FLORENCE AND THE MACHINE
How Big, How Blue, How Beautiful

[ Island - 2015 ]
8
 
Genere: Pop, Art Pop
 
15 Giugno 2015
 

C’è stato un tempo in cui Gesù di Nazareth predicava: “Il vostro parlare sia , , no, no; il di più viene dal Maligno”; c’è un tempo presente in cui Florence and the Machine consegna al pubblico il suo terzo album “How Big, How Blue, How Beautiful” e non sembra un modo minore per celebrare le affermazioni di carattere assoluto. Perché se i suoni di “Lungs” (2009) si distinguevano per una specifica arguzia pop, fra fidanzati che costruivano bare e ragazze con un occhio solo, se “Cerimonials” (2011) diluiva il sentimento nei flussi purificatori dei fiumi da cui rinascere, “How Big, How Blue, How Beautiful” non trova più spazio per le sfumature emotive e i compromessi ragionati: il tuo amore sia sì o sia no, il resto è dei mediocri. La tua musica sia grande, più grande ancora, o non sia niente, perché le mezze misure sono per chi teme l’altezza e non è il caso di Florence Welch.

“Ship To Wreck” in apertura imposta il volume ai massimi: qui è luogo di derive e il finale già scritto è quello del naufragio [con buona pace del producer Markus Dravs, che aveva chiesto a Florence di non scrivere più testi acquatici]. Gridano rabbia non meno della voce, gli strumenti barocchi di “What Kind of Man”, impetuosa di chitarre elettriche e trombe: “tu eri dall’altra parte, come al solito esitante nell’indecisione, che razza di uomo ama così?”. Il tuo sì sia sì, il tuo no sia no, ve lo dicevo. “Queen Of Peace” e “Various Saints And Storms” si alzano gradualmente maestose e corali sulle ceneri della sconfitta. Non ci saranno miracoli in “How Big, How Blue, How Beautiful”, nato sotto il segno di “St. Jude”, in riferimeto al patrono delle cause perse e alla tempesta che ha colpito il Regno Unito nell’ottobre 2013 – facile linguaggio figurato per la propria relazione in crisi. Non ci sono né vincitori né vinti ma una drama queen con i capelli rossi e un palcoscenico che esige a scenografia la luna il cielo le stelle, quelle vere, mica di cartapesta: il tuo dolore riguarda l’universo tutto e tutto l’universo te ne parla. Arrivano momenti di tregua – “Caught”, “Mother” – ma meno memorabili dei canti di guerra che rendono il terzo full length della Welch un prodotto ricco e maestoso, ancora una volta.

Non è Amy Winehouse, non è Adele, non è Sharon Van Etten PJ Harvey (le ultime sono un altro circuito, ma vabbè). Florence Welch ha un posto tutto suo lì dove anche il pop da classifica incontra l’artigianato musicale personale e non ripetibile. “How Big, How Blue, How Beautiful” ne è solo la terza, ennesima conferma.

Ho sempre provato invidia mista a fastidio per la pacatezza, per le emozioni tenui, le discussioni razionali, le donne e gli uomini che non si scompongono ma rimangono pietra nella loro inalterabile superiorità. “How Big, How Blue, How Beautiful” invece è teatrale, eccessivo, dice che non tutti i sentimenti possono essere sospirati ma certe volte è anche questione di voci alzate e porte sbattute. E alla fine va bene anche ritrovarsi sempre da questa parte qui, che forse è quella del torto, ma anche quella della carne viva, e di Florence Welch, negli annuari, Maddalena di rossi capelli del pop britannico.

Tracklist
1. Ship To Wreck
2. What Kind Of Man
3. How Big, How Blue, How Beautiful
4. Queen Of Peace
5. Various Storms & Saints
6. Delilah
7. Long & Lost
8. Caught
9. Third Eye
10. St. Jude
11. Mother
12. Hiding
13. Make Up Your Mind
14. Which Witch (Demo/Bonus Track)
15. Third Eye (Demo/Bonus Track)
16. How Big, How Blue, How Beautiful (Demo/Bonus Track)
 
 

Altrove – Bolle

Ho seguito da vicino la lavorazione di quella miscela odorosa e raffinata che è “Bolle” sin dall’apertura dei cantieri, ...

Nic Cester – Live Across ...

Nic Cester, australiano di nascita e milanese d’adozione, ama molto l’Italia. Un affetto sincero e non di circostanza che traspare ...

Westerman – Your Hero Is Not ...

A due anni di distanza dal suo “Ark ep” del 2018, Will Westerman confeziona dodici fluttuanti tracce dalle livree dense di ...

Kidbug – Kidbug

Una storia d’amore può anche essere l’occasione per formare una band. Marina Tadic la conosciamo per il suo lavoro negli Eerie ...

Zoon – Bleached Wavves

BOOM! Che disco signori e signore. Daniel Monkman è un talento che abbiamo imparato a conoscere nel corso di questi mesi, con le prime ...