TOMORROWLAND

5.5
 
 
 

Con l’arrivo della bella stagione arriva anche il blockbuster estivo targato Disney che dopo i flop al botteghino di “Prince of Persia”, “John Carter” e “The Lone Ranger” ora ci riprova mettendo in campo l’artiglieria migliore affidando la regia al talento di Brad Bird nato e custodito sotto l’egida della Disney -sin da quando era quattordicenne- nonché regista doppio premio oscar con “Gli Incredibili” e “Ratatouille” che torna a girare in live action dopo la buona prova di M”ission: Impossible – Protocollo Fantasma” rifiutando nel frattempo la proposta di girare la nuova trilogia di “Star Wars”, affidata poi al demiurgo J.J. Abrams, pur di concentrarsi su questo progetto.
Un budget notevole di 200 milioni di dollari, Damien Lindelof l’autore di “Lost” e “The Leftovers” alla sceneggiatura, i premi oscar Michael Giacchino alle musiche e Claudio Miranda alla fotografia ed un cast con George Clooney fiore all’occhiello e Hugh Laurie fuori dai panni del dottor House sono ingredienti succulenti, pregiati e difficili da ignorare.

“Tomorrowland”, è uno sci-fi che prende ispirazione dall’attrazione creata e voluta da Walt Disney a Disneyland, nel 1955, ed ora pronta a prendere vita sul grande schermo. Dato per certo al Festival di Cannes, il film Disney ha invece ‘saltato’ la vetrina della Croisette, seminando non pochi dubbi sui perché di una così clamorosa e inattesa assenza. Ed in effetti qualcosa non quadra.

La strana creatura di Bird e Lindelof è un ibrido che ambisce all’originalità dei temi e dalla morale positivista da sempre marchio dello spirito disneyano che fa da contraltare al catastrofismo odierno ma finisce per perdere la bussola e ritrovarsi nel vasto oceano del già visto, una sorta di Interstellar per adolescenti che mal gestisce i toni da screwball comedy e action-fantasy deludendo in entrambi i casi.

Anche la tanto vituperata e stupefacente Tomorrowland non viene valorizzata a dovere, e laddove viene infarcito di splendendi e geniali effetti speciali si perde in una trama inconsistente e con buchi narrativi irrisolti o poco credibili e fruibili dalla mente contorta e controversa di Lindelof. Quello che ne esce è un potenziale incredibile, sia a livello visivo che ecnico e narrativo sprecato. Il modello d’intrattenimento cinematografico classico e genuino, di matrice spielberiana anni 80, a cui la Disney ambisce ormai da tempo viene disattesa ancora una volta. Per Bird invece per fortuna è di nuovo in sella nell’animazione in casa Pixar con il sequel de “Gli Incredibili”.

Regia: Brad Bird
Produzione: Walt Disney Usa 2014
Sceneggiatura: Brad Bird, Damien Lindelof
Fotografia. Claudio Miranda
Scenografie: Scott Chamblers
Montaggio: Walter Murch
Costumi: Jeffrey Kurland
Musiche: Michael Giacchino
Cast: George Clooney, Britt Robertson, Hugh Laurie, Raffey Cassidy, Tim McGraw
Durata: 130'
 

Il Viaggio di Yao

di Kociss Leardini Il “viaggio di Yao” è un road movie del regista Philippe Godeau, un cineasta francese che finora ha diretto ...

Gomorra (Quarta Stagione)

Che la credibilità della prima straordinaria serie e, in parte, della seconda ce le potessimo dimenticare era chiaro da tempo. La quarta ...

Lo Spietato

Ispirata liberamente a “Gangster Calibro 9” di Colaprico, “Lo Spietato” è la storia del fascinoso gangster ...

The Dirt

Per discorrere di “The Dirt” apro una veloce digressione, perchè nel parlare dei Motley Crue non riesco ad esimermi da cari ricordi ...

The Avengers Endgame

Non si può parlare di “Avengers Endgame” senza osservare un paio di fattori. Anzitutto che “Endgame” è il film che ...