BRUNO BAVOTA
Mediterraneo

[ Dronarivm - 2015 ]
7
 
Genere: Ambient, Modern Classic, Songwriting, Folk
Tags:
 
28 Maggio 2015
 

La bellezza. La bellezza dell’emozione, la bellezza del vivere un’emozione, viva, estemporanea a tratti ma intensa, forte. La ricerca non dell’estetica del bello, ma la ricerca interiore del bello. Esplorare posti che ogni giorno ci vengono a cercare mentre ascoltiamo e soprattutto mentre facciamo musica. Trovare, ritrovarsi, sentire in sè e negli altri la forza dell’espressione. E’ qui che approda “Mediterraneo”, quarto album del partenopeo Bruno Bavota che traccia ma soprattutto coglie il bello che parte dalla sua incredibile Napoli per arrivare nell’Europa e oltre l’Europa, in Oriente. “Mediterraneo”, degno erede (e non era facile) di un disco notevole come lo era stato il suo predecessore “The Secret of The Sea”, continua un percorso artistico che avevamo accolto a pieni voti per la crescita stilistica e per il sound di Bavota. Il pianoforte strumento maestro che passeggia nel parco con chitarre acustiche, archi e tappeti sonori simili al vento che sibila il mare, i nostri pensieri, le nostre speranze. La ridondanza, la ripetizione del tema è la sostanza che regge la scaletta composta da 11 brani. Ma un aspetto timido, piccolo ma di un’efficacia presente è la melodia che quasi sempre ravviva quasi tutti i brani in scaletta. Magistrali i momenti “Alba” e  “The Night”, che scorrono una dopo l’altra.

“Mediterraneo” come il disco precedente ancora una volta accoglie il mare, fissa dimora e fissazione vera per chi vive di mare in una città come Napoli che del mare respira la vita ogni giorno. Ma “Mediterraneo” è anche l’abisso o meglio ancora la grandezza, una cavità marina che contiene uno zibaldone di sentimenti, il tormento e il raccoglimento come in “A Quiet Place”.

L’essenza del disco, che racchiude il leitmotiv di “Mediterraneo” si manifesta nel momento in cui parte il brano “Who Loves, lives”. Il concepimento musicale di getto, istintivo, sincero, puro. Poche note, qualche ricordo lontano perso, la memoria che si mescola con il presente, il brivido e all’improvviso senti un fremito ed è una fiume in piena quello che esce fuori. Da questo mix parte la melodia senza fine, senza tempo. Il pezzo potrebbe durare in eterno senza mai annoiare, il tempo si dilata alla Bergsoniana maniera, è qui che senti il Frahm che stupisce in giro per l’Europa.

Questa è poesia allo stato puro.

In conclusione:”Mediterraneo” è stata registrato in un unico giorno ed è stata suonato interamente al buio.Un’ esperienza sensoriale che il giovane artista ha riproposto nella fantastica e incredibile tournee in Giappone e che riproporrà nei prossimi live.

…Who loves, lives…

Tracklist
1. Interlude
2. Home
3. Hands
4. Who Loves, Lives
5. Alba
6. The Night
7. Mediterraneo
8. A Quiet Place
9. Sweet Fall
10. Passport To The Moon
11.Fairy Tale
 
 

bdrmm – Bedroom

Facile salire adesso sul carro dei vincitori. Facile osannare questi ragazzi stanziati in zona Hull/Leeds e definirli “nuovi eroi ...

Gum Country – Somewhere

Tanto nostalgico quanto piacevole. Courtney Garvin (che conosciamo per essere nei The Courtneys) e Connor Mayer ci conducono nel loro mondo ...

Arca – KiCk i

“KiCk i” è un calcio a sorpresa alla bocca dello stomaco che ti costringe a spalancare gli occhi e a guardare. Arca esiste, guardala. ...

Le voci di Gero – Il colore ...

Un disco impegnativo quello di Le voci di Gero, nome in codice di Andrea Aloisi, cantautore milanese con le idee chiare e i piedi ben ...

Altrove – Bolle

Ho seguito da vicino la lavorazione di quella miscela odorosa e raffinata che è “Bolle” sin dall’apertura dei cantieri, ...