BETTIE BLUE
Yuma

[ autoprodotto - 2015 ]
7
 
Genere: stoner cantautoriale
 
15 Giugno 2015
 

Tempo fa, di fronte a supergruppi, formazioni in duo regalavano sempre quel pizzico di diffidenza, per via di una prestanza azzardata o quanto meno insignificante, ora tutto si è capovolto, fanno tendenza e soprattutto confezionano piccoli capisaldi alternativi da collezionare avidamente, quasi con la bava alla bocca.

I torinesi Bettie Blue escono sugli scaffali underground con il debut album “Yuma”, otto tracce di venefico stoner autoriale che dissipano ogni possibile dubbio circa l’antifona iniziale, un lavoro massiccio e di sostanza personalissima, elettrico fino l’anima e miracolosamente “illeso” da scimmiottamenti stilistici e quant’altro, una aggregazione di grazia rude che richiama senz’altro ad un’istintualità primigenia, ad un concetto di sfogo vitale, indispensabile.

Con la direzione artistica di Omid Jazi, “Yuma” è un cortocircuito di chitarra elettrica e percussioni selvagge, un “face to face, sound to sound” che frastorna e sfiora la libidine della nudità esecutiva, un bailamme dannatamente unico che è euforia sickness di stoner “customerizzato”, in cui il duo intride e innesta dadaismi doom noise “Il mio personale mostro di Lochness”, “No doubts”, doppietta che assesta colpi bassi di non poco conto.

Una certa psichedelica anni 70 si affaccia con la caotica Mamba surf, mentre uno stranissimo fraseggio epilettico funkeggiante “Opera tua” schizza di suo, anticipando stratosfericamente l’onda magnetica orientaleggiante che avvolge Everything but you, e sono sensazioni indimenticabili, sono le impeccabili graffiate di un duo che firma un tot di minuti (30) all’insegna di una espansione sonica quasi eterna, in cui il silenzio, come la morte, sono solo illusioni.

Tracklist
1. Un processo attento
2. Il mio personale mostro di Lochness
3. La persistenza della memoria
4. Mamba surf
5. No doubts
6. Opera tua
7. Everything but you
8. Yuma
 
 

Kevin Morby – Sundowner

Sempre piuttosto puntuale Kevin Morby realizza anche in questo triste 2020 un nuovo LP, il suo sesto solista, che arriva a distanza di ...

Anna von Hausswolff – All ...

Da tempo ormai la fatina svedese Anna von Hausswolff si è incamminata in un sentiero musicale ricco di incrinature, lontana da afflati pop ...

Jónsi – Shiver

C’era una discreta attesa per il nuovo lavoro da solista – a distanza di dieci anni dal suo esordio – di Jón Þor ...

Emmy The Great – April / ...

Era il febbraio 2016 quando Emmy The Great aveva pubblicato il suo terzo LP, “Second Love”: è passato ormai parecchio tempo, la Moss si ...

Working Men’s Club – ...

Abbiamo puntato le luci dei nostri riflettori sulla band di Sydney Minsky-Sargeant sin dai singoli d’esordio, quando la prima ...