BEN OTTEWELL
Rattlebag

[ Sunday Best - 2014 ]
7.5
 
Genere: songwriting
 
10 Marzo 2015
 

Avete presente quegli oggetti che conservate da sempre in casa per il valore simbolico o affettivo, quelle cose di cui fareste enorme fatica a liberarvi nonostante un retaggio estetico non proprio di primissimo livello? Ecco, se avete focalizzato bene e bazzicate questi lidi, capirete che anche in musica ci sono quelle band di cui non vi sbarazzereste mai, al di là della qualità dei dischi che sfornano. E’ pur sempre una questione di congiunzioni astrali nella vita, quando l’ascolto di un disco solca la scia di un’epoca particolarmente importante. I Gomez, per il sottoscritto, fanno parte di quel novero di band o artisti a cui perdonare tutto o quasi, a cui dare sempre una nuova possibilità e un nuovo giro di giostra. Ben Ottewell è un terzo delle voci dei Gomez, assieme a Ian Ball che con lui divide maggiormente il cantato e Tom Gray, più defilato ai cori e qualche controcanto. Delle tre è la voce più peculiare, roca e profonda, adatta maggiormente all’aspetto più blues della band.

Non era difficile immaginarne una carriera solista della quale “Rattlebag” , uscito sul finire dell’anno scorso e solo oggi distribuito in Italia, rappresenta il secondo lavoro dopo il buon “Shapes & Shadows” del 2011. A questo giro il Nostro gioca sul sicuro e non esce dal recinto di quello che gli viene meglio, giocando con atmosfere blues venate di pop e momenti di folk semiacustico dalle atmosfere agrodolci e primaverili. Senza giri di parole, se amate i Gomez anche delle ultime produzioni, un po’ meno coraggiose degli esordi ma sempre più che piacevoli, amerete anche questo disco. Brani come “Red Dress”, “So Slow” e “Distant Shore” ci resituiscono la semplicità di pochi accordi di chitarra, melodie in levare e una voce emozionante al confine tra giornate luminose e piccole, consapevoli malinconie quotidiane. Si cambia traiettoria nel passaggi più blues come “Edge” e “Papa Cuckoo” ma non si perde in qualità. Una lieve mancanza di coraggio si avverte qua e là, ma sono dettagli per chi come me a queste armonie non riuscirebbe mai a rinunciare. Gran bel disco, inaspettato e quasi timido, che sfuggirà ai grandi riflettori ma di cui avrò enormi difficolta a liberarmi.

Tracklist
1. Rattlebag
2. Red Dress
3. Patience and Rosaries
4. Starlings
5. No Place
6. Edge
7. So Slow
8. Papa Cuckoo
9. Shoreline
10. Stone
11. Distant Shores
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

The Mars Volta – The Mars ...

Lo scioglimento all’inizio del 2013, l’effimera ma produttiva reunion con gli At The Drive-In tra il 2016 e il 2018 e, infine, il ...

The Beths – Expert In A Dying ...

Nonostante il loro sophomore “June Rope Gazers” fosse uscito solamente a luglio 2020, l’attesa per questo terzo LP dei Beths, ...

Marcus Mumford – ...

Generalmente quando il frontman di una band decide di intraprendere una carriera solista (mantenendo comunque quella originale) non è mai ...

Whitney – Spark

Mi sono approcciato al nuovo album dei Whitney (band di Chicago capitanata dai fondatori Max Kakacek e Julien Ehrlich) con ancora nelle ...

Recent Comments