L’ATTIMO FUGGENTE 13 LUGLIO 2015

 
21 luglio 2015
 

01. Il Nostro Singolo della Settimana: The School – Do I Love You?
02. The Proctors – Summer Begins
03. Talking Bush – There Is Now
04. Shelf Life – The Curse
05. The Color Waves – Rose
06. Lorna – Bigger Than Sound (And Greater Than Us)
07. Vio/Miré – The Largest Ships
08. Postcards – Walls
09. Heirloom – Lily White
10. Rosemary & Garlic – California
11. Wednesday’s Wolves – Keep Me Cold
12. Rosie Caldecott – Blizzards
13. Laish – My Little Prince
14. Laish – Pace Of Life
15. Laish – Love On The Conditional
16. Laish – Poltergeist
17. Mock Deer – A Hidden Stone
18. Shevek – Too Much
19. Ben Seretan – The Confused Sound Of Blood In A Shining Person
Oldies, But Goldies: Pram – Sargasso Sea [Too Pure 1995]
20. Pram – Little Scars
21. Pram – Serpentine
22. Pram – Earthing And Protection
23. Il Nostro Bacio della Buona Notte: Stereolab – Monstre Sacre

IL SINGOLO DELLA SETTIMANAThe School – Do I Love You?:

The School by Simon Ayre

The School

I The School sono una band di otto elementi, proveniente dal Galles e capitanata da Liz. Con alle spalle già due album, “Loveless Unbeliever” (2010) e “Reading Too Much Into Things Like Everything” (2012), la band gallese si appresta a far uscire all’inizio di settembre il proprio terzo lavoro “Wasting Away and Wondering”, che vedrà la luce, come i suoi predecessori sull’etichetta spagnola Elefant. Registrato in Galles da Rob Jones, che ha anche prodotto “Ships” di un altro gallese eccellente, Sweet Baboo, il nuovo album sarà ancora una volta golosamente farcito dei suoni che hanno reso The School una delle band più amate della scena Indie Pop.
Il loro suono è legatissimo ai fifties e fa tornare alla mente i primi Camera Oscura o i Belle And Sebastian più spensierati, ma è soprattutto decisamente influenzato dal muro di suono di Phil Spector, dai girls-group come le Supremes, le Shangri-Las e le Ronettes, ma anche i Beach Boys, solo per fare qualche nome.
Il nostro singolo della settimana, “Do I Love You?”, che, in free download, anticipa l’album di un paio di mesi, è la risposta al femminile in stile Northern Soul al classico di Frank Wilson dal titolo pressoché omonimo. Una canzone perfetta per ballare, languire al sole, godersi la malinconia dell’estate e fare da colonna sonora a una fugace passione estiva. In attesa che arrivi settembre a portare via tutto questo, ma a regalarci il terzo album dei nostri gallesi preferiti.

L’Attimo Fuggente è una trasmissione radiofonica in diretta, condotta da Francesco Amoroso e Raffaello Russo, che va in onda ogni lunedì, dalle 21:00 alle 23:00 su Radio Città Aperta (88.900 MHz a Roma e nel Lazio) e in streaming (http://radiocittaperta.it/onair). Da oltre quattro anni, attraverso la radio e la propria pagina Facebook, grazie a rubriche, piccoli speciali e monografie in pillole, tantissime anteprime e novità, ma anche recuperi dal passato prossimo e remoto, coinvolgenti live acustici in studio, L’Attimo Fuggente tenta di dare assoluto ed esclusivo risalto alle emozioni nella musica. Le mode, i generi, il successo, vanno e vengono, ma le emozioni che la musica riesce a regalare rimangono per sempre.

Parafrasando il protagonista dell’omonimo film degli anni novanta: Non ascoltiamo e suoniamo musica perché è carino: noi ascoltiamo e suoniamo musica perché siamo membri della razza umana; e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento; ma la musica, la bellezza, il romanticismo, l’amore, sono queste le cose che ci tengono in vita.

 

Oggi “Supergrass” dei ...

Dite quel che volete dei Supergrass, ma non di aver abbandonato la nave quando il britpop sembrava essere davvero alla deriva. Cercarono, ...

Depeche Mode: la TOP 10 Brani

Quarant’anni di onorata carriera da compiere nel 2020 e quattordici album pubblicati. Questi sono alcuni numeri dei Depeche Mode che hanno ...

Oggi “Fake” degli ...

Mi viene da ridere. Gli Adorable sono il mio gruppo preferito, Pete è il mio idolo e ho la casa piena di loro cimeli, ditemi voi come ...

Oggi “Funeral” degli ...

Era il 2004 quando gli Arcade Fire si presentarono sulla scena con “Funeral”. Con una forza emozionale intrinseca che dire ...

Oggi “Kasabian” dei ...

Inghilterra, 2004. Sulla scena del rock si stagliano quattro giovani musicisti carismatici ed energici. Si chiamano Kasabian e sembrano ...