasabian” dei ...

Inghilterra, 2004. Sulla scena del rock si stagliano quattro giovani musicisti carismatici ed energici. Si chiamano Kasabian e sembrano ...

Oggi “There’s Nothing ...

Avevo bisogno di correre a perdifiato. Una corsa senza senso, veloce, rabbiosa. Ne avevo bisogno, era un pensiero incessante: volevo sentire ...

Oggi “The Contino ...

Richard Fearless e Tim Holmes erano due mestieranti della musica, conoscevano bene la materia, avevano passione, gusto, e conoscevano le ...

Oggi “Andate Tutti ...

Dieci anni fa gli Zen Circus hanno goliardicamente mandato tutti a quel paese. Potevano permetterselo dopo la lunga gavetta passata tra ...