JESSE MALIN
New York Before The War

[ One Little Indian - 2015 ]
7.5
 
Genere: rock
 
14 Aprile 2015
 

Ho incrociato Jesse Malin ai tempi di “The Fine Art Of Self Destruction” nel 2003, un periodo in cui riuscivo a viaggiare come volevo e mi era facile legare gli ascolti a qualche posto della Gran Bretagna o della Scandinavia. Era un’epoca in cui riuscivo a vivere proiettato con le suggestioni del luogo che avrei visitato di lì a poco. Da allora l’avevo perso di vista e non posso negare che vedermi recapitato a casa il nuovo disco mi abbia fatto un certo effetto nostalgia. Non tanto perché i tempi oggi sono piuttosto cupi rispetto ad allora, ma perché avevo ancora quella spinta e quella curiosità per ogni singola uscita discografica che col tempo sta evaporando. Ho fatto girare nel mio lettore questo “New York Before The War” senza particolari aspettative, anzi, avevo quasi la certezza di una disillusione che mi avrebbe riportato all’amara realtà di un presente ben poco romantico e troppo pragmatico.

Invece mi sono come destato da un torpore e proiettato con la mente e con il cuore a quei tempi in cui ero fermamente convinto che la musica pop potesse salvarmi il culo in ogni situazione. Jesse Malin riesce ad illuminare a giorno anche le stanze che in apparenza erano destinate all’ombra perenne, lo fa con un disco semplice ai limiti della banalità, quella bella e fatta di sorrisi idioti e teste che si muovo a tempo di musica. “New York Before The War” è un disco di pop-rock radiofonico e americano, di quelli che avrebbero fatto la fortuna delle college radio di una quindicina di anni fa e sarebbe stato perfetto per un episodio di Dawson’s Creek o di Gilmore Girls, “Una mamma per amica” qui da noi”. Movimenti rock, pennellate di folk pop acustico e qualche ballata romantica ne fanno un disco come ce ne sono a centinaia, solo che baciato da un’ottima ispirazione e da melodie perfette. Un toccasana per orecchie, mente e cuore.

Credit Foto: Steven Sebring

Tracklist
1. The Dreamers
2. Addicted
3. Turn Up the Mains
4. Oh Sheena
5. She’s so Dangerous
6. The Year That I Was Born
7. Boots of Immigration
8. Freeway
9. Bent Up
10. She Don’t Love Me Now
11. Death Star
12. I Would Do It for You
13. Bar Life
 
 

Curtis Harding – If Words ...

“Regalami i fiori finché sono qui!” Chiedeva spesso la madre di Curtis Harding al proprio figlio. Lui forse non glieli comprava spesso ...

Red Kite – Apophenian Bliss

I Red Kite vengono dalla Norvegia e la loro ascesa oltre i confini nazionali è cominciata con l’esordio omonimo del 2019. Erano pronti a ...

Adele – 30

Si fa aspettare: ma solo per non deludere le aspettative. Adele è quel tipo di artista che non segue il trend: ne crea direttamente uno ...

Aimee Mann – Queens of the ...

Ci sono cantautrici, nel panorama musicale contemporaneo, che hanno saputo segnare un’epoca, pur rimanendo lontane dai riflettori e ...

Gianluca Secco – DanzaFerma

Gianluca Secco è un artista che seguo da tempo, ma posso dire che la mia passione per la sua vicenda artistica è scoccata in occasione di ...