DRENGE- UNDERTOW

[ Infectious - 2015 ]
6.5
 
Genere: Alt Rock
 
24 aprile 2015
 

E’ ufficiale: i fratellini Eoin e Rory Loveless son tornati a far danni. Dopo aver metabolizzato il successo piuttosto inaspettato dell’esordio, che si chiamava semplicemente “Drenge”, ci riprovano con questo “Undertow”. Squadra che vince non si cambia, si dice, e infatti i due Loveless tornano ad affidarsi al produttore Ross Orton (uno che ha lavorato con gli Arctic Monkeys, con Richard Hawley e con Jarvis Cocker giusto per fare qualche nome). In “Undertow” Eoin e Rory si avvalgono anche dell’aiuto di un nuovo acquisto però: il bassista Ron Graham. I Drenge sono diventati un trio quindi, ma la musica che fanno non è cambiata di una virgola.

Radicata saldamente negli anni novanta, sfrontata, trasuda rabbia adolescenziale da ogni nota. Una rabbia feroce e impotente, come quella di tutti i teenager che si rispettino. Eoin e Rory non sono più tanto ragazzini (almeno all’anagrafe) ma quelle sensazioni se le ricordano benissimo e ne fanno tesoro. “Introduction”, col suo minuto di minaccioso rumore, non deve ingannare. I Drenge sono e restano quelli di prima. In grado di mettere insieme riff taglienti e ritmi sfrenati con qualche ritornello accattivante. L’ABC del rock n roll insomma. E i due Loveless hanno studiato bene la lezione.

Non brillano per originalità ma si ascoltano con piacere, sia quando premono il piede sull’acceleratore ( “The Snake”, “Side By Side” , “We Can Do What We Want”) sia quando fanno i gotici (“The Woods”, “Running Wild”) o giocano col romanticismo più acido (“Standing In The Cold”). Sanno il fatto loro e lo dimostrano con lo strumentale che dà il titolo a questo secondo lavoro, che è anche la canzone con lo sviluppo più interessante di tutto il disco. Magari sarà musica per nostalgici, quella dei Drenge. Ma i trentasette minuti e spiccioli di “Undertow” filano via lisci come l’olio. Straight, No Chaser Rock N Roll. E va bene così.

Tracklist
1. Introduction
2. Running Wild
3. Never Awake
4. We Can Do What We Want
5. Favourite Son
6. The Snake
7. Side By Side
8. The Woods
9. Undertow
10. Standing In The Cold
11. Have You Forgotten My Name?
 
 

Pelican – Nighttime Stories

Sei anni dopo “Forever Becoming” e a quattro dall’ EP “Cliff” tornano i Pelican, alfieri di quella branca strumentale del post ...

Kate Tempest – The Book Of ...

“I came to under a red moon / Thirsty for water / My eyes were like shovels in the soil of the sky”. Comincia così “The Book Of Traps ...

Amyl and the Sniffers – ...

Primo album per Amyl and the Sniffers, band australiana che in soli tre anni e un paio di E.P., è riuscita a crearsi un nutrito seguito di ...

Hatchie – Keepsake

La principessa Hatchie, che qui su IFB gode di venerazione e statue personalizzate in redazione per celebrare il doveroso tributo, non ...

Combichrist – One Fire

Sulla copertina di “One Fire”, il nono album dei Combichrist, c’è il disegno di un mostro spaventoso. È una specie di Godzilla con ...